sei in Home > Archeologia > News > Dettaglio News
26 Maggio 2002 ARCHEOLOGIA
BBC News online
Ossa trovate al sito dell´uccisione dello Zar
FOTOGALLERY
tempo di lettura previsto 2 min. circa

Resti umani sono stati trovati al sito ove l´ultimo Zar di Russia e la sua famiglia furono uccisi nel 1918.

Si ritiene che le ossa due scheletri ed un osso della gamba potrebbe essere quella di Aleksei Zarevich e di Maria Zarevna, due dei figli dello Zar Nicola II, secondo quanto riporta la Tv russa REN.

I loro corpi non erano tra quelli seppelliti nelle fosse comuni, dopo che la famiglia Romanov fu uccisa dai Bolscevichi, a seguito della Rivoluzione Russa dell´anno precedente.

Lo Zar Nicola II, sua moglie Alexandra e tre dei suoi cinque figli, Tatiana, Olga e Anastasia, furono riseppelliti sotto la tomba imperiale nella Cattedrale di San Pietro e Paolo a San Pietroburgo nel 1998, insieme con il loro medico di famiglia e tre dei loro servitori.

Ma i corpi degli altri due figli non sono mai stati trovati.

La scoperta è stata effettuata dagli operai al lavoro a Yekaterinburg, a 20 metri dalla Casa di Ipatyev, il luogo in cui la famiglia dello Zar fu uccisa.

Una chiesa russa ortodossa, la Cattedrale del Salvatore del Sangue, è attualmente costruita sul sito.

Le ossa sono state inviate ad un laboratorio regionale di analisi scientifiche, e i primi esami suggeriscono che i resti appartengono ad una donna ed un bambino.

Questo potrebbe corrispondere al profilo di Zarevna Maria e di Zarevich Aleksei.

L´archeologo Vladislav Svyatov, ha riferito alla REN Tv: "E´ stato trovato il frammento di una gamba, presumibilmente umana. E´ possibile che possa essere collegato al teschio, ma non è stato ancora confermato. Prima che gli scavi siano portati a termine, sarà impossibile dirlo".

Una scoperta simile era stata fatta due anni or sono nel corso degli scavi della casa Ipatyev.

A quel tempo, si era creduto che i corpi sarebbero potuti essere quelli di Zarevich e Zarevna, ma esami successivi hanno mostrato che le ossa erano state seppellite lì prima dell´uccisione della famiglia dello Zar.

"E´ possibile che si tratti di un caso similare. Ma è assodato il fatto che qualcuno sia stato seppellito qui" dice Svyatov.

Gli scienziati hanno riferito che le ossa trovate nella fossa comune sono con alta probabilità quelle dello Zar Nicola II e della sua famiglia, ma le loro identità nono sono ancora state stabilite in modo conclusivo.

Il Patriarca della Chiesa Ortodossa di Russia, Alexei II, contesta l´autenticità del ritrovamento, e rifiuta di officiare alla nuova cerimonia funebre.

TAG: Altro

Nessun evento in programma

Vai calendario eventi completo >