sei in Home > Storia > News > Dettaglio News
20 Settembre 2006 STORIA
Newswise
MUTAMENTI CLIMATICI AL TEMPO DEI DINOSAURI
tempo di lettura previsto 3 min. circa

Antiche rocce nella parte inferiore dell'Oceano Pacifico suggeriscono cambiamenti climatici sostanziali durante l'era mesozoica dominata dai dinosauri, in un periodo che si credeva regolarmente caratterizzato da temperature calde e forte umidità.

Nel numero di questo mese della rivista Geology, gli scienziati dell'Università Bloomington nell'Indiana (IUB) e l'Istituto reale per il mare dei Paesi Bassi presentano nuove prove secondo cui le temperature dell'oceano in superficie variarono fino a 6 gradi centigradi durante l'epoca Aptiana del periodo Cretaceo 120 milioni anni fa.

La scoperta è rilevante in seno all´infinito dibattito sui mutamenti climatici, spiega il geologo Simon Brassell dell´IUB, perché ritrae una terra antica in cui le temperature si muovevano irregolarmente per i cambiamenti nel ciclo del carbonio ed in assenza di alcun input umano.

"Combinando i dati con quelli dell´Atlantico, sembra chiaro che i cambiamenti di clima avvenissero su una scala globale durante questo periodo di tempo, " ha dichiarato Brassell, che ha guidato il gruppo di studio.

Uno studio precedente da un altro sito dell'Oceano Atlantico aveva suggerito variabilità nel clima nello stesso periodo di tempo. Ma non si sapeva se i dati atlantici indicassero un cambiamento di clima regionale - unico della zona o invece qualcosa di più generale.

"Virtualmente, non abbiamo dati provenienti delle zone centrali del più grande oceano a quel tempo; ma i dati che abbiamo raccolto" continua Brassell " suggeriscono fluttuazioni globali significative nella temperatura."

Come componenti del Progetto di Esplorazione dell´Oceano della National Science Foundation, i geoscienziati, nel 2001 hanno iniziato le esplorazioni a Shatsky Rise, un sito di studio 1, 600 chilometri ad est del Giappone e 3.100 metri sotto la superficie dell'oceano. Shatsky Rise è nota per essersi è formata alla fine del periodo Giurassico, immediatamente prima dell'inizio del Cretaceo, l'ultimo periodo dell'era Mesozoica.

Il veicolo in dotazione agli scienziati, il JOIDES Resolution, è equipaggiato specificamente affinché una trivella possa essere calata sul fondo del mare per raccogliere campioni della roccia.

La punta della trivella è stata affondata a 566 metri nella Shatsky Rise. Le rocce liberate tramite la trivella sono state trasportate direttamente alla superficie per analisi.

Le rocce che corrispondono all´antico tempo Aptiano sono risultate estremamente ricche in materiale organico. Analizzando il contenuto dell'azoto e del carbonio dei campioni, i geochimici hanno trovato la prova dei cambiamenti nel ciclo del carbonio e nel fissaggio dell'azoto da comunità biologiche nell'oceano connesse con mutamenti climatici. Un metodo speciale di analisi che indaga specifici complessi di carbonio contenenti molecole ha fornito i valori per una misura denominata TEX86 che ha rivelato le variazioni medie di temperatura fra 30 gradi e 36 gradi con due episodi di raffreddamento prominenti di circa 4 gradi nelle temperature tropicali di superficie durante il primo periodo Aptiano. Per poter operare un confronto, le temperature di superficie dell'odierno mare tropicale si attestano tipicamente fra 29 e 30 gradi.

Brassell sostiene che le scoperte di mutamenti climatici simili durante il Cretaceo, un periodo di tempo dominato dai dinosauri e celebre per la diffusione di piante fiorenti, potrebbe influenzare il dibattito corrente.

"Una delle sfide chiave per noi è riuscire a prevedere i cambiamenti climatici" ha spiegato Brassell. "Se ci sono fluttuazioni notevoli nel sistema, come stanno mostrando gli studi di paleoclimatologia, si potrebbero trarre maggiori determinazioni sul futuro climatico della terra. Stiamo imparando che il nostro clima, nel corso del tempo, si è comportato come una bestia selvatica."

TAG: Dinosauri

Nessun evento in programma

Vai calendario eventi completo >