sei in Home > Paleontologia > News > Dettaglio News
1 Ottobre 2010 PALEONTOLOGIA
Hayes da Jacqui, Cosmos Online Liutprand.it
I PRIMI CHE SCOPRIRONO LE AMERICHE FURONO GLI AUSTRALIANI?
FOTOGALLERY
tempo di lettura previsto 5 min. circa

SYDNEY, 30 settembre 2010 - Caratteristiche craniche distintive degli aborigeni australiani sono presenti in centinaia di teschi che sono stati scoperti in Centro e Sud America, alcuni risalenti a oltre 11.000 anni fa.

Il biologo evoluzionista Walter Neves dell'Università di São Paulo, i cui risultati sono riportati in un articolo di copertina dell'ultimo numero della rivista Cosmos, ha esaminato questi scheletri e ne ha recuperati altri, e sostiene che vi è ora una massa di prove che indicano che almeno due diverse popolazioni colonizzarono le Americhe.

Lui e i suoi colleghi negli Stati Uniti, in Germania e in Cile sostengono che il primo popolamento era strettamente legato agli aborigeni australiani e arrivò più di 11.000 anni fa.

Morfologia cranica

La seconda popolazione ad arrivare fu l'uomo di aspetto 'mongoloide' - con una morfologia cranica distintiva di persone di origine orientale e del Nord asiatico - che entrò nelle Americhe dalla Siberia e fondò la maggior parte (se non tutti) dei popoli dei nativi americani, egli sostiene.

"I risultati suggeriscono una spiccata affinità biologica tra i primi sudamericani e la popolazione del Sud Pacifico. Questa associazione ha permesso di concludere che le Americhe erano occupate prima della diffusione della morfologia classica mongoloide proveniente dall'Asia", ha detto Neves.

Fino a circa un decennio fa, la teoria dominante nei circoli d'archeologia americani era che il 'popolo Clovis' - la cui cultura è definita dagli strumenti di pietra che usava per uccidere megafauna, come i mammut - fosse stato la prima popolazione ad arrivare nelle Americhe.

La cultura Clovis

Si pensava che avessero attraversato lo stretto di Bering sino in Alaska dalla Siberia alla fine dell'ultima glaciazione, circa 10.000 anni fa, al seguito di mandrie di megafauna attraverso un ponte di terra creato quando l'acqua era gelata, nei ghiacciai e nelle calotte polari.

Ma alla fine del 1990 Neves e i suoi colleghi riesaminarono uno scheletro femminile che era stato scavato nel 1970 in un vasto sistema di grotte nel Brasile centrale, noto come Lapa Vermelha.

Lo scheletro - insieme a un tesoro di altri reperti - era stato portato alla luce da un gruppo archeologico brasiliano-francese, che si sciolse poco dopo quando la suo leader, Annette Laming - Emperare, morì improvvisamente. Una controversia tra i partecipanti bloccò la ricerca per più di un decennio.

Il più antico scheletro femminile, soprannominato Luzia, ha un'età compresa tra 11.000 e 11.400 anni. La datazione non è esatta, perché il materiale delle ossa usate per la datazione - collagene - era da tempo degradato, di conseguenza solo gli strati di carbone di legna o di sedimenti sopra e sotto lo scheletro potevano essere datati.

"Siamo convinti che questo sia il più antico scheletro delle Americhe", ha detto Neves.

Luzia ha un volto molto prominente; il mento sporge oltre la fronte, e lei ha una lunga e stretta scatola cranica, misurata dagli occhi alla parte posteriore del cranio, così come un naso basso e le orbite basse, ossia lo spazio dove hanno sede gli occhi.

Questi tratti del viso sono indicativi di ciò che Neves chiama 'generalizzata morfologia cranica' - la morfologia degli esseri umani anatomicamente moderni, che per primi emigrarono dall'Africa più di 100.000 anni fa, e raggiunsero l'Australia circa 50.000 anni fa, e la Melanesia 40.000 anni fa.

Nuovi reperti in sette siti

Quando Neves annunciò la sua scoperta di Luzia alla fine del 1990, fu criticato da un certo numero di archeologi, che sostenevano che la datazione non era precisa. Da allora è tornato a scavare altri quattro siti, e sta ancora catalogando scheletri dagli scavi più recenti.

In totale, ci sono ormai centinaia di scheletri con la morfologia del cranio simile a quella degli aborigeni australiani, trovati in sette siti - dal lontano nord alla Florida negli Stati Uniti a Palli Aike nel Cile meridionale.

Nel 2005 egli ha pubblicato un articolo sulla rivista americana Proceedings of the National Academy of Sciences, analizzando le caratteristiche di altri 81 scheletri provenienti da uno dei quattro siti, che rafforzano la sua tesi secondo la quale ci sono state migrazioni verso le Americhe di almeno due popolazioni principali.

Non connesse ai nativi americani

Nel giugno 2010, nella rivista PLoS ONE, Neves e i colleghi Marco Hubbe dell'Università Cattolica del Cile del Nord e Katerina Harvati dell'Università tedesca di Tübingen hanno dimostrato che non era possibile che gli scheletri con caratteristiche simili a quelle degli aborigeni potessero essere gli antenati diretti dei nativi americani.

Né è stato possibile che le due popolazioni condividessero un antenato comune, al momento del primo arrivo nel continente, come essi hanno sostenuto, sulla base delle 57 misurazioni craniche che possono essere fatte su un teschio.

Finora quasi tutti gli studi del DNA dei Nativi indicano una singola entrata dalla Siberia. Questo può significare che la popolazione di origine aborigena si è estinta, o semplicemente che gli studi del DNA sono stati troppo limitati, sostiene un gruppo archeologi.

Necessarie prove genetiche

"La mancanza di una perfetta corrispondenza tra le informazioni morfologiche e molecolari può essere facilmente spiegata con un evento molto frequente in evoluzione molecolare: la perdita di lignaggi del DNA nel tempo", dice Neves.

"All'inizio, ho pensato che ci fosse stata una sostituzione completa della popolazione [in Sud America]", proprio come c'è stato un ricambio di una popolazione simile in Asia orientale nel corso del passaggio dal Pleistocene all'Olocene.

Tuttavia, ora pensa che il popolo originario sia stato, almeno in parte, assorbito nei gruppi colonizzatori. "Io non ho rilevato nulla che possa dire che s'incrociarono [come ad esempio crani che presentino caratteristiche miste].

"Ma penso che lo faremo. Sarebbe improbabile se queste persone vivessero fianco a fianco per 10.000 anni e non si siano incrociate", ha aggiunto.

Fonte: http://www.cosmosmagazine.com/news/3774/did-australian-aborigines-reach-america-first


Nessun evento in programma

Vai calendario eventi completo >