sei in Home > Paleontologia > News > Dettaglio News
7 Novembre 2001 PALEONTOLOGIA
Ananova
Nuove scoperte suggeriscono che i primi umani erano molto più evoluti di quanto creduto finora
tempo di lettura previsto 1 min. circa

Gli archeologi hanno trovato utensili che suggeriscono che il comportamento del moderno umano iniziò 30.000 anni prima di quanto precedentemente ritenuto.

Gli scienziati hanno trovato una collezione di attrezzi risalenti a 70.000 anni or sono, in una grotta dell´estremità meridionale del Sud Africa.

Fino ad ora era comunemente accettato che l´abilità dell´uomo di produrre attrezzi da intaglio si fosse sviluppata solo 40.000 anni fa. Questo suggerisce che i primi uomini fossero molto più evoluti di quanto ritenuto in precedenza, secondo quanto pubblicato dal quotidiano The Indipendent.

Christopher Henshilwood, un archeologo dal Museo Sudafricano di Cape Town, e membro del gruppo di ricerca che ha fatto la scoperta, ha riferito: "Quanto abbiamo potuto verificare è che ci fu un comportamento umano in Africa circa 35.000 anni prima che in Europa."


Nessun evento in programma

Vai calendario eventi completo >