sei in Home > Paleontologia > News > Dettaglio News
5 Novembre 2007 PALEONTOLOGIA
galileonet.it
Parenti volanti
FOTOGALLERY
tempo di lettura previsto 2 min. circa

Si chiama colugo delle Filippine (Cynocephalus volans), meglio noto come lemure volante (anche se in realtà non è affatto un lemure), ed è l'animale geneticamente più vicino ai primati, l'ordine che comprende anche noi esseri umani. Lo rivela uno studio guidato da Jan Janecka e William Murphy alla A&M University del Texas, pubblicato su Science. I ricercatori hanno analizzato quasi duecentomila sequenze geniche cercando corrispondenze nel Dna di primati, colughi e tupaidi. Hanno poi confrontato le parti corrispondenti per trovare particolari mutazioni che consistono in inserzioni o delezioni, ovvero in lettere del codice genetico aggiunte o eliminate nel corso dell'evoluzione. Le specie che condividono le stesse delezioni, infatti, hanno più probabilità di avere un antenato comune e sono più strettamente correlate tra loro rispetto a specie che non le condividono. Gli studiosi hanno poi analizzato le sequenze di diciannove geni, alla ricerca di altre mutazioni in comune.

Entrambe le analisi hanno dato lo stesso risultato: il colugo sembra essere l´animale più vicino ai primati, con cui ha in comune sette delezioni. Segue la tupaia, un piccolo insettivoro dal naso appuntito, che condivide con il nostro ordine una sola di queste particolari mutazioni. "La determinazione di queste parentele è molto importante sia per l´antropologia sia per la genomica" commenta Murphy. Il dibattito scientifico sulle origini dei primati è infatti molto acceso: né le classificazioni a partire dai fossili, né le analisi filogenetiche lo hanno sinora risolto.

I colughi sono animaletti della foresta pluviale del Sud-est Asiatico. Hanno le dimensioni di un gatto, il corpo simile a quello di uno scoiattolo e il muso che ricorda quello di un topo o di un pipistrello. Sono detti lemuri volanti per via di una membrana, detta patagio, che si tende dal collo alle dita dei quattro arti e alla coda, che permette loro di planare da un albero all´altro, coprendo con un salto distanze di oltre cento metri. Quasi tutti i tassonomisti classificano i primati, i colughi e le tupaie nel superordine degli Euarchonta, ma la loro rapida evoluzione rende difficile stabilire il grado di relazione tra le specie. I prossimi passi saranno il sequenziamento del genoma dei colughi e la ricerca dell´antenato comune tra loro e i primati.

TAG: DNA, Atlantide

Nessun evento in programma

Vai calendario eventi completo >