sei in Home > Storia > News > Dettaglio News
6 Novembre 2003 STORIA
BBC News online
I Campioni di Ghiaccio Potrebbero Sciogliere un Mistero di 5,000 Anni or sono
FOTOGALLERY
tempo di lettura previsto 6 min. circa

COLUMBUS, Ohio Le ultime spedizioni sulle calotte di ghiaccio delle Ande Peruviane da parte degli scienziati della Ohio State University, potrebbero gettare luce su un misterioso mutamento climatico globale che si ritiene occorse più di 5, 000 anni or sono.

Gli studiosi sperano che i campioni di ghiacci prelevati dalle due calotte tropicali del luogo, come anche da antiche piante recuperate sotto i ghiacciai in via di scioglimento, possano contenere indizi e offrire un collegamento tra gli eventi antichi che cambiarono la vita quotidiana in Sud America, Europa ed Asia.

Qualcosa accadde circa 5, 200 anni or sono, e fu un evento brusco e su larga scala, ha spiegato Lonnie Thompson (foto), professore di Scienze Geologiche presso la Ohio State e ricercatore presso il Centro di Ricerca Byrd Polar.

Quando la neve cade su queste calotte di ghiaccio, e rimane intrappolata per un lungo tempo, forma livelli stratificati che indicano le accumulazioni annuali. I ricercatori possono stimare l´età di un livello mediante conteggio di questi livelli come i biologi possono datare le foreste mediante il conteggio degli anelli degli alberi.

In settembre, Thompson ed il suo team, hanno prelevato nuovi campioni di profondità in sedimenti di ghiaccio sulle più alte cime peruviane. Hanno prelevato tre campioni dal Nevado Coropuna, un vulcano estinto nella Cordigliera Occidentale delle Ande nel Perù meridionale. Due dei campioni sono stati prelevati dal cratere, e misuravano circa 34 metri.

"Basandosi sul calcolo dei livelli dei campioni ai siti esaminati, riteniamo che i campioni più corti possano datarsi ad almeno 300 anni" ha dichiarato Thompson.

Il terzo campione del Coropuna è stato prelevato direttamente sopra il cratere, sulla sommità delle montagne, e misurava 146.3 metri. Questo campione offrirà probabilmente la prima visione dettagliata sulla storia climatica di questa regione, almeno per gli ultimi 2, 000 anni.

"Vi è una possibilità che questi campioni possano contenere ghiaccio dalle ere glaciali" sospetta Thompson "che si daterebbe a più di 10, 000 anni or sono.

"Questi campioni dovrebbero offrire un pezzo critico del puzzle necessario per comprendere la variabilità del clima in questa regione"

Il Coropuna è situato sulla prima catena delle Ande, proprio sopra l´Oceano Pacifico, così che i sedimenti di ghiaccio dovrebbero registrare i mutamenti nei cicli de El Nino e de La Nina, componenti chiave nella variabilità climatica.

Approssimativamente 270 miglia a nord-est del Coropuna giace la calotta di ghiaccio di Quelccaya, un sito che Thompson ed i suoi colleghi hanno visitato almeno 18 volte negli ultimi decenni.

Nel corso di queste spedizioni, hanno prelevato campioni da un nuovo sito sulla volta nord della calotta di ghiaccio. Sperano che i campioni, della misura di 128.6 metri, consentano di elaborare dati annuali sul clima in questa regione, risalenti ad almeno 1, 000 anni. Sulla sommità delle calotte di ghiaccio, il gruppo ha anche prelevato un campione di 168.7 metri dal letto di roccia, che si ritiene offrirà una serie di dati annuali per un periodo di più di 2, 000 anni.

Il campione profondo del cratere del Coropuna racchiudeva altre sorprese. Hanno trovato il corpo di un piccolo insetto, perfettamente preservato e congelato nel ghiaccio, 64 metri al di sotto della superficie, e tre frammenti di piante recuperati a 117 metri nel campione.

"Queste scoperte sono importanti poiché ci permetteranno di datare indipendentemente i sedimenti a questi livelli, mediante l´uso di processi differenti" ha dichiarato Thompson. Sia l´insetto che le piante sono stati probabilmente portati dall´Altopiano alla sommità dai venti di tempesta.

Nel 2002, il team di Thompson ha fatto una scoperta sorprendente lungo i margini della calotta di ghiaccio del Quelccaya: una pianta in perfetto stato di preservazione che doveva essere stata conservata nel ghiaccio. Esami successivi hanno condotto all´individuazione del DNA della pianta, e alla sua datazione a 5, 200 anni or sono.

"Si tratta di una pianta dal corpo soffice" ha spiegato. "Deve essere stata catturata da un´ampia nevicata, in seno ad un mutamento climatico che iniziò molto bruscamente, abbastanza in fretta da catturare le piante ma non ucciderle. Ciò è sorprendete. "Sappiamo che la pianta non può essere stata esposta in nessun periodo nel corso di questi 5, 200 anni di storia, o si sarebbe certo decomposta".

Quest´anno, i ricercatori hanno trovato una seconda pianta vicino all´estremità meridionale del campo di ghiaccio, circa 6 km a sud del luogo dove hanno trovato la prima. Thompson ritiene che questa seconda pianta possa offrire importanti informazioni storiche circa il sito.

Successive datazioni al radiocarbonio della seconda pianta hanno mostrato che essa sia stata sepolta per gli ultimi 2, 200 anni, un periodo entro il quale i dati mostrano un altro brusco mutamento climatico.

La dimensione delle calotte di ghiaccio in questa regione è una chiave vitale nella comprensione dei problemi relativi al mutamento climatico globale. Da quando ha iniziato a monitorare il Quelccaya, Thompson ha dichiarato che la calotta di ghiaccio si è ritirata esponenzialmente.

"Quando abbiamo iniziato le ricerche nel 1963, il Quelccaya si andava ritirando al tasso di 4, 7 metri l´anno. In anni più recenti, il tasso è aumentato fino a 205 metri l´anno: 40 volte più veloce!"

Almeno il 70 per cento di tutti i ghiacci tropicali del pianeta è intrappolato sui campi di ghiaccio e ghiacciai del Perù. Lo scioglimento annuale di queste placche di ghiaccio offre acqua da bere ed irrigazione per milioni di persone, e serve a riempire le riserve che alimentano le dighe idroelettriche.

Thompson ed il suo gruppo di ricerca sono in gara contro il tempo per recuperare sedimenti da queste calotte e preservare migliaia di anni di storia climatica intrappolata al loro interno. In cima alle loro priorità, si trova la soluzione del puzzle di quel che accadde 5, 200 anni or sono.

Sappiamo che il clima era differente, allora. Prima di questo, la proporzione di acqua tiepida che fluiva a largo delle coste del Perù era molto maggiore, e alimentava i fenomeni di El Nino/La Nina che interessano questa parte del globo.

Sappiamo che l´Uomo dei Ghiacci, un cacciatore neolitico preservato, e ritrovato a seguito del ritirarsi di un ghiacciaio sulle Alpi europee, fu intrappolato nel ghiaccio circa 5, 200 anni or sono, e che ciò accadde in modo estremamente brusco.

Le precedenti ricerche del team sui campioni di ghiacci prelevati dai campi di ghiaccio del Monte Kilimanjaro della Tanzania hanno mostrato come una catastrofica siccità devastò i tropici circa 5, 200 anni or sono, un periodo di tempo in cui gli antropologi ritengono che molte persone abbandonarono uno stile di vita nomade per formare città e strutture sociali.

Se è accaduto nel passato, potrebbe accadere ancora, ha ammonito, e questo tipo di evento improvviso nel mondo odierno significherebbe un caos planetario, sia economico che sociale. Oggi, il 70% dei 6.3 milioni di abitanti del mondo vive presso ai tropici.

Questa ricerca è stata supportata in parte dalla the National Science Foundation, dalla Comer Foundation e dalla Ohio State University.

Contatti: Lonnie Thompson Thompson.3@osu.edu

TAG: DNA, Neolitico

Nessun evento in programma

Vai calendario eventi completo >