sei in Home > Archeologia > News > Dettaglio News
8 Settembre 2009 ARCHEOLOGIA
Aarik Danielsen The Columbia Daily Tribune
Le meraviglie delle donne
tempo di lettura previsto 5 min. circa

Nel visitare il Museo d'Arte e Archeologia, presso l'Università del Missouri (MU), lo sguardo di Benton Kidd era ripetutamente attratto da un banner dell'attrice femminista americana Nancy Spero. Su un drappo di seta multicolore, luminoso e svolazzante, l'opera di Spero "Sacro e Profano II" ritrae donne nel corso della storia, alcune spirituali o religiose - un'agile forma femminile egizia, una figura femminile simile a Buddha, una creatura di ispirazione greca, che appare in parte angelo, in parte dea minacciosa.

Questa sfuggente visione, per così dire, ispirò Kidd, curatore del museo di arte antica, a costruire una mostra per raccogliere espressioni in tutto il modo femminile di fede religiosa e dei ruoli delle donne, come sono stati catturati dagli artisti nel corso della storia. "Il Sacro Femminile: dalla Preistoria al postmoderno, " la realizzazione concreta dell'ispirazione Kidd's, sarà in mostra nel museo da prossimo 24 dicembre.

"Il Femminile Sacro" è una collezione impressionante di immagini e oggetti che oltrepassano i mezzi e i periodi storici: le immagini della fertilità del neolitico appaiono così come sculture in terracotta, e l'opera di un artista moderno di strada britannico chiamato Cyclops è esposta come quelle dei pittori europei del XVI secolo.

Kidd ha raggruppato immagini intorno agli otto temi visivi e spirituali che sentiva più ricorrenti nel prevalenza nel corso del tempo: "La Madre Sacra" - immagini che mostrano la connessione tra divinità femminili e ruoli legati alla fertilità, "Modelli di conoscenza e potere" - esempi che includono dea greca Athena e la dea indù Lakshme; "La Femminilità pericolosa" - illustrazioni di donne come mostri mitici o divinità subdole, "La Regina Divina" - che mostra come le regine usassero una moda che le faceva somigliare a dee; "Devoti e Consorti" - le rappresentazioni di discepoli umani, alcuni dei quali hanno interagito con gli dèi per allevare i loro figli; "Santità femminile" - immagini di donne molto venerate, come Maria Maddalena e Santa Caterina, "Il culto della Vergine" - raffigurante sette e comportamenti che una volta erano popolari, e infine "Interpretazioni contemporanee "- opere più aggressive, meno tradizionalmente spirituali di artisti moderni come Spero e Judith Shea. L'opera di Shea "Chiara", una scultura che incorpora legno, bronzo e capelli reali, è tra le opere più suggestive tra quelle contemporanee incluse.

Kidd ritiene che queste immagini siano le migliori per visualizzare il livello di un terreno comune tra le fedi, le culture e gli artisti. "Una cosa che io cerco di fare quando devo fare una mostra, in particolare di uno scambio tra culture, come questa, è quella di invitare lo spettatore a fare parallelismi, a tracciare un parallelo tra le culture e cogliere le similitudini" tra "religione indù rispetto alla religione pagana rispetto al cristianesimo - che non sono completamente diverse, "ha detto Kidd. "Naturalmente, ci sono differenze, ma ci sono paralleli, quindi ciò che stiamo cercando di fare è tessere insieme questa sorta di storia delle donne, nella religione in tutto il mondo, e spero che lo spettatore acquisti così qualche conoscenza che prima non aveva o non aveva colto".

La religione comparata è un approccio comune per costruire ponti tra persone di diverse fedi e sfondi spirituali, ha detto Debra Mason, direttore del Centro per la religione e le professioni e professore di giornalismo MU. "Al Centro abbiamo trovato un approccio veramente utile e importante per aiutare le persone a comprendere le religioni degli altri e cercare di vedere se ci sono punti in comune e se ci sono differenze", ha detto.

Per esplorare a fondo sia le tensioni sia gli spunti di universalità, Kidd ha collaborato con le altre parti dell'Università per spostare i punti di vista degli osservatori oltre una semplice viscerale esperienza visiva e stimolare la conversazione della comunità. Il più ambizioso e importante di questi sforzi si concretizzerà in un convegno nazionale il 16 ottobre e 17. Diane Apostolos-Cappadona, autrice e professoressa della Georgetown University, sarà l'oratore principale. Apostolos-Cappadona è stata intervistata in televisione e nei documentari, per discutere delle sue posizioni relative al libro "Il Codice Da Vinci" di Dan Brown.

La manifestazione comprenderà sia illustri studiosi locali - i professori MU Robert Baum e Kristin Schwain - sia esperti di altri grandi università, a parlare su temi ampi quasi come la mostra stessa - di tutto, dai profeti africani femminili al culto delle martiri vergini, dalla divinità di Cleopatra al ruolo delle donne nei rituali del sesso tantrico.

Al di là della mostra e del simposio d'ottobre, parecchie opportunità sono a disposizione di coloro che sono interessati a un maggiore impegno con i seguenti argomenti:

Il Mercoledì alle 12:15, Kidd condurrà una visita guidata della mostra nelle Gallerie del Museo d'Arte e Archeologia, 1 Pickard Hall del campus MU. Vedi maa.missouri.edu o chiamare il 882-3591 per ulteriori informazioni.

L'artista locale Gennie Pfannenstiel, ispirato alla mostra MU, attuerà diverse presentazioni pubbliche. La sua mostra, "Demtro il Sacro Femminile", apre il 24 settembre a Orr Street Studios, 106 Orr St. Pfannenstiel, e si estende su tre ulteriori esperienze: un workshop il 12 settembre in Orr Street, una conferenza il 16 settembre presso il Museo d'Arte e Archeologia e un forum il 22 settembre a Orr Street. Per ulteriori dettagli www.maa.missouri.edu e visita www.orrstreetstudios.com.

La studentessa della laurea in archeologia MU Olivia Fales terrà una conferenza dal titolo "Minaccia per l'ordine maschile: il Pericolo della Femminilità in Grecia antica" dalle 12:15 alle 13 del 4 novembre in E&A Gallery. Vedi www.maa.missouri.edu.

Due spettacoli teatrali coincideranno con la mostra: "I canti di Hildegard von Bingen" a cura di Margaret Waddell, il 25 settembre alla Roptonda di Jesse Hall, e il Dipartimento MU del Teatro presenterà la prestazione in tre atti di "Triptych: Facce della Vergine " il15 ottobre al museo. Vedi www.maa.missouri.edu.

Potete contattare Aarik Danielsen al numero 573-815-1731 o e-mail ajdanielsen@columbiatribune.com.


Nessun evento in programma

Vai calendario eventi completo >