sei in Home > Archeologia > News > Dettaglio News
17 Giugno 2010 ARCHEOLOGIA
Rossella Lorenzi La redazione di La Porta del Tempo
CON I BODY-SCANNER DEGLI AEREOPORTI SI STUDIERANNO LE MUMMIE
FOTOGALLERY
tempo di lettura previsto 2 min. circa

scienziati svizzeri e tedeschi hanno sperimentato con "body scanner" aeroporto per uno scopo meno controversa - screening antiche mummie.

"Abbiamo trovato che questo metodo di imaging non invasivo è ben adattato per lo studio di antichi tessuti molli mummificati imbalsamazione e sostanze affini", anatomista svizzero e paleopathologist Frank Rühli ha detto Discovery News.

Le mummie sono in genere studiati con i raggi X convenzionali o scansioni di tomografia computerizzata, che forniscono il più chiaro le immagini.

Ma ad alta risoluzione ha un prezzo.

Le radiazioni ionizzanti utilizzate da raggi X e TAC possono distruggere molto frammentato DNA antico. Ma le radiazioni terahertz di "body scanner" sono completamente innocui per le cellule umane e non distruggere il tessuto.

Secondo Rühli, capo della Swiss Mummy Project presso l'Università di Zurigo e uno dei maggiori esperti mummia più importanti del mondo, antichi esemplari a secco sono l'ideale per l'imaging con la tecnologia.

Mentre gli scanner corpo non può penetrare nel corpo umano fortemente idratati, possono facilmente passare attraverso mummie essiccate.

Rühli e colleghi presso l'Università di Friburgo in Germania testato basso onde terahertz potere con la scansione di un antico pesce mummia egiziana, la mano di una mummia di 3.300 anni, egiziano e di una vertebra lombare macerate umana.

Anche se le immagini ottenute non erano così chiare come i raggi X e TAC, la terahertz imaging in grado di distinguere le strutture ossee e cartilaginee da circostanti tessuti molli.

Inoltre, è stato possibile identificare importanti caratteristiche anatomiche, come spina dorsale del pesce e umane ossa del metacarpo.

"Questa tecnologia innocua può anche essere utilizzato per il rilevamento di oggetti nascosti, come amuleti funerari o con oggetti metallici nascosti nel bendare, per non menzionare la possibilità di identificare le sostanze chimiche ed essenze utilizzate nel processo di imbalsamazione, " Rühli ha detto.

Visto il successo dello studio di fattibilità, Rühli e colleghi in programma di testare la tecnologia su campioni più grandi.

"Il nostro obiettivo è quello di eseguire la scansione forse una mummia intero, " ha detto Rühli.

TAG: DNA, Mummie

Nessun evento in programma

Vai calendario eventi completo >