sei in Home > Storia > News > Dettaglio News
16 Dicembre 2004 STORIA
Newswise
CATASTROFICA INONDAZIONE DALL´ANTICO LAGO POTREBBE AVERE INNESCATO IL PERIODO FREDDO
tempo di lettura previsto 4 min. circa

Immaginiamo un lago tre volte la dimensione dell´attuale Lago Ontario che rompe le dighe e fluisce lungo la Valle del Fiume Hudson, attraverso New York fino a sboccare nell´Atlantico. Il risultato sarebbe catastrofico se avvenisse ai giorni nostri, ma accadde davvero circa 13, 200 anni or sono nel corso del ritiro dei ghiacciai del Nord America e potrebbe avere innescato un breve periodo di raffreddamento conosciuto come Periodo Freddo Intra-Allerodi.

L´assistente scienziato Jeffrey Donnelly dell´Istituto Oceanografico di Woods Hole, ha presentato le sue scoperte al meeting dell´Unione Geofisica Americana tenutosi a San Francisco. Donnelly e colleghi hanno analizzato sedimenti, fossili di trichechi e pollini per datare precisamente il riversarsi dalle acque del Lago Glaciale Iroquois lungo la Valle del Fiume Hudson, a circa 13, 350 anni or sono. Il flusso delle acque irruppe attraverso lo spazio di terra dove si trova la sporgenza dell´attuale Ponte di Giovanni da Verrazzano, per raggiungere il Nord Atlantico.

Il riversarsi delle acque dolci dei ghiacciai nel Nord Atlantico è a lungo stato considerato possibile causa delle fluttuazioni nel clima del passato, poiché l´imponente volume di acque dolci avrebbe alterato la circolazione delle correnti termiche nell´oceano. Riuscire a collegare direttamente l´evento del riversarsi delle acque con singoli mutamenti climatici è stato difficile, per la complessità di determinare le precise collocazioni, i tempi e la quantità di acqua.

Il Periodo Freddo Intra-Allerodi durò solo 150 anni e sopravvenne poco tempo prima del Dryas più recente, un breve periodo freddo che durò circa 1, 200 anni e che terminò attorno a 11, 000 anni or sono. Molti scienziati ritengono che il Dryas più recente sia stato causato dall´interruzione del flusso della Corrente del Golfo in risposta ad un influsso improvviso di acqua dolce dalla de-glaciazione del Nord America. Il clima globale si sarebbe quindi bloccato nel nuovo stato fino a che il congelamento rimosse il "coperchio" di acque dolci dall´Oceano Atlantico Settentrionale.

Il team ha comparato le evidenze della massiccia inondazione lungo la Valle dell´Hudson, ai dati degli strati di sedimenti prelevati dal Bacino di Cariaco a largo del Venezuela nei Caraibi, che mostrano un rallentamento nella circolazione delle correnti termiche ed il contestuale trasporto di calore nel Nord Atlantico.

Donnelly e colleghi sono stati in grado di determinare in quale periodo si verificò questo evento, analizzando i dati da campioni di sedimenti dalla Valle dell´Hudson e dalla piattaforma continentale. I campioni di sedimenti raccolti presso il Ponte di Tappan Zee, indicano che le acque dell´oceano fluirono nella parte inferiore della Valle dell´Hudson poco dopo il verificarsi dell´inondazione. I dati dei pollini dai primi sedimenti marini depositatisi presso l´Holland Tunnel si correlano a quelli dei sedimenti datati al radiocarbonio del vicino laghetto di Sutherland a New York ed offrono ulteriori limiti alla datazione dell´inondazione. I resti di trichechi recuperati da una gigantesca lingua di sedimenti, depositati a largo nel corso dell´inondazione, sono stati datati al carbonio per localizzare ulteriormente il periodo di tempo preciso.

Imponenti rocce, associate anch´esse alle fasce di sedimenti, sono state fotografate lungo la piattaforma continentale esterna a largo della bocca del Fiume Hudson, dove i sedimenti sono normalmente della misura di granelli di sabbia o inferiori. Donnelly ha dichiarato che le grandi rocce più probabilmente provenivano dallo scioglimento dei ghiacciai e furono portate lungo l´Atlantico dal flusso delle acque.

Il Lago Glaciale Iroquois, nella stessa posizione e circa tre volte la dimensione del moderno Lago Ontario, si formò nel momento in cui il Foglio di Ghiacci del Laurentide retrocesse dalla sua massima estensione, lungo la parte meridionale di Long Island, New York, dal New Jersey settentrionale, fino al Canada meridionale da circa 21, 000 a 13, 000 anni or sono. Diversi altri siti di ghiacciai, il Lago Glaciale Albany, ed il Lago Glaciale Vermont esistettero per diverse migliaia di anni e depositarono spessi strati di detriti di melma e argilla nella Valle del Fiume Hudson e nei Bassopiani di Champlain.

Donnelly ha dichiarato che una diga a nord delle Montagne di Adirondack nell´alto stato di New York, che conteneva l´antico lago, crollò, permettendo alle acque del lago di fluire nella Valle dell´Hudson, e nel Nord Atlantico, abbassando il livello del Lago Glaciale Iroquois di circa 120 metri. A seguito del crollo del Lago Ghiacciato Iroquois, un altro lago, il Lago Glaciale Candona, si formò nell´Ontario, presso i bassipiani di Saint Lawrence e Champlain, controllato nel livello da una diga di roccia o di detriti presso Fort Ann, Vermont.

Il Lago Candona esistette per soli 100 o 200 anni circa prima che fosse drenato nell´Atlantico quando il foglio di ghiaccio che bloccava la Valle di St. Lawrence cedette. A seguito del drenaggio del Lago Candona, le acque salate invasero i Bassipiani di St. Lawrence e Champlain e formarono la via del mare Laurentiana e il Mare di Champlain. Il Lago Glaciale Candona scese di 40 metri quando si riversò nel Nord Atlantico per mezzo della Valle del Fiume Saint Lawrence. Questa apertura della Valle di St.Lawrence, come passaggio per le acque sciolte dei ghiacciai circa 13, 000 anni or sono, probabilmente giocò un ruolo significativo nell´innescare uno degli intervalli freddi del Dryas Recente.

Il team pubblicherà i risultati dello studio completo nel numero del Febbraio 2005 della rivista Geology.

TAG: Altro

Nessun evento in programma

Vai calendario eventi completo >