sei in Home > Archeologia > News > Dettaglio News
1 Febbraio 2009 ARCHEOLOGIA
La redazione di La Porta del Tempo
Inukpasuit, Inuit and Viking contact in ancient times
tempo di lettura previsto 10 min. circa

There are many stories of ´Qavlunaat, ' white-skinned strangers who were encountered in Inuit-occupied lands in times of old. Stories of contact between these foreign people and Inuit were passed down the generations and used mostly to scare children to behave "or the Qavlunaat will get them."

This sparked my curiosity to explore both sides of the encounters from written records and Inuit oral legends to see if some of these events can be correlated. One must recall that these legends were passed down orally in the Inupiaq language.

Inuit myths and legends of contact with other people were passed from one generation to the next through story telling traditions. Many people have heard Pete Sovalik, a well-known Inupiaq story-teller tell this shortened version of a story relating to Qavlunaat and other races.

Taimaniqpaa_ruk - In Times of Old Qavlunaat were one of the children of an Inuk woman who refused to marry; a Ui_uaqtaq. Her name was Sedragina, also known as Sedna in other Inuit regions. In her youth she was just an ordinary person A young Inuk girl (agnaiyaaq) who grew up disliking men because of abuse committed to her as a child.

Having grown into a beautiful marriageable maiden, niviaq_siaq, men from many lands sought to marry her but she rebuked all men.

One time she was courted by a rich shaman's son to no avail. Angered by her reluctance, the rich shaman called upon other equally strong shamuses to punish her. Together they cast a great spell upon her father's lead dog that was transformed into a handsome young man by night but by day, he was just an ordinary lead dog.

Every evening he relentlessly pursued her for sexual favors until she was worn and tired for lack of sleep wherein she, in a weakened state, gave way to his wishes. In due time, she bore a litter of human and dog-like children having a variety of skin colors as many litters often do. These became the other races of man.

As they grew, she decided to send her children away toward the East, for they became a menace to the surrounding communities because of their wild behavior. Her father had also decided to end her miserable existence - to be rid of her and the shame she brought to his house.

In Inupiat legends her story is seen as the beginning of all other human races and of the sea animals. Hence modern Qavlunaat now know her as the Mother of the Sea, a Goddess deity, but in reality Inuit do not have gods. They believe that the visible world is pervaded by Anirniit, the powers, invisible forces or spirits that affect the lives of the living.

The story teller weaves in a passage of time when the children of Sedragina would return to their kin the Inuit. Their return would mark a time of change for the Inuit but the story tellers would not say what kind of change was to follow.

As hundreds of centuries passed, vague stories were heard of the return of these people now known as Qavlunaat but they slowly faded from legends passed down over the generations.

During the time when we lived in our little village of Iviksuk, our great uncle Owen Kiiriq would also tell tales during the dark months of winter in our little dwelling. Recalling a time that Inuit encountered another kind of race who already lived in our lands.

Kiiriq recalled that elders would call them Tunnit or Inukpasuit, the giants. They were treated as fearsome coastal dwellers and were considered enemies of Inuit. They spoke an Inuit language of an archaic type understandable to our ancestors.

Kiiriq would continue his tale and describe how Inupasuit were viewed as unkempt and unclean by Inuit standards. They were considered a danger to Inuit because they at times waylaid and captured unwary hunters.

Being smaller then them, our ancestors were considered a delectable prey. Once captured, they would be cooked and eaten with relish. Thus Inuit feared these giant beings and would attempt to wipe them out if they could. They were considered slow of thought but clever in their means of pursuit of game. Inuit were ever moving eastward and the Inupasuit soon fell into the lot of myths and legends in our great grandparents' time.

My research led me to Farley Mowat, author of Westviking, who includes descriptive appendices called "The Vanished Dorset".

Mowat provides a description by the Norse who encountered the Dorset (Tunnit) around A.D.1000 as being swarthy and ill looking with remarkable eyes.

Mowat refers to another encounter of the Tuniit in the Floamanna Saga where the Viking Thorgisl Orrabeinsfostri shipwrecked in Baffin Island around 997. There, he and his men encountered a giant people, describing the Tunnit.

The Tunnit had lived in the Arctic for a long period of time before contact with either Inuit or Vikings. They developed a culture based on seal hunting and wherever their sod houses are found they show a long period of occupancy as noted by their middens of mostly seal remains.

As climate changed, seals moved further north following the sea ice. Mowat suggest that as seals shifted their range, so did the Tunnit following their primary food source. This may be why Erik the Red did not encounter Inuit or Tunnit when he explored the Greenland coast around 981.

Inuit myths and legends have passed through generations of story tellers. Many have changed but a little over time. A number of Inuit legends are being studied by scholars to see if they can be historically correlated to evidence found in archeological sites in several locations.

Look for an interesting conclusion of this exposition in part two.

Ronald Brower is an Inupiaq language professor at the University of Alaska, Fairbanks.

VERSIONE ITALIANA

Gli Eschimesi e i Vichinghi erano in contatto sin da tempi antichi?

Ci sono molte storie di 'Qavlunaat', sconosciuti dalla pelle bianca che si sono incontrati nelle terre degli Inuit in tempi remoti. Storie di contatto tra queste persone straniere e gli Inuit sono state tramandate le generazioni e utilizzato soprattutto per spaventare i bambini a comportarsi bene "o il Qavlunaat avranno loro".

Questo ha suscitato la mia curiosità di esplorare entrambi i lati, alla ricerca di una documentazione scritta e oraledegli incontri, e le leggende Inuit per vedere se alcuni di questi eventi possono essere correlati. Si deve ricordare che queste leggende sono state tramandate oralmente in lingua inupiak.

Miti e leggende Inuit di contatti con genti diverse sono stati trasmessi da una generazione alla successiva attraverso la narrazione di tradizioni. Molte persone hanno sentito Pete Sovalik, un noto narratore inupiak, raccontare questa versione abbreviata di una storia in materia dei Qavlunaat e le altre razze.

Taimaniqpaa_ruk - in tempi antichi - i Qavlunaat discendono da uno dei figli di una donna Inuk che rifiutò di sposarsi, una Ui_uaqtaq. Il suo nome era Sedragina, nota anche come Sedna Inuit in altre regioni. Nella sua gioventù fu solo una persona - una giovane ragazza Inuk (agnaiyaaq) a cui non piacevano gli uomini a causa di abusi commessi su di lei quando era bambina. Dopo essere diventata una ragazza in età da matrimonio, niviaq_siaq, gli uomini da molte terre cercavano di sposarla, ma lei rifiutava tutti gli uomini. Fu anche corteggiata da un ricco figlio di sciamano, ma senza alcun risultato. Adirato per la sua riluttanza, il ricco sciamano invitò altri shamuses altrettanto forti per punirla. Tutti insieme, essi gettarono un grande incantesimo sul cane del padre di lei, che fu trasformato in un bel giovane uomo di notte, mentre di giorno era solo un normale cane.

Ogni sera egli continuava a chiederle favori sessuali, fino a quando lei era esausta e stanca, sino a che, per mancanza di sonno, indebolita, lei non diede corso ai suoi desideri. A tempo debito, ne nacque una cucciolata di cani e umani, come i bambini di sangue misto, che hanno una varietà di colori della pelle. Cosè nacquero le altre razze degli uomini.

Quando furono cresciuti, ella ha deciso di inviare i suoi figli verso il lontano Oriente, perché erano diventati una minaccia per le comunità circostanti a causa del loro comportamento selvatico. Il padre aveva deciso di porre fine anche alla sua miserabile esistenza - liberarsi di lei e della vergogna che aveva portato a casa sua.

Nelle leggende Inupiat, la sua storia è l'inizio di tutte le altre razze umane e di animali marini. Oggi Qavlunaat è ritenuta la Madre del mare, una divinità, ma in realtà gli Inuit non hanno dèi. Essi ritengono che il mondo visibile è pervaso da Anirniit, i poteri, le forze invisibili o essenze che interessano i viventi.

I figli di Sedragina sarebbero tornati ai loro parenti la Inuit. Il loro ritorno segnerebbe un tempo di cambiamenti per gli Inuit, ma la storia non dice che tipo di cambiamento. Centinaia di secoli sono passati e il ritorno di quelle persone era noto come Qavlunaat, ma lentamente rimase sbiadito da leggende tramandate nel corso delle generazioni.

Nel periodo in cui abbiamo vissuto nel nostro piccolo villaggio di Iviksuk, lo zio Owen Kiiriq raccontava storie durante i mesi di buio invernale nella nostra piccola abitazione. Ricordi di un tempo che gli Inuit incontravano altre razze. Kiiriq ricordava che gli anziani li chiamavano Tunnit o Inukpasuit, i giganti. Essi erano ritenuti temibile abitanti delle coste e nemici della gente Inuit. Parlavano una lingua Inuit di tipo arcaico, comprensibile per i nostri antenati. Kiiriq avrebbe continuato il suo racconto descrivendo come gli Inupasuit erano considerati selvaggi e impuri dagli Inuit. Erano considerati un pericolo per gli Inuit, perché a volte vagavano e catturavano gli sprovveduti cacciatori. Essendo più piccoli di loro, i nostri antenati erano considerati una deliziosa preda. Una volta catturati, erano cotti e mangiati con gusto. Così gli Inuit temevano questi esseri giganti e li avrebbero cancellati dalla faccia della terra, se avessero potuto. Erano considerati goffi e lenti, ma pronti e abili al gioco. Gli Inuit sono stati sempre in movimento verso est e gli Inupasuit presto caddero in molti miti e leggende, al tempo dei nostri nonni.

La mia ricerca mi ha portato a Farley Mowat, autore di Westviking, che include appendici descrittive chiamate "Il Dorset sparito". Mowat fornisce una descrizione dei Norvegesi che incontrarono il Dorset (Tunnit) verso l'anno 1000 come bruni e dall'aspetto di malati, con grandi occhi.

Mowat si riferisce ad un altro incontro del Tuniit nella Floamanna Saga in cui il Vichingo Thorgisl Orrabeinsfostri naufrag- nell'Isola di Baffin verso il 997. Lì, lui e i suoi uomini incontrarono persone giganti, che descrivono le Tunnit. I Tunnit vissero nella regione artica per un lungo periodo di tempo prima che del contatto con gli Inuit o i Vichinghi. Essi svilupparono una cultura basata sulla caccia alle foche. Le loro case, fatte di zolle, mostrano un lungo periodo di occupazione, come si può rilevare dai resti ritrovati. Con il cambiamento del clima, le foche si spostarono più a nord per seguire il mare ghiacciato. Mowat suggerisce che, come si spostavano le foche, così facessero i Tunnit per seguire la loro principale fonte di cibo. Questo può essere il motivo per cui Erik il Rosso non incontrò gli Inuit o Tunnit quando esplorò la costa della Groenlandia, verso il 981.

I miti e leggende degli Inuit hanno attraversato le diverse generazioni di narratori. Molti sono cambiati, con il tempo, ma di poco. Un certo numero di leggende Inuit sono oggetto di studio da parte degli studiosi per vedere se possano essere storicamente correlate alle prove trovati in siti archeologici in varie località.

Ronald Brower è professore di lungua Inupiaq presso l'Università degli Studi dell'Alaska, Fairbanks.

TAG: Vichinghi

Nessun evento in programma

Vai calendario eventi completo >