sei in Home > Archeologia > News > Dettaglio News
6 Luglio 2010 ARCHEOLOGIA
Eva Perasso Corriere della Sera
Ritrovata Avaris, città egizia di oltre 3.500 anni fa
FOTOGALLERY
tempo di lettura previsto 2 min. circa

Avaris fu, circa 1.500 anni prima di Cristo, la capitale egiziana del popolo Hyksos (il cui nome significa «sovrani dei Paesi stranieri»), stirpe nomade asiatica che discese in Egitto al termine del Medio Regno, per governarvi dal 1664 al 1569 a.C.. Ora una missione archeologica austriaca ha localizzato alcuni resti di questa città nei pressi del villaggio di Tell El-Dab'a, nella regione nord orientale del delta del Nilo.

LA SCOPERTA È una scoperta importante per gli archeologi di tutto il mondo. Il team austriaco è presente nell´area già da 35 anni: i primi studi per ritrovare Avartis furono avviati nel 1975. Come ha raccontato l´archeologa a capo della cordata Irene Mueller, grazie all´uso del radar il suo gruppo di studiosi ha potuto identificare la struttura urbanistica di Avaris, e riconoscere diverse vie, costruzioni, abitazioni, templi, un porto affacciato sul Nilo, due isole sommerse, pozzi di diverse dimensioni. Il tutto sotto a una zona particolarmente ricca di verde e coltivazioni, come è possibile vedere nelle immagini da satellite in cui viene sovrapposta l´attuale conformazione fisica del territorio all´estensione della vecchia capitale egizia. Proprio per via delle molte abitazioni e aree agricole presenti oggi nella zona, è difficile fare scavi per portare alla luce gli antichi resti.

GLI HYKSOS A governare questa capitale egizia fu una popolazione che arrivò sul delta del Nilo dall´Asia, gli Hyksos. Veneratori del dio Seth, cui edificarono un tempio ad Avartis, erano composti da semiti e cananei. Da questa città questi nomadi si spostarono poi verso Menfi, ma non governarono mai oltre il Medio Egitto. Furono molti gli scambi con altre popolazioni, negli scritti si trovano infatti tracce dei loro rapporti con Creta, l´Anatolia, le isole dell´Egeo. Come già facevano i faraoni, anche gli Hyksos usavano incidere i propri nomi sugli scarabei (considerati animali sacri) poi collocati tra i bendaggi delle mummie. È grazie a loro che in Egitto si iniziarono a usare i cavalli come animali da traino, e i carri per combattere in guerra.


Nessun evento in programma

Vai calendario eventi completo >