sei in Home > Paleontologia > News > Dettaglio News
12 Maggio 2009 PALEONTOLOGIA
The Independent
Rivelato il volto del primo europeo
FOTOGALLERY
tempo di lettura previsto 4 min. circa

Questo è il volto del primo uomo anatomicamente moderno vissuto in Europa. Apparteneva ad un uomo - o una donna - che hanno abitato l'antica foresta del Carpazi nell'attuale Romania, circa 35000 anni fa. La ricostruzione dell'artista - un volto che può essere d'un maschio o d'una femmina - si basa sulle parti del cranio e della mandibola trovate in una grotta in cui si sapeva che gli orsi vanno in letargo. Le fattezze del viso indicano la stretta affinità di questi primi europei con i loro immediati antenati africani, anche se non è stato ancora possibile determinare il sesso della persona.

Richard Neave è l'artista forense che ha ricostruito in argilla il viso di questo modello, basato su una sua valutazione dell'accurata misurazione dei frammenti di ossa e sulla sua lunga esperienza di come i tessuti molli del volto sono stati costruiti attorno le ossa del cranio.

La ricostruzione è stata fatta per la prossima serie della BBC 2 "The Incredible Journey" che documenta le origini e l'evoluzione dell'uomo, dalla nostra patria in Africa per le lunghe rotte migratorie, sino a popolare le più lontane parti del globo. E' impossibile dalle ossa determinare il colore della pelle della persona, anche se gli scienziati pensano che la pelle fosse probabilmente più scura di quella dei moderni europei, riflettendo una recente origine africana.

La testa del primo "europeo moderno", riprodotta in creta dal Signor Neave, si trova ora sulla scrivania di Alice Roberts, l'antropologa Università di Bristol che introdurrà la serie della BBC 2. "E' davvero piuttosto bizzarro. Sono uno scienziato e sono obiettiva, ma io guardo e penso 'sto proprio guardando il volto di qualcuno di 40.000 anni fa', e c'è qualcosa di strano che si muove in me, " ha detto alla Radio Times la dottoressa Roberts.

"Richard crea dei teschi umani molto più recenti ed è utilizzato per esaminare le differenze tra le popolazioni. Egli ha detto che il cranio, in realtà, non sembra europeo o asiatico o africano. Esso si presenta come un miscuglio di tutti gli altri. E si pensi bene, questo è probabilmente ciò che vi aspettereste di qualcuno che è stato tra le prime popolazioni venute in Europa".

Potholers discovered the lower jawbone of the first modern European in 2002 in Pestera cu Oase, the "cave with bones", located in the south-western Carpathians. Potholers scoperto la mandibola inferiore della prima europea moderna nel 2002 in Pestera cu Oase, la "grotta con le ossa", situato nella zona sud-occidentale dei Carpazi. The remaining fragments of skull were unearthed in 2003. I rimanenti frammenti di cranio, sono stati rinvenuti nel 2003.

Gli scienziati hanno datato le ossa mediante analisi al radiocarbonio tra 34000 e 36000 anni fa, quando l'Europa era occupata da due tipi: sia dall'uomo di Neanderthal, che aveva vissuto nella regione per decine di migliaia di anni, sia dall'uomo anatomicamente moderno - Homo sapiens - che era appena arrivato lungo una rotta migratoria dall'Africa, attraverso il Medio Oriente.

Anche se il cranio condivide in molte parti le moderne funzionalità dell'anatomia umana, mostra anche tratti più arcaici, come i grandi denti molari, che hanno portato alcuni scienziati a pensare che il cranio può appartenere ad un ibrido tra Homo sapiens e Neanderthal - un'idea rigettata da altri esperti.

Erik Trinkaus, docente di antropologia alla Washington University nel Missouri, e uno dei primi specialisti a studiare in dettaglio le ossa, ha detto che la mandibola è il più antico fossile umano datato direttamente. "Nel loro insieme, il materiale è la prima cosa che sicuramente documenti l'uomo moderno, quando iniziò a diffondersi in Europa", ha detto.

L'uomo di Neandertal

* Ha vissuto in Europa per 300.000 anni, e un certo numero di loro è sopravvissuto all'età di ghiaccio prima di morire 25000 anni fa. Nessuno è sicuro del perchè. Originali resti fossili sono stati trovati nel 1856 nella valle di Neander, vicino a Dusseldorf, Germania. Socialmente avanzato, ma non ha lasciato nessun segno d'arte, decorazione o gioielli. Ma gli archeologi hanno scoperto un flauto e hanno sperimentato la loro capacità di costruire utensili, il che suggerisce un più alto livello di sofisticazione di quanto si pensasse dapprima.

Homo sapiens

* Arrivati in Europa circa 35.000 anni fa, in competizione con l'uomo di Neanderthal per 10.000 anni. Gli studi del DNA suggeriscono che le due specie non si siano mescolate. I primi resti di Homo sapiens - l'uomo moderno - furono trovati nel 1868 in una grotta in Dordogna, in Francia, ed è perciò conosciuto come l'uomo Cro-Magnon. Ha lasciato pitture rupestri a Chauvet, Lascaux e Altamira, suggerendo un improvviso sviluppo dell'arte.


Nessun evento in programma

Vai calendario eventi completo >