sei in Home > Scienza > News > Dettaglio News
14 Aprile 2010 SCIENZA
Dan Vergano USAtoday.com
Le mummie andine avvelenate dall'arsenico
tempo di lettura previsto 2 min. circa

Le mummie andine rivelano un avvelenamento da arsenico delle persone nel nord del Cile, per migliaia di anni, secondo quanto rivela una analisi dei capelli.

Secondo l'ultima edizione del Journal of Archaeological Science, un gruppo guidato da Bernardo Arriaza dell'Universidad de Chile Tarapaca ha analizzato i capelli di 45 mummie andine, prelevate da dieci siti e risalenti da 7.000 a 600 anni fa, provenienti dal deserto cileno di Atacama, una delle regioni più aride della Terra. I corpi sono stati deliberatamente mummificati con bastoni, canne e argilla, con parrucche e cappellini distintivi.

"L'arsenico è un potente veleno incolore, inodore e insapore che si trova comunemente nei fiumi e nelle acque sotterranee contaminate in molte parti del mondo, compresa la regione costiera del deserto di Atacama", dice lo studio. "Abbiamo il sospetto che anche i Chinchorro, i primi abitanti di questa regione, fossero già colpiti da arseniasis (avvelenamento da arsenico) 7000 anni fa."

Nella ricerca, il team ha lavato campioni di capelli con acqua deionizzata, per poi compiere con i laser l'analisi chimica. Alcune acque dei nostri giorni nella regione hanno livelli di arsenico 100 volte superiori ai limiti di 10 microgrammi/litro raccomandato dalla World Health Organization.

Livelli di arsenico nei siti Chinchorro settentrionale e lungo la costa. Lluta e valori di arsenico Camarones provengono da fonti del fiume. I valori della città sono le concentrazioni di arsenico nell'acqua potabile media

CAPTIONDa Elsevier / JASCirca il 31% delle mummie avevano livelli di arsenico superiori a 2, 6 microgrammi per litro, secondo lo studio, e l'89% aveva livelli di arsenico di almeno un decimo di tale concentrazione, tanto da innescare effetti sulla salute. "I nostri dati indicano che la gente che anticamente popolava il Cile settentrionale aveva accumulato notevoli livelli di arsenico nel proprio corpo", conclude lo studio.

Lo studio sottolinea che l'avvelenamento da arsenico cronico provoca problemi di salute che vanno dalla nascita prematura, alla mortalità perinatale e infantile, malattie della pelle, stentata crescita, disturbi neurologici e cancro, così come la palatoschisi e la spina bifida.

"Nell'antichità, la pesca nell 'Oceano Pacifico e la vita in modo naturale in un'area contaminata dall'arsenico è stata, in un modo, un attrazione fatale", dice lo studio. "Queste popolazioni antiche erano inconsapevolmente avvelenamento da loro stesse. Abbastanza interessante, le antiche e moderne popolazioni rurali di questa regione ancora oggi condividono un assassino silenzioso ed onnipresente comune, insapore, inodore, ma potente: l'arsenico".

TAG: Mummie

Nessun evento in programma

Vai calendario eventi completo >