sei in Home > Archeologia > News > Dettaglio News
13 Novembre 2009 ARCHEOLOGIA
Lawrence Marzouk Telegraph.co.uk
Turista britannico scopre una città sommersa perduta
tempo di lettura previsto 3 min. circa

La costa montenegrina è punteggiata da antiche rovine che attendono ancora d'essere documentate.

Michael Le Quesne, 16 anni, stava nuotando al largo di una spiaggia popolare in Montenegro con i suoi genitori e la sorella Teodora, di 10 anni, quando vide una strana pietra a una profondità di circa due metri.

Si è rivelato così un grande edificio sommerso che potrebbe essere stato al centro di un importante centro commerciale greco o romano, inghiottiti dal mare nel corso di un terremoto.

Un team di esperti britannici, guidato dalla Dr. Lucy Blue, presentatore alla BBC dello show Oceans, indaga la scoperta avvenuta in quest'angolo del sud-est Europa.

La Dr Blue ha detto che se la scoperta d'un tempio sottomarino fosse confermata significherebbe "mettere il Montenegro sulla mappa".

Ha aggiunto: "Il Montenegro possiede un mondo subacqueo in gran parte sconosciuto ."

La scoperta è stata fatta, mentre Charles e Vera Le Quesne e i loro due figli, da Princes Risborough, Bucks, erano in viaggio per vacanze nel piccolo paese dei Balcani il mese scorso.

La famiglia è stata in vacanza in Montenegro dal 1994, ma non aveva mai visitato Maljevik, una piccola baia di sabbia e ghiaia, al riparo da pini, vicino alla città di Bar.

Una volta che suo figlio ha segnalato il ritrovamento, il signor Le Quesne, un archeologo professionista, si è tuffato per indagare. Ha scoperto colonne scanalate, 90 centimetri di diametro, su plinti, che sembrano far parte di un antico tempio greco o romano, una Basilica o un altro grande edificio pubblico, simili a quelle di altri siti archeologici di tutto il Mediterraneo.

In una giornata limpida, le colonne sono visibili dalla superficie dell'acqua, ma sembra che i resti, tra cui ceramiche antiche, siano rimasti intatti per migliaia di anni.

Michael ha detto: "Quando nuotavo fuori, pensavo che fossero solo rocce, come gran parte delle persone, ma poi ho notato che erano di forma cilindrica e sapevo che non potevano essere naturali, così ho chiamato mio padre.

"Sono stato portato in giro a visitare un sacco di antiche rovine, se non fosse stato per quello non avrei guardato due volte."

La dimensione potenziale della struttura e la scoperta di altri resti architettonici nelle vicinanze suggeriscono che il 'tempio' potrebbe far parte di un grande insediamento greco o romano, risalente al II secolo a.C.

Non esistono documenti storici di un importante insediamento sul sito, anche se la costa montenegrina è punteggiata di antiche rovine che devono ancora essere documentate.

La scoperta è stata descritta come "qualcosa che potrebbe suscitare la curiosità del mondo della scienza" da Mladen Zagarčanin, il curatore del museo di Bar e archeologo, che ha ispezionato il sito il giorno successivo.

Il lavoro di ricerca riprenderà alla fine del mese, quando Le Quesne tornerà al Montenegro con un gruppo di lavoro dell'Università di Southampton, Dipartimento di Archeologia marittima.

La Dr Blue e il professor David Peacock, entrambi del dipartimento, si uniranno a Le Quesne per esplorare l'insediamento sottomarino la prossima primavera.

Mr Le Quesne, un esperto di archeologia e un'autorità in materia, ha dichiarato: "Se si tratta di un edificio monumentale non può certo parte di un piccolo borgo, ma non è neppure Atlantide, come qualcuno già fa supporre. Resta un po 'di mistero. "

"La zona era un'importante via commerciale antica, quindi può essere stato un porto importante.

"Ci sono antichi relitti lungo tutta la costa che, purtroppo, sono stati danneggiati e saccheggiati e che hanno bisogno di protezione".

Negli ultimi anni, il Montenegro, inesplorato e ricco di storia antica, ha attirato le bande della criminalità organizzata, che hanno prosperato nella regione dopo il crollo della Jugoslavia nel 1990. Preziose ceramiche greche e romane vengono saccheggiate dai relitti e vendute ai collezionisti in Europa occidentale, si crede.

Finora, il 2009 si è rivelato un anno eccitante per l'archeologia subacquea in Montenegro, che sta promuovendo la sua splendida costa per il turismo di classe e quello di massa.

Prima della scoperta del tempio antico, un gruppo di lavoro locale a fianco di esperti americani hanno scoperto i resti di due navi da carico romana al fondo di Kotor Bay, una delle attrazioni turistiche più popolari del Montenegro.


Nessun evento in programma

Vai calendario eventi completo >