sei in Home > Paleontologia > News > Dettaglio News
6 Ottobre 2004 PALEONTOLOGIA
UCL - Londons Global University
ANTICHE OSSA INDICANO UNA NUOVA DATA PER L´ESTINZIONE DEL CERVO GIGANTE
tempo di lettura previsto 3 min. circa

Un nuovo esame nelle estinzioni causate dai mutamenti climatici hanno rivelato che il cervo gigante, che si riteneva essere stato spazzato via da un crollo delle temperature circa 10, 500 anni or sono, invece sopravvisse bene nell´era moderna.

Gli scienziati dell´University College di Londra (UCL) hanno esplorato il continente con attenzione per raccogliere decine di antiche ossa e denti, che, quando datati al radiocarbonio, hanno rivelato che il cervo gigante eurasiatico sopravvisse fino a 7, 000 anni or sono, molto più tardi di quanto pensato in precedenza.

Il cervo gigante apparve circa 400, 000 anni or sono e vagò per molta parte del continente eurasiatico insieme al mammut lanoso. Le magnifiche bestie 2 metri alle spalle con corna estese per 3, 5 metri sembrano aver trovato la loro ultima dimora sui monti Urali, sul confine tra Europa e Asia, probabilmente l´ultimo rifugio per una specie che fu progressivamente cancellata dai mutamenti climatici e dalla progressiva estensione dei fogli di ghiaccio, secondo lo studio dei professori dell´UCL Adrian Lister e Tony Stuart, pubblicato nell´ultimo numero di Nature.

Sfortunatamente per queste maestose creature, i tremila anni extra li condussero nell´era moderna, quando la caccia dell´Età della Pietra, era giunta al massimo livello di raffinatezza. La questione è: i primi umani svilupparono un qualche appetito per i cervi di taglia super?

Il professor Adrian Lister ha dichiarato: "Seppure possiamo ora portare avanti la data dell´estinzione di 3, 000 anni circa, non possiamo ancora dire cosa di fatto uccise queste bestie. L´uomo può anche essere stato una causa concorrente all´estinzione, ma non si possono dimenticare i mutamenti climatici. E´ un mistero che deve ancora essere risolto.

"Una doppia tornata di freddo intenso, tra 20, 000 e 10, 500 anni or sono, li aveva già portati in condizioni limite. L´ultimo dei cervi giganti, spinto via dall´Europa, sembra aver trovato rifugio nel sud degli Urali, presso il Mar Morto. La prossima questione cui ci dovremo rivolgere è cosa li uccise in modo definitivo, se la caccia, le trasformazioni del territorio per lo sviluppo dell´agricoltura, o mutamenti nel clima o nella vegetazione."

Fino a 20, 000 anni or sono, il cervo gigante, Megaloceros giganteus Blumenbach, è stato trovato alle medie latitudini di Eurasia, dall´Irlanda fino all´est del lago Baikal. I maschi avrebbero dovuto nutrirsi intensivamente per sostenere la crescita annuale delle loro imponenti corna. Invece, si ritiene che le stesse corna avrebbero impedito loro di accedere alle foreste moderatamente folte, almeno per una certa parte dell´anno; una delle precedenti teorie per la loro estinzioni voleva proprio che l´eccessiva quantità di cibo richiesta per lo sviluppo delle corna, potesse essere stata la causa determinante l´estinzione.

Tradizionalmente, si ritiene che il mammut lanoso sia andato estinto più o meno allo stesso tempo del cervo gigante, insieme con tutte le altre creature estintesi nell´Era Glaciale, come il rinoceronte lanoso ed il gatto dai denti di sciabola, tra 12, 000 e 10, 000 anni or sono. Una recente scoperta ha tuttavia evidenziato che i Mammut sopravvissero a Wrangel, una remota isola artica, fino a 3, 600 anni or sono. L´ultima scoperta mostra che il cervo gigante varcò la barriera dei 10, 000 per giungere nell´era moderna.

TAG: Mistero

Nessun evento in programma

Vai calendario eventi completo >