sei in Home > Archeologia > News > Dettaglio News
31 Agosto 2009 ARCHEOLOGIA
Clyde Ahmad Winters Liutprand.it
I GRECI NERI Le origini africane della civiltà del bronzo nel Mediterraneo
FOTOGALLERY
Barca primitiva utilizzata dagli antichi Pelasgi in Grecia.
Questo è un pezzo in bello stile geometrico risalente al " periodo buio" della Grecia: si notino le spalle larghe raffigurate su questo pezzo d'arte.
Su questo vaso ateniese che raffigura un funerale (c. 750 aC) il morto e coloro che piangono per lui hanno caratteristiche negroidi.
Questo è uno degli affreschi di Thera. Notare la vivace atmosfera associata con le città pelasgiche durante il XVI secolo a.C.
Una barca pelasgica, da Thera
Pelasgi, da Thera
Anello in oro raffigurante una caccia al cervo (c. 1500 a.C.) (Si notino le acconciature afro indossate dai Micenei)
Scena in stile geometrico (o achea) di una barca rovesciata (c. 850 a.C.) per Atene.
tempo di lettura previsto 25 min. circa

Per negare l'origine africana della civiltà greca, gli eurocentristi attaccano il libro di Martin Bernal: Black Athena. Questo libro non ha nulla a che fare con l´afrocentrismo. Nei due volumi pubblicati finora, Bernal sostiene che gruppi di semiti provenienti dalla Fenicia e Hyksos di lingua semitica, governanti dell'Egitto, diedero la civiltà alla Grecia, e non gli africani neri.

J.A. Rogers in Sex and Race, Parker, Diop e DuBois, sono studiosi afrocentrici. Questi studiosi hanno esaminato gli scritti degli autori classici, e le prove antropologiche, linguistiche e storiche, per giungere alla conclusione che gli antichi Greci erano neri e che i Greci europei impararono le arti liberali e le scienze dai loro "antenati neri", che per primi si erano insediati in Grecia e in Egitto.

Secondo il mito olimpico della creazione, i primi gruppi a comparire sulla terra sono stati i Libici-Traci. I Libici erano Proto-Sahariani, così come gli originali Traci. Alcuni Traci erano discendenti dei Kushiti e delle truppe egiziane stabilite in Tracia da Sesostris (Thutmosis III o Ramses II), quando conquistarono l'Asia e l'Europa. (Diop 1991; Winters 1983a, 1984b, 1985a)

Molti dei cosiddetti miti greci, in realtà, sono testi storici che dimostrano l'antico stile di vita dei pre-ariani in Grecia e la transizione dal matriarcato dei pelasgi al patriarcato greco-ariano. Il termine ´Amazzoni´ è stato spesso utilizzato dagli ariani per denotare la società matriarcale che viveva nel Mar Nero. La battaglia tra Teseo e le Amazzoni, guidate dalla Regina Melanippe, registra i conflitti tra gli antichi Greci ariani e i libici installati attorno al Mar Nero.

Il Dr. Lefkowitz (1992) e Snowden (1992, 1976) perpetuano il mito che i neri in Europa fossero solo antichi schiavi o mercenari. Questo è falso, le opere storiche greche rendono evidente che molti antichi coloni del Mar Egeo erano venuti dall´Africa, in particolare i Garamanti ed i Pelasgi. G.W. Parker ha scritto che: "non ho bisogno di entrare nei dettagli riguardanti le relazioni etniche dei Romani, in quanto sono troppo Mediterranei e sono strettamente collegati alla stessa confederazione africana di razze ... [situata in Grecia]. Enea, il loro mitico loro fondatore proveniente da Troia. L´Eneide, come l´Iliade, l´Odissea e tutti gli altri grandi poemi epici del mondo, sono un racconto poetico che tratta di popoli africani. "Gli eroi di questi racconti utilizzano lungo scudi, mentre i caratteristici scudi dei popoli indo-europei di lingua greca erano rotondi.

Il tentativo degli eurocentristiè quello di dimostrare che c´è stata una "notevole continuità culturale e linguistica dal dodicesimo secolo, all´ottavo secolo a.C.", nel Mar Egeo. Eppure non vi è alcun modo in cui può essere dimostrato che i Greci indo-europei sono sempre stati in Grecia. Questo punto di vista sulla continuità tra i Greci della scrittura lineare B Greci e i Greci successivi, affermato da Lefkowitz, è contestato da Hopper, che ha osservato che "dopo tutto, quanto caratterizza la Creta minoica sembra del tutto estraneo alla Grecia posteriore, nonostante gli sforzi degli studiosi per individuare una 'continuità' ".

Data la ricchezza della letteratura afrocentrica, sembrerebbe logico che i "resistenti" eurocentrici riesaminassero tali opere, per sottolineare i punti deboli del testo all'interno di queste e dimostrare che l´afrocentrismo è un" mito" (Lefkowitz 1992). Ma, invece di fare proprio questo, i "resistenti" semplicemente parlano di testi scritti da studiosi afrocentrici e poi attaccano Black Athena, come se tutto l´afrocentrismo fosse basato esclusivamente su questo testo. Il Dr. Molefi Kete Asante ha osservato che: "L'obiettivo è quello di aprire campi di indagine [afrocentrici] e di ampliare il dialogo umano circa le questioni di ordine sociale, economico, storico e culturale. Tutto ciò deve essere eseguito attraverso il vaglio del dubbio fino a quando non si raggiunga il fondamento della verità. I nostri metodi, basati sul concetto della centralità africana, hanno lo scopo di stabilire un chiaro modello di discorso che può essere seguito da altri". In base a questa definizione, Black Athena non è un´opera afrocentrica. Questo libro è destinato a mostrare che gli Hyksos o popoli asiatici di lingua semitica, che svilupparono la civiltà occidentale in Grecia, non erano neri. Questo libro, a causa della sua mancanza di africani, non è si dimostra come un´opera che prova una centralità africana.

Black Athena non è la Bibbia afrocentrica dell´Egitto nero. Abbiamo dubbi che Cheikh Anta Diop potesse trovarsi d'accordo con la maggior parte delle tesi di questo libro. Trigger ha osservato che:

"Anche se [Bernal] ha ottenuto acclamazioni entusiastiche tra gli esponenti della negritudine e, occasionalmente, descrive alcuni Faraoni egiziani come "neri" o "Nubiani", egli stesso non si allinea con Anta Diop, ma con gli intellettuali neri più moderati... che... non vedono l'Egitto come essenzialmente africano".

Bernal (1987, 1991) ritiene che i Greci il risultato di un incrocio tra popoli europei popoli mediterranei (di lingua semitica).

Nel volume 2 di Black Athena, Bernal delinea la sua tesi che gli "egiziani" abbiano fondato la civiltà greca. Ma questi "egiziani" non erano neri, bensì semiti. Chiaramente Bernal (1991) ritiene che la civiltà del Mar Egeo sia stata fondata da Fenici di lingua semitica, e dalla dinastia semitica Hyksos d'Egitto.

Bernal (1991) vede gli Hyksos invasori come gli Hurriti, antisemiti, di idioma indo-iraniano. Di conseguenza, egli ritiene che i Danaos e Kadmeans, o fondatori egiziani di Tebe in Grecia, siano stati gli Hyksos. (Bernal, 1991, p.495)

In generale, Bernal (1991) ritiene che, quando gli Hyksos furono cacciati dall´Egitto, si stabilirono nel Mar Egeo e vi svilupparono la propria civiltà.

Il punto di vista di Bernal, degli Hyksos come i fondatori della civiltà greca, non ha nulla a che fare con il lavoro di studiosi afrocentrici. Il problema con Bernal (1991) è che egli ritiene che i "Pre-Elleni" o pelagici fossero di lingua indo-europea. Questo punto di vista non è mantenuto dagli studiosi afrocentrici, che riconoscono che i fondatori di Atene e dell´Attica erano neri. Diop (1974, 1991) e Clyde Ahmad Winters (1983b), rendono evidente che i popoli neri giunsero in Grecia in epoca preistorica e si risposarono nella Grecia classica fino a un numero significativo volte. Pertanto, gli apparenti errori nell´opera di Bernal Black Athena non devono essere considerati come prova che gli studiosi afrocentrici abbiano sbagliato. Questi errori dimostrano solo che Bernal (1991) non è riuscito a dimostrare che la civiltà Hyksos fosse fondata nel Mar Egeo.

Gli studiosi afrocentrici sono accusati di utilizzare vecchie e superate fonti. Questo è vero per alcuni studiosi afrocentrici che hanno scritto libri sulla base di fonti secondarie. Tuttavia, i veri studiosi afrocentrici, come Dubois, Diop (1974, 1991), J.A. Rogers, Parker (1917, 1918), Winters (1983b, 1985b, 1989a, 1989b) hanno usato fonti aggiornate per dimostrare fatti storici sul passato africano, anche prima delle fonti primarie utilizzate da Diop per illuminare il passato africano. Questi studiosi afrocentrici, originari di paesi africani e afro-americani, hanno cercato di illuminare il passato africano in tutto il mondo.

Ad esempio, Parker (1917, 1918) ha utilizzato fonti antropologiche, archeologiche, storiche e classiche per dimostrare che una volta i neri vivevano nel Mar Egeo. Parker (1917, 1918) ha utilizzato i classici greci per dimostrare che i Pelasgi erano di origine africana. Egli ha inoltre discusso le storie d´origine relative ai fondatori Pelasgici delle varie città greche e hanno dimostrato che questi uomini erano neri e non indo-europei.

Parker (1917, pp.341-42) ha anche osservato che "le grandi epopee greche sono epiche di un popolo africano e Elena, la causa della guerra di Troia, d'ora in poi deve essere concepita come una bella ragazza dalla pelle bruna". Questi africani navigarono verso la Grecia dal Nord Africa.

Usando testimonianze archeologiche e la letteratura classica, C.A. Winters (1983b) ha spiegato come i neri africani, fondatori della civiltà greca, provenissero dall´antico Sahara. Secondo Winters (1983b), è chiaro che questi neri giungessero all´Egeo in due ondate: 1) I Garamanti, un popolo di lingua mandinga che vivono lungo il fiume Niger, ma già vivevano nella regione del Fezzan, Libia; e 2) gli Egiziani, i Fenici Orientali e gli africani che sono stati registrati nella storia della Grecia come Pelasgi. La civiltà pelasgica è stata discussa in dettaglio da Parker (1917, 1918).

Il Pelasgi fondarono molte città. I pelasgi furono i fondatori di Atene, è notato da Plutarco nel Teseo 12, e in Ovidio Metamorphosis, VII, 402 ss.

Secondo Erodoto VII.91, i Pelasgi fondarono anche Tebe. Molti di questi ateniesi possono avere introdotto lo stile geometrico in Grecia durante la cosiddetta Epoca Buia (1200 - 600 a.C.).

Per Winters (1983b), è chiaro che i Garamanti fondarono le città greche della Tracia, Creta minoica e Attica. I Garamanti sono stati anche chiamati Carii dal Greci indo-europei.

Il Garamanti o Carii originariamente vivevano nel Fezzan. Questi Garamanti furono descritti dagli scrittori classici latini come neri o scuri di pelle: perusti (Lucano 4, 679), furvi (Arnoloius, Adversus Nationes, 6, 5) e Nigri (Anthologia Latina, 155, n.183).

Come risultato della ricerca di Parker (1917, 1918) e Winters (1983b), Lefkowitz (1992) sostiene che Socrate non avrebbe potuto essere nero, perché era un cittadino ateniese. Perché è il suo parere che gli Ateniesi non fossero di origine africana pur se le tradizioni greche sono chiare sul fatto che i Pelasgi, fondatori di questa città, non erano di lingua indo-europea. Di conseguenza, ella non riesce a dimostrare di che razza potesse essere Socrate, perché i greci stessi hanno detto chiaramente che i fondatori di Atene erano Pelasgi o neri. Inoltre, la prima arte d´Atene, nota come stile geometrico, raffigurava persone africane o nere.

Lefkowitz ha osservato che "Quindi, se Socrate e i suoi genitori avevano la pelle scura e altre caratteristiche razziali d´africani, alcuni dei suoi contemporanei se ne sarebbero probabilmente ricordati... A meno che, ovviamente, anche tutto il resto degli ateniesi avesse origini africane; ma allora perché non sono raffigurati come africani in arte? "La questione trova una facile risposta. Ci sono numerosi africani raffigurati nell´arte greca, ma piuttosto che ammettere che alcuni di questi fossero neri discendenti dai pelasgi e Garamanti, essi sono tutti attribuiti a immagini di gruppi di schiavi etiopi o mercenari (Snowden 1976).

I lavori di Diop (1974, 1991), Parker (1917, 1918) e Winters (1983b), rendono evidente che la discussione sull´influenza africana nel Mar Egeo non si basa esclusivamente sul lavoro di Bernal (1987, 1991) come i "resistenti" vorrebbero farci credere. L'uso di Bernal (1991) come un metodo per contestare le risultanze degli afrocentristi è fondamentale, perché il suo lavoro non riesce a riconoscere l'origine africana dei Pelasgi.

NERI NELL´EGEO

I primi abitanti della Grecia e delle isole del Mar Egeo erano neri provenienti dalle antiche Libia, Palestina, e Asia Minore. Questi neri fondarono Atene, Tebe e Thera e tutta l´Attica. Occuparono gran parte del continente e di tutte le isole del Mar Egeo. I neri sono spesso rappresentati nell'arte connessa con il cosiddetto Periodo Buio (1200-600 a.C.). Ci sono anche i fini affreschi dall´isola di Thera (Santorini) che illustrano una città egea occupata da questi neri, durante il XVI o XV secolo a.C.

Anche se questi popoli dell´epoca eroica provenivano da diverse origini, i Greci ariani li chiamavano Pelasgi. Secondo i Greci, Pelasgus era stato il primo uomo - l'antenato dei Pelasgi. I Pelasgi erano una combinazione di diverse tribù nere, chiamate Achei, Cadmei, Lelegi, Carii o Garamanti.

Il termine di Pelasgi è stato applicato a tutti gli abitanti pre-ellenici della Grecia. R.J. Hopper, in The Early Greeks, ha osservato che "in effetti i greci dell´età classica credevano in una separata esistenza di elementi di diverse origini etniche fianco a fianco, e in particolare pensavano ai Pelasgi in tale contesto".

Secondo la tradizione, i Pelasgi abitavano nell´Arcadia e in molte isole del Mar Egeo. Questi neri hanno dato la propria scrittura alla Grecia, che è stata poi utilizzata dai Greci ariani. Secondo Erodono le quadrighe o carri trainati da quattro cavalli sono state introdotte presso i greci dai libici Garamanti.

I greci ariani adottarono la lingua dei Pelasgi e degli egiziani. La linguistica ha dimostrato che vi è una differenziazione della Grecia in greco d´Oriente e greco d´Occidente. I Greci neri parlavano greco d´Oriente (Achaioi o Achei). Il greco d´Occidente era parlato dai Dori o Greci ariani. Le prime tribù ariane chiamate Ioniche parlavano un dialetto del greco chiamato Eolico Orientale.

Molti studiosi classici insegnano al mondo che la lingua greca è interamente indo-europeo. Questo punto di vista sul greco è sbagliato.

La Dott.ssa Anna Morpurgo Davies ha chiarito che "meno del 40% delle parole hanno un´etimologia Indo-europee". Secondo la Dr. Davies, 52, 2% dei termini greci del Dizionario di Chantraine Dictionnaire Etymologique de la langue Grecque (1968) hanno un´etimologia sconosciuta. La natura mista della lingua greca appare sin dai primi insediamenti nel Mar Egeo dei neri d'Africa.

Alcune di queste parole sono di origine africana. Robert K.G. Tempio, in The Sirius Mystery, mostra che molte delle più comuni parole del vocabolario greco sono di origine egiziana. Diop (1991) ha anche discusso l´origine egiziana di molti termini greci.

I GARAMANTI

Alcuni dei primi coloni africani che arrivarono in Grecia provenivano da Creta. Questi furono chiamati Garamanti Cretesi. Dal nome della dea Ker o Car, queste persone furono anche conosciute come Carii. I Carii parlavano una lingua del ceppo Mandé.

Questi popoli di solito navigavano per le isole del Mar Egeo e la costa circostante ed erano stabiliti in prospere comunità commerciali.

Non c´è frequente menzione del Garamanti del Fezzan, nella letteratura classica della Grecia e di Roma. Il Garamanti sono stati riconosciuti come una tribù nera. Essi erano noti ai Greci e ai Romani come di pelle scura. In Tolomeo (I.8.5., p. 31) uno schiavo Garamante è descritto del colore della pece, o totalmente nero.

Graves (1980) e Leo Frobenius legano i Garamanti all'antico impero del Ghana (c. 300 a.C. al 1100 d.C.). Graves (1980) sostiene che il termine greco Garamante è il plurale di Garama o Garamas. Egli ha detto che gli attuali abitanti di Jarama o Jerma sono i discendenti dei Garamanti; essi vivono vicino al fiume Niger.

Il mito olimpico della creazione, come registrato da Pindaro nei suoi Frammenti e da Rodio, rende chiaro che i Garamanti per primi colonizzarono la Grecia. I loro discendenti furono chiamati Carii. I Carii praticavano l'apicoltura. Come in Africa, i Carii praticavano la discendenza matrilineare. Secondo Erodoto, ancora fino ai suoi tempi i Carii prendevano il nome della loro madre.

Molti dei miti greci sono testi storici che descrivono il passaggio della Grecia da una società matriarcale ad una società patriarcale ariana. Il termine Amazzoni è stato spesso utilizzato dai ariani per denotare le società matriarcali che vivevano nel Mar Nero. La battaglia tra Teseo e le Amazzoni, guidate dalla Regina Melanippe, registra i conflitti tra gli antichi Greci ariani ed i Libico-Nubiani insediati attorno al Mar Nero.

I classici Carii e gli egiziani erano molto simili. Dopo aver avuto origine in Africa, nella Mezzaluna fertile, avevano simili dèi e le tradizioni culturali che risalivano al periodo Proto-sahariano.

I Garamanti fondarono l´Attica, dove lavorarono nelle miniere a Laureium. Demetra, dea della fecondità e dell'agricoltura, è venuta dal Fezzan (Libia) attraverso Creta. Fu Demetra a portare i semi di papavero e i fichi in Europa.

Apollonio Rodio (. IV.1310) ci dice che la dea Athena era nata vicino al lago Tritone in Libia. La dea Athena era chiamata Neith dagli egiziani e Nia dai Cretesi in una scrittura lineare. Ciò dimostra che questa divinità fu portata dai Garamanti in Europa, oltre a Demetra e Amon (= Ammon, Amma).

Con il 3000 a.C., i Garamanti diffusero la loro influenza per la Tracia e per la primitiva Grecia ellenica. Esiodo, che era un kadmio (vale a dire, egiziano di discendenza), nella sua opera "Opere e Giorni", ha detto che prima dell´invasione ellenica il popolo greco viveva in pace e tranquillità e la società era matriarcale. Il nome Europa proviene da Aerope, la figlia del re Catreus, un cretese. Tucidide ha osservato che:

"La prima persona a noi nota come da tradizione per aver istituito una marina è Minosse. Egli si è fatto padrone di ciò che ora è chiamato il mare ellenico, e ha governato le Cicladi, nella maggior parte delle quali egli ha inviato le prime colonie, espellendone i Carii e nominando i propri figli come governatori, e così ha fatto del suo meglio per abbattere la pirateria in queste acque, un passo necessario per garantire gli introiti per uso proprio".

Così troviamo che molti Cretesi colonizzarono anche del continente sud Europa.

I PELASGI

I greci spesso chiamarono i primi abitanti della Grecia Pelasgi. Gli scrittori greci affermavano che Pelasgo, il grande antenato dei Pelasgi, era stato il primo uomo. I Pelasgi erano una combinazione di diverse tribù nere che comprendevano: Achei, Kadmei e Lelegi. I Garamanti sono stati spesso chiamati Pelasgi anche da alcuni scrittori classici. Strabone ha dichiarato: "che i Pelasgi, come del resto la più antica delle nazioni, erano diffusi attraverso tutta la Grecia, e soprattutto tra gli eoli".

La città di Argo è stata fondata da Foraneo, padre di Pelasgo, Iaso e Agenore. E tra queste persone è stato diviso il Peloponneso.

Erodoto si riferiva ai Pelasgi come "venerabili antenati". Egli ha detto che i primi ateniesi "erano Pelasgi, e possedevano il paese ora chiamato Hellas". I fondatori pelagici di Atene sono anche citati da Plutarco nel Teseo 12, e in Ovidio, Metamorphosis VII.402ff. Secondo Erodoto VII.91, i Pelasgi fondarono anche Tebe in Europa. Pausania ha osservato che "Gli Arcadi ricordano Pelasgo come la prima persona che esisteva nel loro paese. Da questo re l'intera regione ha preso il nome Pilasgia". Hopper ha osservato che i Pelasgi fondarono l´Attica.

Gli immigrati neri da Canaan si insediarono anche nel Mar Egeo a Argolide. Chiamarono se stessi "Figli di ABAS". Molti dei Melampodi successivamente presero una parte di Argolide distinta da quella dei Cananei.

Il primo alfabeto greco è stato fatto dai Pelasgi, si è perso e poi è stato reintrodotto da Kadmo di Beozia. Un altro pelasgo, Evandro di Arcadia, introdusse la scrittura italica, che fu usata per i primi quindici caratteri dell'alfabeto latino, secondo Plinio e Plutarco.

Plinio dice che una scrittura del Mar Egeo fu creata da un egiziano di nome Menos. Una creazione egiziana di uno dei primi alfabeti greci non è fuori questione, perché i primi egiziani pre-dinastici utilizzavano la scrittura Proto-sahariana, come i fondatori della XII dinastia. Inoltre, le piastre di Ramses II, pubblicate da F. Hitching, in The Mysterious World, sono analoghe ai primi caratteri greci.

GLI EGIZIANI

Gli Egiziani istituirono molte antiche colonie in Europa. Gli Egiziani chiamavano se stessi Melampodi o "Piedi neri". Gli egiziani sono stati chiamati anche Danai nella storia greca. Secondo Hyainus in Fabula, e Apollonio Rodio, quando i Danai giunsero in Grecia erano una combinazione di diverse tribù africane.

Quando i Danai giunsero in Grecia presero una parte dell´Argolide ai Cananei. I Danai appresero i misteri della Themoporia e l'oracolo di Dodona alla Grecia. Questa opinione è sostenuta dalla scoperta nel Peloponneso di una pietra scritta in egiziano, risalente alla V dinastia d'Egitto. Tradizioni greche parlano di colonie egiziane fondate da Cecrope che si insediarono in Attica, e Danao, il fratello di Aegyptus, fu il fondatore dell´Argolide. Danao è ritenuto colui che insegnò ai Greci l'agricoltura e la metallurgia.

I MICENEI

Gli antichi Micenei erano neri. Queste persone erano venute dall´antica Creta, e dal Sahara Occidentale. Alain Anselin ha mostrato come molti Micenei parlassero lingue Dravidiche, in particolare il Termils dell'Asia Minore.

Le città di Troia, Micene, Tirinto, Tebe e Orochomenos sono state fondate da Eteocretesi o "Reali Minoici", in contrapposizione ai più tardi greco-cretesi. Questi Eteocretesi parlavano una lingua mandinga.

L´arte micenea dà ampie prove della ricca e varia cultura condivisa dagli africani di Micene. Gli africani sono raffigurati nella caccia e nella guerra sui motivi artistici recuperati dalle Grotte Shaft a Micene.

I più noti artefatti africani da Micene comprendono la "Caccia al cervo", "Caccia al leone con la lancia" e "Scena d´assedio" raffigurata sulla Coppa Rhyton d'argento. Tutti questi artefatti sono databili al 1500 a.C.

GLI ACHEI

Con il 1200 a.C., gran parte della civiltà micenea cade sotto il controllo degli Achei. Gli Achei dopo fondarono altre città-stato in Grecia. Dopo la conquista dei Micenei, gli Achei costituirono gli stati greci del Peloponneso. Le loro principali città: Micene e Tirinto in Argolide, Pylos e Messenia, furono originariamente fondate da altri gruppi pelasgici.

Tra il 1200e l´800 a.C., la Achei cominciarono a prendere il controllo del continente greco, la parte meridionale della penisola balcanica, Creta e numerose isole del Mar Egeo. Gli Achei sconfissero gli eserciti composti di Nubiani, egiziani e fenici a Troia. Alcuni dei combattenti con le truppe degli Achei erano popoli di lingue indo-europee.

ORIGINE DEGLI INDO-EUROPEI

Non vi è accordo sul luogo da cui provenissero gli europei e su quando si diffusero in tutta Europa. Il Dr. M. Gimbutas sostiene che gli Europei ebbero la loro origine nelle steppe del Ponto, sulla costa settentrionale del Mar Nero, e cominciarono ad espandersi in Europa come nomadi Kurgan dopo il 4000 a.C. Nel 1987, il Dott. C. Renfrew ha ipotizzato che gli indo-europei vivessero in Anatolia orientale e si fossero diffusi in Europa circa 7000 anni fa con la diffusione dell'agricoltura. Entrambi questi punti di vista trovano poco sostegno, basato sui termini della cultura ancestrale utilizzati dai Proto-indo-europee, che sono prevalentemente di origine non indo-europea. Dopo un confronto tra le prove linguistiche, agricole e genetiche, i ricercatori hanno trovato scarso sostegno per entrambe queste teorie. Sokal ha osservato, in una pubblicazione scritta con altri, che: "Se gli Indoeuropei si fossero originati in situ solo per una differenziazione locale, non dovrebbe esservi una significativa correlazione parziale, in quanto la geografia deve spiegare pienamente le distanze genetiche e linguistiche osservate. Questo non era il caso. Se le correlazioni genetiche e di lingua fossero interamente dovuto alla diffusione delle popolazioni di origine che accompagnavano la l'agricoltura, quindi l'origine del modello agricolo dovrebbe essere sufficiente, o almeno non dovrebbe essere a causa di alcuni effetti di origine agricola. Ma abbiamo visto che le distanze originate dall´agricoltura non possono ridurre le parziali correlazioni che rimangono, dopo che la geografia si è tenuta costante."

Le prove genetiche a sostegno della mancanza di un´origine degli indo-europei nella regione anatolica si appoggiano a testimonianze storiche e archeologiche. Il nord e l´est dell´Anatolia erano abitati da popolazioni non-indo-europee. Sembra che gli indo-europei non s´insediassero nell'Anatolia, sino al 2000 -1800 a.C. In questo periodo si nota la comparsa di nomi indo-europei (ittiti) nella documentazione letteraria del Vecchio Regno di Hatti. E verso il 1900 a.C. l'Anatolia era fondamentalmente ancora in mano agli Hatti.

Il solito metodo di assimilare l´invasione indo-europea a quella cinese presenta due facce. In primo luogo, essi s´insediavano in un paese in piccoli gruppi e in parte ne erano assimilati. Nell'arco di un certo periodo di tempo il loro numero aumentava. Una volta raggiunta una maggioranza numerica univano le forze con altri gruppi indo-europei, per rovesciare militarmente il potere degli abitanti originali in una zona specifica e prendere il potere politico. Dal momento che queste comunità di neri spesso vedevano se stessi come i residenti di una città-stato, molti avrebbero ignorato la sconfitta dei loro vicini. Questo caratterizzava la seconda forma d´invasione dei paesi precedentemente occupati dai Proto-Sahariani/Kushiti/Neri.

I neri rischiano ancora oggi di non accorgersi che, anche se i bianchi sono molto nazionalisti e impegnati in numerose guerre fratricide, sono capaci di unirsi temporaneamente per sconfiggere un popolo non europeo. Di conseguenza, nei casi in cui i neri erano organizzati politicamente in stati o imperi, piuttosto che isolati in città-stato, la grande unità politica riuscì a durare per centinaia di anni come avvenne per l´Egitto, Axum, Mali e l´antico Ghana.

D'iakonov d'altro canto ritiene che la patria degli indo-europei fossero i Balcani e la regione dei Carpazi. Egli ha dimostrato che la cultura del gruppo indoeuropeo indica che essi attraversarono tutta la zona di foresta-steppe con zone di foresta decidua. Questo punto di vista è altamente probabile.

L´idea che queste persone fossero agricoltori sembra improbabile, dal momento che le zone ideali per l´agricoltura in Europa erano già occupate dagli Anu e dai popoli dalla Mezzaluna Fertile africana, come abbiamo visto. Invece di essere agricoltori gli Indoeuropei dovevano essere originariamente nomadi.

Le steppe non avrebbero potuto essere la patria del indo-europei, perché erano in gran parte occupate dai Proto-sahariani sino a dopo il 1300 a.C. In sostegno di una precoce presenza di indo-europei nelle steppe, molti studiosi sostengono che la cultura Andronovo e i veicoli a ruote siano i marcatori "forti" della cultura indo-europea.

Ma questa teoria è stata dimostrata insostenibile, dai dati archeologici e linguistici. La civiltà e l'economia che hanno caratterizzato la "vecchia Europa" sono estranee alla cultura indo-europee ritratta nella letteratura indo-ariana.

Molti studiosi utilizzano il carro e l´uso del cavallo come indicatori per la presenza etnica indo-europea. Ma non può essere dimostrato che il cavallo o il carro siano marcatori esclusivi della presenza indo-europea. I veicoli a ruote erano utilizzati in Mesopotamia e nella valle dell´Indo prima del terzo millennio. La presenza di giocattoli egiziani con animali a ruote, in periodo pre-dinastico e all'inizio del periodo dinastico, in Egitto e altrove, gioca a sostegno della tesi secondo cui la ruota fosse una tecnologia ben conosciuta per i Kushiti prima dell'espansione degli indo europei.

Questa posizione è ulteriormente corroborata dal fatto che la radice indoeuropea per il termine "ruota" è simile al numero quattro. L'utilizzo di un numero per indicare la "ruota" dimostra che l'innovazione tecnologica deve provenire da altrove ed è stata successivamente adottata dai Proto-indo-europei, dopo la loro dispersione.

Il cavallo non può essere un indicatore per gli indo-europei o la loro dispersione. Sembra che nelle steppe il cavallo non fosse utilizzato intensamente sino all´età di ferro. V. M. Masson ritiene che l´addomesticamento del cavallo e l'equitazione si siano sviluppati nel primo millennio a.C., nelle steppe.

I primi indo-europei furono i guerrieri nomadi Kurgan, secondo un nome usato dagli archeologi, che non si riferisce ad un tipo di razza, in quanto molti dei primi locatori di lingue indo-europee potrebbero essere stato nero, tenuto conto del fatto che, tra le rappresentazioni dei Popoli del Mare sui monumenti egiziani, essi appaiono come popoli africani. Ma oggi i soli indo-europei conosciuti sono di razza caucasica.

Sviluppatisi sulle montagne del Caucaso, i Kurgan erano un popolo di pastori che allevava bovini, suini e ovini.

I Kurgan erano un popolo molto distruttivo. Hanno distrutto vaste regioni di foresta in tutta Europa. Con il quarto millennio a.C., ampie distese di foreste sono scomparse in Europa. Al loro incontro con la comunità civile di ceppo africano, questi ultimi sono stati ridotti in schiavitù, mentre i Kurgan hanno adottato la loro cultura. I guerrieri Kurgan utilizzavano questi schiavi per coltivare il grano.

Gli indo-europei rimasero in minoranza sino a quando non impararono l'arte della lavorazione dei metalli, dagli Ittiti in Asia Minore. Questo insieme alle calamità naturali, che ebbero luogo in tutto il mondo, e in particolare nel Bacino del Mediterraneo, dopo il 1600 a.C., aiutò i Kurgan ad infiltrarsi nelle zone civilizzate del Mar Egeo e della Valle dell´Indo.

I Kurgan sono noti anche come il popolo delle asce da battaglia. Con il terzo millennio a.C., i Kurgan allevavano cavalli e si organizzavano in tribù militarizzate. Il simbolo della classe guerriera era l´elmo cornuto, usato dai Popoli del Mare e in seguito dai Vichinghi. La loro arma comune era la doppia ascia.

Il popolo Kurgan lentamente in piccole quantità migrò verso i centri di civiltà, in primo luogo nel nord della Mesopotamia, poi in India. Con il 3500 a.C., i Kurgan invasero la regione del Caucaso. A partire dal 3700 a.C., i vecchi insediamenti europei cominciarono a costruire mura tutto intorno per difendersi dai guerrieri Kurgan.

Questi primi popoli indo-europei praticavano sacrifici umani. Alla morte di un uomo, sua moglie era spesso uccisa e sepolta con lui.

I Kurgan si mescolavano con gli indigeni di stirpe africana. Alcuni di essi erano datti schiavi dall´élite di guerriero. Se la comunità nera era più potente di quella Kurgan, formavano un'alleanza tra di loro e sottomettevano i gruppi più deboli. Una volta che la Kurgan tribù fosse diventata più forte, avrebbe estromesso dal potere il suo ex alleato.

I Popoli del Mare cominciarono ad infiltrarsi nell´Egeo dopo il 1200 a.C. Queste persone di solito indossavano caschi cornuti e usavano scudi rotondi

Immagini di questi guerrieri nomadi sono raffigurate nel cortile del tempio di Medinet Habu, in Egitto. Questi bianchi Filistei Jafeti si trasferirono in Palestina, dove duecento anni più tardi distrussero Sidone e Troia. Questo gruppo etnico dei filistei Kurgan si chiama Phrs nei documenti egizi.

Un altro gruppo di tribù Kurgan prese Creta. Dalle basi di Creta, invasero l'Africa del Nord, ad ovest dell'Egitto. Queste tribù erano chiamate Kurgan Rebou, dagli egiziani. Questo gruppo costituì la popolazione bianca libica che occupava gran parte della regione del delta d´Egitto, prima della fondazione di Cartagine da parte dei Fenici.

Con il 1300 a.C., le tribù dei Dori invasero la Grecia e sconfissero gli Achei. La conquista dorica di Micene portò a Creta e creò un importante centro della civiltà achea. I Dori impararono l'arte della scrittura dai Fenici.

Tra i primi indo-europei le relazioni sociali erano patriarcali. La classe guerriera ereditaria controllava le terre migliori e sfruttava gruppi importanti di schiavi, costituiti principalmente dai nativi neri e poveri della popolazione indo-europee. La terra era coltivata dai contadini per la classe dirigente fatta di guerrieri.

Ogni gruppo etnico indo-europeo era guidato da un Basileus, ossia un comandante militare, giudice e sommo sacerdote.

In sintesi, i miti, l´archeologia e le prove storiche indicano che l'Europa non è stata la patria della razza bianca. A quanto pare, gli antichi Greci erano neri. Inoltre, è chiaro che questi neri hanno insegnato la civiltà e il governo agli europei e che questi simboli del governo e della civiltà non possono essere rivendicati esclusivamente come proprietà dei cittadini europei.

Le prove storiche, archeologiche e linguistiche dimostrano che la storia antica deve essere riscritta, in modo da riflettere sul fatto che i neri che in Europa non sono stati solo gli schiavi, ma fondatori della civiltà greca. Questi nuovi testi di storia devono innanzitutto riflettere il ruolo dell'Unione africana nella storia, in modo che i bambini bianchi e neri conoscano la verità sulla storia, e non solo false cappe che negano l'esistenza e il ruolo dei Greci di origini africane nello sviluppo dell´antica civiltà greco-romana.


Nessun evento in programma

Vai calendario eventi completo >