sei in Home > Archeologia > News > Dettaglio News
7 Gennaio 2006 ARCHEOLOGIA
New Scientist
COSA RIVELA UN SORRISO VICHINGO
tempo di lettura previsto 1 min. circa

I guerrieri vichinghi potrebbero avere scavato profondi solchi nei denti per indicare la classe o il rango militare.

Caroline Arcini dell´Ufficio per il Patrimonio Nazionale della Svezia, ha analizzato 557 scheletri provenienti dai quattro principali cimiteri svedesi dell´era vichinga, e scoperto che circa il 10% degli uomini, ma nessuna delle donne, portavano segni orizzontali negli incisivi superiori.

I segni, incisi in profondità nello smalto, sono spesso trovati in coppia o in gruppi di tre e sembrano fatti con precisione. Potrebbero avere indicato l´appartenenza di certi uomini a gruppi di guerrieri o mercanti, o aver significato la loro abilità a sopportare il dolore, sostiene la Arcini, che ha pubblicato le sue scoperte nella Rivista Americana di Antropologia Fisica. La maggior parte degli uomini con questi segni è giovane, ma in assenza di alcuna ferita distintiva o di reperti seppelliti con lo scheletro, la ragione precisa per i segni rimane un mistero.

Si tratta del primo caso rilevato di segni sui denti in Europa, ma era una pratica comune nelle Americhe tra l´800 ed il 1050 d.C. Dal momento che gli scheletri si datano più o meno tutti allo stesso periodo, ciò solleva la possibilità che i vichinghi acquisirono la pratica nel corso dei loro viaggi.

La Arcini spera che future scoperte riveleranno dove la pratica si sviluppò e come si diffuse.


Nessun evento in programma

Vai calendario eventi completo >