sei in Home > Archeologia > News > Dettaglio News
23 Luglio 2003 ARCHEOLOGIA
galileonet.it
L'età degli americani
tempo di lettura previsto 1 min. circa

Non prima di 18 mila anni fa. È questo il limite cronologico fissato per il popolamento dell'America da un recente studio condotto sul patrimonio genetico dei nativi americani. A tale periodo risale infatti, al più tardi, la mutazione M242 dell'aplotipo 10, la variante più antica del cromosoma Y diffusa tra gli amerindi. M242 è comune sia ai nativi americani sia ai popoli asiatici da cui hanno avuto origine e quindi i primi gruppi umani devono aver raggiunto il Nuovo Mondo dopo la comparsa della mutazione. I risultati ora disponibili accreditano la tesi del popolamento dell'America al termine dell'ultima Era Glaciale, circa 13 mila anni fa. È invece improbabile che l'evento sia avvenuto 30 - 40 mila anni fa, come sostengono altri studiosi. Restano tuttavia di difficile interpretazione alcuni reperti ossei. I più antichi scheletri di amerindi presentano infatti crani di forma allungata tipici delle popolazioni europee. Ma per Spencer Wells, co-autore della ricerca, la forma allungata sarebbe riconducibile a un lontano progenitore asiatico comune a europei e nativi americani. Successive migrazioni dall'Asia orientale avrebbero invece favorito la diffusione tra i nativi di tratti somatici quali la fronte piatta e larga e gli zigomi sporgenti, ancor oggi predominanti nei discendenti. Lo scienziato non può comunque escludere, per quanto improbabile, che la traccia genetica di più antichi gruppi di popolamento sia sfuggita all'identificazione.

TAG: Altro

Nessun evento in programma

Vai calendario eventi completo >