sei in Home > Archeologia > News > Dettaglio News
2 Marzo 2007 ARCHEOLOGIA
LiveScience
COME I VICHINGHI POTREBBERO AVERE NAVIGATO IN GIORNI NUVOLOSI
tempo di lettura previsto 2 min. circa

I vichinghi attraversavano gli oceani con meridiane a bordo delle loro agili imbarcazioni. Ma in un giorno di nuvole o nebbia, le meridiane sarebbero state inutili. Molti ricercatori hanno suggerito che in quei giorni, i Vichinghi guardassero al cielo attraverso cristalli di roccia, dette "sunstone" (letteralmente pietre del sole) per trovare la direzione.

Nessuno aveva però mai testato questa teoria fino a tempi recenti.

Un team ha attraversato l´Artico a bordo della nave svedese rompighiaccio Oden, e scoperto che le "pietre del sole" possono effettivamente guidare il cammino in condizioni di assenza di sole per nuvole o nebbia,

Cristalli come la cordierite, la calcite o le tormaline operano come filtri di polarizzazione, mutando in luminosità e colore non appena individuato l´angolo dei raggi solari. Da questi mutamenti, i Vichinghi potrebbero avere accuratamente determinato da dove provenissero i raggi di sole polarizzati e determinato quindi la direzione del sole, ha dichiarato il biofisico Gabor Horvath.

"In giorni di nebbia o nuvole, i navigatori Vichinghi potrebbero avere presunto la direzione del sole nel cielo, sebbene nascosto da nuvole o nebbia, determinando la polarizzazione della luce del cielo in due punti celesti... e quindi giungendo a definire la http://www.livescience.com/php/multimedia/imagedisplay/img_display.php?pic=070302_viking_nav_02.jpg&cap=Top+images+show+the+Arctic+sky+on+day+of+%28a%29+fog%2C+%28b%29+sun%2C+and+%28c%29+clouds.+Images+d-f+show+patterns+of+the+degree+of+linear+polarization.+The+faint+gray+line+delineates+between+the+sun+and+the+anti-sun.+The+direction+of+polarization+is+perpendicular+to+the+plane+of+scattering+determined+by+the+sun%2C+the+observer+and+the+celestial+point+observed.+Readings+from+two+different+points+in+the+sky+allow+one+to+draw+circles+passing+through+these+points+perpendicularly+to+the+direction+of+sky+light+polarization%2C+and+the+circles+intersect+at+the+sun+and+anti-sun.+The+angle+of+polarization+can+be+seen+in+images+g-i.+Credit%3A+G.+Horvath%2FProceedings+of+the+Royal+Society+Aposizione del sole, sebbene invisibile" ha spiegato Horvath, dell´Università di Eotvos di Budapest. "Nonostante siano pure ipotesi, i ricercatori possono testare oggi la possibilità scientifica di una simile navigazione polarimetrica."

In studi precedenti Horvath e colleghi avevano dimostrato che i Vichinghi avrebbero avuto necessità di un dispositivo di qualche tipo, oltre alla vista ad occhio nudo, per determinare accuratamente la posizione del sole quando il cielo fosse stato nuvoloso.

Le ultime scoperte, che saranno pubblicate sul numero di Aprile della rivista Proceedings of the Royal Society A, suggeriscono che i "dispositivi" non fossero altro che speciali cristalli.

A differenza però delle meridiane, gli archeologi non hanno ancora trovato traccia di queste "pietre del sole."

La teoria fu inizialmente prospettata nel 1966 dall´archeologo Danese Thorkild Ramskou. Al momento l´unico indizio che i Vichinghi usassero le "pietre del sole" proviene da una citazione in una leggenda vichinga, conosciuta come saga.

"Per quanto non esistano evidenze archeologiche o storiche a sostegno di questa teoria, è bellissimo il modo in cui è capace di catturare la fantasia di scienziati e semplici appassionati" ha dichiarato Horvath. Come (forse) i Vichinghi, anche uccelli e farfalle si ritiene usino la luce polarizzata per orientarsi, insieme ad altri elementi fisici, come il campo magnetico terrestre.


Nessun evento in programma

Vai calendario eventi completo >