sei in Home > Archeologia > News > Dettaglio News
7 Febbraio 2019 ARCHEOLOGIA
https://www.vitantica.net
Le spade di ferro prima dell'acciaio
FOTOGALLERY
tempo di lettura previsto 3 min. circa

Le prime spade dell'Età del Ferro erano molto differenti da quelle d' acciaio apparse nei secoli successivi e le loro prestazioni erano bene o male identiche a quelle delle armi di bronzo realizzate nello stesso periodo.

Fu solo con l'immissione controllata di carbonio durante il processo di lavorazione del ferro che i fabbri dell'antichità riuscirono ad ottenere l'acciaio, un materiale dalle proprietà meccaniche superiori e ideale per la realizzazione di armi affilate, flessibili e durature.

Le prime spade di ferro

Le prime spade di ferro battuto iniziano a fare la loro apparizione in Europa circa 3.200 anni fa, ma la loro produzione non si diffuse fino all' VIII secolo a.C.. Sebbene esistano esemplari di spade corte di ferro molto più vecchie, si tratta quasi sempre di armi molto pregiate destinate alle élite regnanti e realizzate con ferro meteorico.

Nel Vecchio Continente, la cultura celtica di Hallstatt sembra essere stata la prima ad utilizzare il ferro per la produzione di spade: nell'arco di due secoli (dall' VIII al VI secolo a.C. circa) furono realizzate spade corte di bronzo e di ferro in egual misura, dalla tipica elsa col pomo "ad antenna"; fu solo con la cultura di La Tene (Svizzera) che venne realizzata la prima spada di ferro battuto dall'aspetto moderno.

VitAntica > Armi e armature > Le spade di ferro prima dell'acciaio

Le spade di ferro prima dell'acciaio

Le prime spade dell'Età del Ferro erano molto differenti da quelle d' acciaio apparse nei secoli successivi e le loro prestazioni erano bene o male identiche a quelle delle armi di bronzo realizzate nello stesso periodo.

Fu solo con l'immissione controllata di carbonio durante il processo di lavorazione del ferro che i fabbri dell'antichità riuscirono ad ottenere l'acciaio, un materiale dalle proprietà meccaniche superiori e ideale per la realizzazione di armi affilate, flessibili e durature.

Le prime spade di ferro battuto iniziano a fare la loro apparizione in Europa circa 3.200 anni fa, ma la loro produzione non si diffuse fino all' VIII secolo a.C.. Sebbene esistano esemplari di spade corte di ferro molto più vecchie, si tratta quasi sempre di armi molto pregiate destinate alle élite regnanti e realizzate con ferro meteorico.

Nel Vecchio Continente, la cultura celtica di Hallstatt sembra essere stata la prima ad utilizzare il ferro per la produzione di spade: nell'arco di due secoli (dall' VIII al VI secolo a.C. circa) furono realizzate spade corte di bronzo e di ferro in egual misura, dalla tipica elsa col pomo "ad antenna"; fu solo con la cultura di La Tene (Svizzera) che venne realizzata la prima spada di ferro battuto dall'aspetto moderno.

Prima di arrivare alla produzione di spade, la cultura di Hallstatt si servi inizialmente del ferro per realizzare picconi e scalpelli utili ad estrarre sale dalle miniere di salgemma locali, che nel corso di qualche secolo diventarono il fulcro del commercio del sale nella regione prima di essere sostituite dalle vicine miniere di Hallein.

Evoluzione dell'elsa nelle prime spade di ferro

I fabbri dell'Età del Ferro furono costretti ad effettuare una transizione da bronzo a ferro e all'inizio non fu affatto semplice. Le prime spade di ferro battuto avevano prestazioni essenzialmente identiche a quelle di bronzo: tendevano a piegarsi dopo un certo numero di impatti e perdevano velocemente l'affilatura (a volte più velocemente rispetto alle armi di bronzo).

Ma l'uso del ferro comporta anche vantaggi innegabili: è uno dei metalli più diffusi in natura ed esistono almeno tre minerali dai quali è possibile estrarlo; il bronzo, invece, richiede rame, sufficientemente abbondante nella crosta terrestre, e stagno, un metallo relativamente raro, specialmente in antichità.

TAG: Altro

Nessun evento in programma

Vai calendario eventi completo >