sei in Home > Scienza > News > Dettaglio News
17 Marzo 2009 SCIENZA
physorg.com
Un viaggio moderno alla terra di Punt
FOTOGALLERY
Il Min è lungo 20 metri e potrebbe trasportare un carico di circa 15 tonnellate oltre che la squadra ed i rifornimenti. La ricostruzione moderna è stata sviluppata in soli sei mesi da un cantiere navale egiziano.
tempo di lettura previsto 5 min. circa

Gli antichi Egizi possono essere più noti per la costruzione delle piramidi, ma l'archeologa marittima di fama internazionale Cheryl Ward vuole che il mondo sappia che erano anche bravi marinai.

Ward, professoressa associata d'antropologia all'Università di Stato della Florida, con una squadra internazionale di archeologi, di costruttori di navi e di marinai, ha recentemente sviluppato una replica completa di una nave di 3800 anni fa e ha navigato con essa sul Mar Rosso per ricreare un viaggio ad un posto che gli antichi Egizi chiamavano la Terra di Dio o Terra di Punt. La loro spedizione è stata finanziata e filmata per un documentario francese a diffusione internazionale e per un prossimo episodio di "NOVA.

"Questo progetto ha dimostrato le straordinarie capacità degli Egizi di navigare in mare, ha detto Ward. "Molta gente, compresi i miei colleghi archeologi, pensa agli Egizi come legati al fiume di Nilo ed incapaci di andare per mare. Per 25 anni, la mia ricerca è stata dedicata a mostrare la portata della loro abilità ed ora, a rivelarsi il loro modo tutto particolare di costruire navi, funzionanti magnificamente in mare.

Il progetto si è sviluppato dalla scoperta nel 2006 dei più antichi resti in tutto il mondo di navi destinate a navigare in mare, in caverne artificiali apresso il wadi Gawasis, sul bordo del deserto egiziano. Gli Egizi usavano il luogo per montare e smontare le navi costruite con tavole di cedro e per immagazzinare le tavole, le ancore di pietra e le bobine di corda fino alla spedizione seguente -- che ovviamente non c'è mai stata. Il malcontento sociale e l'instabilità politica dopo il periodo del Medio Regno (2040-1640 a.C.) probabilmente hanno provocarono un blocco ad ulteriori esplorazioni e le caverne sono rimaste a lungo dimenticate, ha detto Ward.

Ward, principale ricercatrice per l'archeologia marittima al wadi Gawasis, ha determinato che le tavole di legno trovate nelle caverne avevano quasi 4000 anni. Sulla base dei vermi del legno, che avévano scavato una galleria nelle tavole, ha supposto che le navi avessero compiuto un viaggio di circa sei mesi, probabilmente al leggendario centro commerciale di Punt, nel sud del Mar Rosso. Gli studiosi sapevano da tempo che gli Egiziani avevaano viaggiato sino a Punt, ma discutevano riguard alla sua posizione esatta e se gli Egizi avessero raggiunto Punt per terra o dal mare. Alcuni avevano pensato che gli antichi Egizi non avessero la tecnologia navale per viaggiare sul mare su lunghe distanze, ma i risultati degli scavi al wadi Gawasis hanno confermato che gli Egizi compirono un viaggio di viaggio di andata e ritorno di 2000 miglia sinoa Punt, individuabile nelle terre che oggi chiamiamo l'Etiopia o lo Yemen, ha detto Ward.

Dopo la scoperta al wadi Gawasis, Valerie Abita, della compagnia francese di produzione Sombrero Co., ha chiesto alla Ward di partecipare ad un documentario su una ricostruzione moderna del viaggio patrocinato verso Punt dal faraone donna egiziano Hatschepsut. Ward ha progettato e sorvegliato la ricostruzione di una nave di Punt con l'assistenza di un architetto navale, di un costruttore navale e con la consulenza locale di un archeologo egiziano. Il processo ha comportato parecchi viaggi in Egitto per approfondire la ricerca, per selezionare un cantiere navale per costruire il vascello e per scegliere i materiali. (Risulta che l'abete Douglas, l'albero di Natale più comune in America, è molto simile al cedro usato dagli antichi Egizi, in termini di resistenza e densità). Ward ha usato il programma del maestro artigiano di FSU per sviluppare i modelli su scala ridotta della nave, per aiutarla a raffinare i particolari e per modellare la disposizione. Entro l'ottobre 2008, la ricostruzione della nave, lunga 20 metri e larga 5, che Ward ha battewwato "Min" del deserto, è stato completato usando le tecniche degli antichi Egizi - nessuna paratia trasversale, nessun chiodo e tavole adattate insieme come le parti di un puzzle. Dopo l'immersione della nave nel Nilo per consentire ai legnami di gonfiarsi e serrarsi intorno alle legature di legno, dopo aver montato il sartiame e provato il sistema di direzione, hanno trasportato la nave completa in camion al Mar Rosso - piuttosto di trasportarla smontata attraverso il deserto, come avrebbero fatto gli antichi Egizi.

Verso la fine di dicembre, l'equipaggio internazionale di 24 uomini ha fatto vela sul Mar Rosso. Il capitano era David Vann, professore assistente d'inglese dell'Università di Stato della Florida, marinaio compiuto e scrittore di successo. Le limitazioni politiche così come l'abbondanza di moderni pirati lungo l'estremità sud dell'itinerario hanno trattenuto la squadra dal lasciare le acque egiziane ed il viaggio si è concluso dopo sette giorni e circa 150 miglia, rispetto a quello che sarebbe stato un viaggio di 1000 miglia sino a Punt. Ma il viaggio di una settimana ha fornito una nuova valutazione di apprezzamento per le abilità ed ingegnosità degli antichi Egizi, ha detto la Ward, notando che la squadra è stata sorpresa da quanto velocemente la nave poteva viaggiare - circa 6 nodi, o 7 miglia orarie.

"La velocità della nave significa che i viaggi si sarebbero fatti molto in meno tempo di quanto gli Egtttologi non avessero calcolato, rendendo l'intero viaggio più semplice e più fattibile per gli antichi, ha detto, ed ha aggiunto che probabilmente impiegarono circa un mese per veleggiare sino a Punt e due mesi per il ritorno.

"La tecnologia che abbiamo usato non era applicata alla costruzione navale da più di 3500 anni e funziona ancora oggi come allora. Non era facile. "Quando era tempo di alzare la vela e di iniziare la nostra rotta verso il sud verso la terra di Punt, abbiamo avuto soltanto la nostra squadra e l'energia dell'essere umano su cui contare, ha detto Ward. "Levandoci in piedi e remando sopra la guida, trasportando su una linea per sollevare la vela senza l'aiuto delle pulegge o registrando i nostri progressi lungo la rotta, tutti ci siamo sentiti collegati a quei marinai antichi nei loro viaggi epici.

Fornito dall'Università di Stato della Florida


Nessun evento in programma

Vai calendario eventi completo >