sei in Home > Archeologia > News > Dettaglio News
25 Aprile 2010 ARCHEOLOGIA
Science Daily
ESTATI BAGNATE NEL MEDIOEVO EUROPEO
FOTOGALLERY
grafico pioggie negli ultimi 1000 anni
tempo di lettura previsto 4 min. circa

La grave epidemia di peste conosciuta come la "peste nera" causò la morte di un terzo della popolazione europea nel XIV secolo. E' probabile che le condizioni climatiche del tempo siano state un fattore che contribuì al disastro. "Il tardo medioevo fu un periodo unico dal punto di vista del clima", spiega il dottor Ulf Büntgen del Politecnico federale per la foresta, la neve e il paesaggio (WSL) di Birmensdorf, Svizzera. "È significativo che ci siano state fasi distinte, in cui le estati erano più umide di quanto non siano oggi".

Che cosa abbia avuto luogo al momento può essere ricostruito oggi studiando gli anelli di crescita annuale di querce secolari. "Gli anelli di crescita annuale ci forniranno un indicatore preciso di siccità estiva per ogni singolo anno, risalente al tardo medioevo", aggiunge il professor Jan Esper del Johannes Gutenberg di Magonza. Insieme ai colleghi presso le università di Bonn, Giessen e Gottinga, e Büntgen Esser riusciti, con l'aiuto delle informazioni fornite dagli anelli di crescita dell'albero, per la prima si sono individuati i periodi di siccità estivi su zone estese della Germania negli ultimi 1000 anni. I risultati sono stati pubblicati sull'importante rivista specializzata Quaternary Science Reviews.

Utilizzando la dendrocronologia, i ricercatori sono stati in grado di dimostrare, per esempio, che una trave di colmo in una vecchia casa in legno nella città di Kassel dovesse provenire da un albero abbattuto nel 1439. In questa tecnica, lo schema degli anelli di crescita annuale è confrontato con quelli di campioni di legno già datato. "Possiamo quindi determinare l'età esatta di ogni fascio", afferma Büntgen, descrivendo il processo. La trave di colmo era in grado di fornire informazioni sulle estati passate a Kassel, se erano bagnate o asciutte. "Se un'estate tendeva ad essere bagnata, gli alberi in generale crescevano più velocemente, con il risultato di anelli di crescita più ampi", spiega Esper. Tuttavia, le informazioni disponibili da un solo fascio non sono sufficienti per consentire di trarre conclusioni attendibili sul clima a Kassel a partire dal 1439. Un gran numero di campioni di legno sono necessari.

Per il loro studio i ricercatori hanno analizzato 953 differenti pezzi di legno di quercia. Per ottenere informazioni sul passato più recente, hanno preso legno proveniente da alberi viventi. Essi hanno altresì preso campioni di elementi da costruzione in legno delle vecchie case a graticcio, castelli e chiese, quindi grosso modo il periodo degli ultimi 1000 anni. Tutti i campioni di costruzioni in legno sono stati ottenuti nel nord dello stato tedesco dell'Assia e nel sud della Bassa Sassonia, mentre il legno vivo proveniva dalla regione del National Kellerwald-Edersee Park. "Gli alberi di quercia in questo settore sono particolarmente sensibili ai cambiamenti climatici", afferma Büntgen, spiegando perché questi siti siano stati selezionati. Il campione più antico di legno utilizzato in questa indagine risale all'anno 996 d.C., un tempo in cui il Sacro Romano Impero si era appena costituito. Un totale di 135.000 singoli anelli di crescita sono stati misurati per ottenere un quadro dettagliato della storia della pioggia in Germania, per grandi epoche che vanno dal clima ottimale medievale (caldo e umido) attraverso la Piccola Età Glaciale (secco e freddo) sino a quella dei cambiamenti climatici del Periodo Industriale (caldo e asciutto).

Più piogge estive tra il 1350 e il 1370

Il tardo medioevo fu caratterizzato da due distinti periodi umidi in Europa centrale, nei secoli XIII e XIV, separati da clima estivo asciutto tra il 1300 e il 1340. "L'incremento delle piogge estive tra il 1350 e il 1370 è notevole e si è verificato proprio nel momento in cui scoppiò la peste e si diffuse in tutto il continente europeo", Büntgen specifica. Questa è stata seguita da una fase generale di secca dal tardo XV al XVIII secolo. Altre estati umide si sono verificate all'inizio e alla fine del XVIII secolo, mentre una tendenza verso un clima più secco si è sviluppata nel corso degli ultimi 200 anni.

"Pensiamo che i nostri risultati saranno utili anche per gli storici, in quanto è forse possibile associare alla siccità e carestie anche eventi di migrazione su larga scala, " è il parere condiviso dai ricercatori climatici Büntgen e Esper. I ricercatori sperano che la collaborazione tra le scienze naturali e sociali in progetti di ricerca interdisciplinare, in futuro, possa fornire maggiori informazioni sulle connessioni tra processi climatici e sociali del cambiamento. Si intende proseguire questa ricerca con particolare attenzione allo sviluppo delle epidemie di peste medievali, la Morte Nera.


Nessun evento in programma

Vai calendario eventi completo >