sei in Home > Archeologia > News > Dettaglio News
3 Gennaio 2018 ARCHEOLOGIA
https://www.sciencedaily.com
CONFERMATO: I MANUFATTI IN FERRO NELL'ETA' DEL BRONZO ERANO METEORITI
FOTOGALLERY
tempo di lettura previsto 3 min. circa

Potresti già essere sorpreso di sentire che ci sono oggetti di ferro risalenti all'età del bronzo, ma la loro origine meteoritica è ancora più sorprendente. Anche se i meteoriti erano già stati riconosciuti come una fonte di questo metallo, la comunità scientifica non era in grado di determinare se rappresentassero la maggior parte o semplicemente alcuni artefatti di ferro dell'età del bronzo. Albert Jambon, come parte del suo lavoro presso l'Institut de minéralogie, de physique des matériaux et de cosmochimie (CNRS / UPMC / IRD / Muséum national d'Histoire naturelle), 1 ha dimostrato che il ferro usato durante l'età del bronzo è sempre meteorico e ha spiegato come questa pratica è stata abbandonata durante l'età del ferro. Il suo lavoro è pubblicato nel numero di dicembre 2017 del Journal of Archaeological Science .

L'età del ferro iniziò in Anatolia e nel Caucaso intorno al 1200 aC. Ma circa 2000 anni prima, varie culture stavano già modellando oggetti di ferro. Questi oggetti erano estremamente rari e sempre molto apprezzati. Il minerale di ferro abbonda sulla superficie terrestre. Quindi cosa ha reso questi artefatti così preziosi? La ricerca iniziale aveva mostrato che alcuni erano fatti con il ferro da meteoriti, il che portò gli scienziati a chiedersi quanti altri erano. Albert Jambon ha raccolto i dati disponibili e condotto le proprie analisi chimiche non distruttive dei campioni usando uno spettrometro portatile a fluorescenza a raggi X. La sua collezione di manufatti in ferro comprende perle di Gerzeh (Egitto, -3200 aC); un pugnale di Alaca Höyük (Turchia, -2500 aC); un ciondolo di Umm el-Marra (Siria, -2300 aC); un'ascia di Ugarit (Siria, -1400 aC) e molti altri della civiltà della dinastia Shang (Cina, -1400 aC); e il pugnale, il braccialetto e il poggiatesta di Tutankhamon (Egitto, -1350 AC).

Le sue analisi hanno rivelato che ciascuno di questi manufatti dell'età del bronzo era stato realizzato con ferro meteorico. Quando si formano grandi corpi celesti come il nostro pianeta, quasi tutto il nichel si dirige verso il nucleo di ferro fuso. Pertanto, è estremamente raro trovare nichel sulla superficie. Tuttavia, alcuni meteoriti vengono creati quando i corpi celesti vengono distrutti. Se questi meteoriti sono composti da materiale d'anima, contengono principalmente ferro con alti livelli di nichel e cobalto. Questa caratteristica consente di identificare la fonte di ferro. Anche il ferro meteorico è già in uno stato di metallo, pronto per l'uso, il che spiega perché è entrato in tutti gli artefatti del ferro dell'età del bronzo. Al contrario, i composti di ferro nei minerali terrestri devono prima subire il processo di riduzione, che rimuove l'ossigeno legato per ottenere il metallo desiderato. Questa è la base della fusione nelle fornaci, una svolta che ha segnato l'inizio dell'età del ferro. Con la fusione, le culture dell'età del ferro potevano dimenticare il raro metallo extraterrestre e attingere ai minerali terrestri di ferro, che erano molto più abbondanti e più facili da procurarsi. Le scoperte di Albert Jambon confutano certe teorie che proponevano che le leghe di ferro cariche di nickel fossero ottenute da minerali terrestri.


Nessun evento in programma

Vai calendario eventi completo >