sei in Home > Archeologia > News > Dettaglio News
1 Febbraio 2010 ARCHEOLOGIA
Norman Hammond timesonline
I ritrovamenti parlano di un'antichissima colonizzazione di Creta
tempo di lettura previsto 3 min. circa

Elementi di prova per le origini della navigazione sono emersi da un sondaggio archeologico a Creta. Strumenti del Paleolitico Inferiore, di almeno 130.000 anni fa, sono stati rinvenuti sull'isola, che è stata isolata in mezzo al Mar Mediterraneo almeno per gli ultimi cinque milioni di anni, in modo che qualsiasi antenato umano deve essere arrivato in barca. A tale data, essi sarebbero stati di una specie di pre-moderna: Neanderthaliani o addirittura Homo heidelbergensis, la specie a cui apparteneva Boxgrove Man, sono tra i generi possibili, ma nessuna traccia di tali uomini finora è stata trovata a Creta.

"I primi abitanti di Creta hanno raggiunto l'isola con imbarcazioni da mare aperto, in grado di navigazione in alto mare e viaggi multipli - una constatazione che spinge la storia della navigazione nel Mediterraneo indietro di più di 100.000 anni e ha implicazioni per la diffusione dei primi esseri umani, " Il professor Curtis Runnels ha detto. La più antica contestata traversata marittima, fino a poco tempo fa, dall'Indonesia all'Australia, risaliva a forse 60.000 anni fa e fu compiuta da esseri umani anatomicamente moderni, della nostra stessa specie, Homo sapiens, ma ora sappiamo che anche l'insediamento più antico dell'isola di Flores in Indonesia dovette richiedere una traversata marittima.

Il Professor Runnels, l'esperto Paleolitico nella squadra di indagine, ha detto che l'indagine è stata effettuata lungo la costa sud-occidentale di Creta, vicino alla città di Plakias, di fronte alla Libia che si trova oltre 200 miglia a sud. Questi antichi Cretesi potrebbero avere attraversato il Mar Libico, piuttosto che passare da un'isola all'altra attraverso le Cicladi dalla Grecia continentale. Recenti ritrovamenti di ciò che si pretendeva fossero strumenti del Paleolitico nell'isola di Gavdos, al largo della costa meridionale di Creta, sembrano sostenere questo approccio meridionale.

L'indagine si è concentrata sulla zona da Plakias a Ayios Pavlos, con la gola Preveli, e ha recuperato più di 2.000 manufatti in pietra da 28 siti, gli antichi strumenti sono stati trovati in nove di questi, otto nella zona compresa tra Plakias e Preveli. "L'esistenza di reperti del Paleolitico Inferiore, in associazione con contesti geologici databili, è stata una completa sorpresa: fino ad ora non vi era alcuna prova certa che durante il Paleolitico inferiore l'uomo avesse navigato nel Mediterraneo", ha detto il professor Runnels.

Un'antica penetrazione umana della Spagna attraverso lo Stretto di Gibilterra, in una data molto anteriore al Paleolitico, è stato proposto, sulla base di occupazione a Atapuerca, vicino a Burgos, risalente ad almeno 1, 3 milioni di anni fa. Questi primi europei potrebbero però anche essere arrivati lungo il lato nord del Mediterraneo dall'Anatolia, attraverso la Grecia e i Balcani. L'impatto di questa prova cretese è quello di mostrare che la traversata di un mare da parte di uomini pre-moderni, dal Marocco alla Spagna, non può essere esclusa.

Il gruppo di lavoro di Plakias, diretto dal dottor Thomas Strasser, di Providence College di Rhode Island, e la Dr. Eleni Panagopoulou, del ministero greco della Cultura, e finanziato in parte dalla National Geographic Society, ha cercato grotte e ripari nei pressi degli sbocchi di acqua dolce perenne (ruscelli e fiumi che si gettano nel Mar Libico) ed entro cinque chilometri dalla costa in esame. Perché l'erosione ha tagliato molti di questi, il team ha cercato manufatti sulle pendici di fronte ai loro ingressi attuali. Gran parte del materiale è stato trovato su vecchie terrazze marine fino a 92 metri sopra il livello del mare attuale.

Fino a 300 pezzi sono stati trovati in ciascuno dei primi siti, e in cinque siti il contesto geologico ha permesso una datazione approssimativa. Il Professor Runnels considera la sua stima di 130.000 anni come un minimo e avverte che i manufatti potrebbero essere molto più antichi. Gli strumenti includono asce, mannaie e raschiatoi, e le rocce di quarzo usate erano sufficientemente abbondanti per fabbricare strumenti, che venivano scartati dopo solo un breve periodo di utilizzo.

Che tipo di imbarcazioni potrebbero essere state utilizzate per attraversare il mare resta una questione da risolvere, ma sembra che i nostri antenati avessero tracciato il loro cammino attraverso il "mare scuro come vino", come lo chiama Omero, decine di millenni prima di quanto qualcuno avesse supposto.


Nessun evento in programma

Vai calendario eventi completo >