sei in Home > Archeologia > News > Dettaglio News
7 Marzo 2003 ARCHEOLOGIA
Le Scienze
Un gene che fa la differenza tra Neanderthal e Cro Magnon
tempo di lettura previsto 1 min. circa

"Gli uomini moderni hanno sostituito i Neanderthal senza che tra i due gruppi ci sia stato uno scambio significativo di geni". Questa è l'affermazione principale utilizzata dagli autori di un articolo apparso sulla rivista Science con la quale si vuole risolvere uno dei più accesi dibattiti aperti nell'ambito della paleoantropologia.

Secondo Richard Klein e i suoi colleghi rimane però aperta una questione. "Le ragioni della fine dei Neanderthal possono essere spiegate dalla inadeguatezza del loro patrimonio genetico a competere culturalmente con le nuove specie di Homo provenienti dall'Africa?".

Dalle analisi al radiocarbonio sui vari giacimenti risulta infatti che i Cro Magnon, i diretti antenanti dell'Homo Sapiens hanno iniziato a rimpiazzare i Neanderthal nelle aree asiatiche intorno ai quarantacinque mila anni fa. Dopo questo periodo i Cro Magnon si insediarono in Europa con tutto il loro corredo di strumenti, armi e gioielli.

Ora i ricercatori hanno deciso di puntare la loro attenzione su un particolare gene, il FOXP2-a, implicato nello sviluppo del linguaggio, come una delle principali differenze tra i due ominidi la cui assenza tra i neanderthal potrebbe spiegare il loro declino davanti all'avanzata dei Cro Magnon. Secondo gli autori la presenza o meno di questo gene può spiegare le differenze di capacità linguistica tra i due gruppi molto più che l'analisi dei teschi fino ad oggi conservati.


Nessun evento in programma

Vai calendario eventi completo >