sei in Home > Archeologia > News > Dettaglio News
25 Febbraio 2009 ARCHEOLOGIA
La redazione di La Porta del Tempo
ITALY PLANS VIRTUAL BAGHDAD MUSEUM
tempo di lettura previsto 6 min. circa

After helping to fund the reopening of Iraq's National Museum, Italy is planning a virtual exhibition of Mesopotamian and Islamic treasures, many of which are still missing from the looted Baghdad repository, officials said Wednesday.

Starting late next month, Internet surfers will be able to roam eight virtual halls showcasing artifacts dating from the birth of civilization in ancient Iraq to the founding of Baghdad in A.D. 762.

"We want to offer the possibility to learn online about this extraordinary artistic and historical heritage, " Foreign Minister Franco Frattini said at a news conference.

The Web site will include 3-D models, videos and animations of antiquities held in museums worldwide as well as some lost in 2003 when looters ransacked the Baghdad museum amid the chaos of the city's fall to U.S. forces.

Offering explanations in Italian, English and Arabic, the virtual museum will be incorporated into the Web site of Italy's National Research Council.

Some 100 archaeologists and computer experts worked for more than two years to complete the euro1 million ($1.28 million) project.

The virtual exhibit does not seek to reproduce the Baghdad museum but rather give a broad look at the art and history of a land that hosted some of mankind's earliest civilizations and later became the scientific and literary hub of the Medieval Arab world, said Massimo Cultraro, the archaeologist who led the project.

Parts of Iraq's National Museum reopened Monday, thanks in part to some euro1 million in technical help and donations from Italy.

Officials said Italy sent a team of experts to Baghdad less than two weeks after the museum was looted and has since provided help in cataloguing, restoring damaged objects and training Iraqi personnel.

Though Italy's troop contingent in southern Iraq was withdrawn in 2006, Rome has continued to spearhead cultural projects in the country, drawing on its own art-rich past.

"We thank the Italian government for its continued interest in Iraq's cultural heritage, which in the end is an important part of humanity's cultural heritage, " Iraq's tourism and antiquities minister Qahtan al-Jabouri, said at the briefing.

He also appealed to the international community to continue helping his country restore the Baghdad museum.

Only about a third of the museum's halls have been repaired and it will initially be open only to organized tours for students.

Closed since the 1991 Gulf War, the museum lost some 15, 000 artifacts to looters in the April 2003 rampage that sparked a worldwide outcry and saw U.S. troop intensely criticized for largely standing by.

More than half of the items were recovered in an international effort, but roughly 7, 000 pieces are still missing, and about 40 to 50 are considered to be of great historical importance, according to the U.N. cultural body UNESCO.

Bahaa Mayah, an adviser to al-Jabouri, said the world must to do more to return Iraq's lost treasures and prevent further looting, which he claimed went well beyond the ransacking of the museum.

An estimated 180, 000 artifacts have disappeared from Iraq's 12, 000 archaeological sites, with many being sold abroad to finance terrorist activities, he said.

U.S. investigators have also said that trafficking in antiquities helps finance al-Qaida in Iraq as well as Shiite militias.

"The fight against terrorism must be conducted not only with weapons, but also with culture, " Mayah said.

With Rome conducting its own aggressive campaign to recover antiquities looted from Italy, Frattini said the government would propose common, stricter rules to combat international art trafficking at the Group of Eight meeting it will chair in July.

VERSIONE ITALIANA ( Traduttore : GOOGLE )

L'ITALIA STA ORGANIZZANDO L'APERTURA DI UN MUSEO VIRTUALE DEI TESORI DI BAGDAD!

Dopo aver contribuito a finanziare la riapertura del Museo Nazionale in Iraq, l'Italia sta programmando una mostra virtuale di mesopotamiche e islamici tesori, molti dei quali sono ancora mancanti dal saccheggio di Baghdad repository, dei funzionari ha detto Mercoledì.

A partire in ritardo il mese prossimo, navigatori di Internet saranno in grado di muoversi in otto sale vetrina virtuale artefatti risalenti alla nascita della civiltà antica in Iraq per la fondazione di Baghdad nel 762 dC.

"Vogliamo offrire la possibilità di imparare on line su questo straordinario patrimonio artistico e storico", il ministro degli Esteri Franco Frattini ha dichiarato in una conferenza stampa.

Il sito Web include modelli 3-D, video e animazioni di antichità in musei di tutto il mondo, così come alcune perso nel 2003, quando saccheggiatori hanno saccheggiato museo di Baghdad tra il caos della città per la caduta delle forze americane.

Offrendo spiegazioni in italiano, inglese e arabo, il museo virtuale sarà inserito nel sito Web di Italia del Consiglio Nazionale delle Ricerche.

Circa 100 esperti archeologi e lavorato per più di due anni per completare la EURO1 milioni ($ 1, 28 milioni di euro) del progetto.

La mostra virtuale non cerca di riprodurre il museo di Baghdad, ma piuttosto di un ampio sguardo su l'arte e la storia di una terra che ha ospitato alcuni degli uomini della prima civiltà e più tardi divenne il centro scientifico e letterario del Medioevo mondo arabo, ha detto Massimo Cultraro, l'archeologo che ha guidato il progetto.

Parti di Iraq Museo Nazionale riaperti Lunedi, in parte grazie ad alcuni milioni di euro nel EURO1 assistenza tecnica e donazioni da Italia.

Funzionari detto Italia ha inviato un team di esperti a Baghdad meno di due settimane dopo che il museo è stato saccheggiato e dato che ha fornito aiuto per la catalogazione, il ripristino di oggetti danneggiati irachena e la formazione del personale.

Sebbene l'Italia contingente di truppe nel sud dell'Iraq è stata ritirata nel 2006, ha continuato a Roma lancia progetti culturali del paese, sulla base di una propria arte, ricchi di passato.

"Ringraziamo il governo italiano per il suo continuo interesse per il patrimonio culturale dell'Iraq, che alla fine è una parte importante del patrimonio culturale dell'umanità", in Iraq il ministro del turismo e antichità Qahtan al-Jabouri, ha detto al briefing.

Egli ha anche fatto appello alla comunità internazionale a continuare ad aiutare il suo paese ripristinare il museo di Baghdad.

Solo circa un terzo delle sale del museo sono stati riparati e, inizialmente esso sarà aperto solo ai tour organizzati per gli studenti.

Chiuso dal 1991 la guerra del Golfo, il museo perso un po 'di 15.000 artefatti saccheggiatori in aprile 2003 rampage che clamore suscitato in tutto il mondo e ho visto degli Stati Uniti per truppe intensamente criticato da gran parte in piedi.

Più della metà dei punti sono stati recuperati in uno sforzo internazionale, circa 7000 pezzi, ma sono ancora scomparsi, e circa 40 a 50 sono considerati di grande importanza storica, secondo le Nazioni Unite organismo culturale UNESCO.

Bahaa Mayah, un consigliere di al-Jabouri, ha affermato il mondo deve fare di più per tornare in Iraq tesori perduti e prevenire un ulteriore saccheggio, ha affermato che è andato ben oltre il saccheggio del museo.

Si stima che 180.000 artefatti sono scomparsi in Iraq da 12.000 siti archeologici, con molti di essere venduti all'estero per finanziare le attività terroristiche, ha dichiarato.

US investigatori hanno inoltre detto che il traffico di antichità contribuisce al finanziamento di al-Qaeda in Iraq, come pure le milizie sciite.

"La lotta contro il terrorismo deve essere condotta non solo con le armi, ma anche con la cultura", ha detto Mayah.

Roma con la propria campagna aggressiva per recuperare antichità saccheggiate da Italia, Frattini ha detto il governo avrebbe proposto comuni, norme più severe per combattere il traffico internazionale d'arte presso il Gruppo degli Otto riunione ha presiederà nel mese di luglio.


Nessun evento in programma

Vai calendario eventi completo >