sei in Home > Paleontologia > News > Dettaglio News
30 Dicembre 2017 PALEONTOLOGIA
Natalie Munro https://phys.org
Gli scavi archeologici forniscono indizi su come il banchetto sia diventato un rituale importante
FOTOGALLERY
tempo di lettura previsto 5 min. circa

In questo periodo festivo milioni di famiglie si riuniranno per celebrare le loro rispettive feste e impegnarsi in una miriade di rituali. Questi possono includere lo scambio di doni, il canto di canzoni, il ringraziamento e, soprattutto, la preparazione e il consumo della festa delle vacanze.

Le prove archeologiche mostrano che tali pasti condivisi in comune sono stati a lungo componenti vitali dei rituali umani. La mia collega Leore Grosman e io scoprimmo le prime prove di una festa rituale in un sito archeologico di 12.000 anni nel nord di Israele e imparammo come le feste diventavano parte integrante della pratica rituale moderna .

Innanzitutto, quali sono i rituali?

I rituali comportano azioni significative, spesso ripetute. Nelle pratiche odierne sono espressi attraverso riti come l'incappucciamento di uno studente di dottorato, i compleanni, i matrimoni o anche la sorsata di vino alla Santa Comunione o l'accensione delle candele di Hanukkah.

La pratica rituale può essere emersa insieme ad altri primi comportamenti umani moderni più di 100.000 anni fa. Tuttavia, dimostrarlo con prove materiali è una sfida. Ad esempio, i ricercatori hanno scoperto che sia i Neanderthal sia i primi umani moderni seppellivano i loro morti, ma gli studiosi non erano certi se ciò fosse dovuto a ragioni spirituali o simboliche e non a qualcosa di più banale come mantenere l'igiene del sito. Allo stesso modo, la scoperta di manufatti simbolici vecchi di 100.000 anni come ornamenti di conchiglie forate e pezzi decorati di ocra rossa nelle caverne in Sud Africa, non era sufficiente a dimostrare che facevano parte di qualsiasi attività rituale.

Fu solo quando gli archeologi trovarono questi artefatti, collocati in tombe risalenti a 40.000-20.000 anni, che fu confermato che facevano parte della pratica rituale.

Le prime feste

Abbiamo avuto un'esperienza simile durante la nostra ricerca. Quando Leore Grosman e io ci imbarcammo per la prima volta negli scavi di Hilazon Tachtit alla fine degli anni '90, speravamo solo di documentare le attività degli ultimi cacciatori-raccoglitori in Israele, in quello che sembrava essere un piccolo campeggio. Fu solo durante diverse stagioni di scavi che divenne chiaro a noi che questo non era un luogo dove la gente aveva vissuto. Piuttosto era un sito per rituali.

Nessuna casa, caminetto o angolo cottura sono stati recuperati. Invece la caverna ha prodotto i resti scheletrici di almeno 28 individui sepolti in tre fosse e due piccole strutture.

Una di queste strutture conteneva lo scheletro completo di una donna anziana, che interpretavamo come uno sciamano basato sul suo speciale trattamento alla morte. La sua tomba si stagliò a causa della sua struttura fine - le pareti erano intonacate con argilla e inserite con lastre di pietra piatte. Ancora più notevole era la schiera eclettica di parti del corpo animale sepolte accanto a lei. Il bacino di un leopardo, la punta dell'ala di un'aquila, i teschi di due martore e molte altre parti del corpo insolite circondavano il suo scheletro.

I resti macellati di oltre 90 tartarughe sepolte nella tomba e gli avanzi di almeno tre bovini selvatici depositati in una seconda depressione adiacente scavata nel pavimento della caverna rappresentano i resti di una festa funebre.

L'eccezionale conservazione della tomba ci ha permesso di rilevare più fasi di una rappresentazione rituale che includeva il consumo della festa, la sepoltura della donna e il riempimento della tomba in varie fasi, compresa la deposizione intenzionale della spazzatura dalla festa.

Festa all'inizio dell'agricoltura

Gli archeologi hanno trovato altri siti che mostrano prove di banchetto rituale. Molti di questi risalgono al periodo in cui gli umani stavano iniziando a coltivare.

Uno dei più sorprendenti è il sito di Göbekli Tepe nella Turchia sud-orientale, risalente poco dopo Hilazon Tachtit. Comprende numerose grandi strutture adornate con panchine e una gigantesca lastra di pietra scolpita con raffinate rappresentazioni di animali in rilievo risalenti a 11-12.000 anni fa . Forse, questi erano edifici comunali molto precoci. Gli archeologi che hanno scavato Göbekli Tepe sostengono che enormi quantità di ossa di animali associate alle strutture rappresentano i resti delle feste.

Dodicimila anni fa gli umani erano ancora cacciatori-raccoglitori, che si nutrivano interamente di cibi selvatici. Tuttavia, queste persone differivano da quelle che erano andate prima: erano seduti sull'orlo della transizione verso l'agricoltura, una delle più significative trasformazioni economiche, sociali e ideologiche della storia umana.

Lame di falce e pietre per macinare utilizzate per la raccolta e la lavorazione di cereali sono reperibili presso Hilazon Tachtit e altri siti archeologici contemporanei. Questi risultati indicano che queste feste rituali sono iniziate nello stesso periodo in cui le persone hanno adottato l'agricoltura. Quando la gente cominciò a fare più affidamento sui cereali selvatici come il grano e l'orzo, diventarono sempre più legati a paesaggi sempre più affollati e cominciarono a stabilirsi in comunità più permanenti . In altre parole, il banchetto divenne parte della loro vita, una volta che si allontanarono dalla vita nomade.

Rituali che si legano

Queste feste hanno avuto un ruolo importante da svolgere. Adattarsi alla vita del villaggio dopo centinaia di millenni in movimento non è stato un atto semplice. La ricerca sulle moderne società di cacciatori-raccoglitori mostra che un contatto più stretto tra i vicini ha drammaticamente aumentato le tensioni sociali. Nuove soluzioni per evitare e riparare i conflitti erano fondamentali.

L'apparizione simultanea di banchine, strutture comuni e siti rituali specializzati suggerisce che gli umani stessero cercando di risolvere questo problema impegnando la comunità nella pratica rituale.

Una delle funzioni centrali del rituale in queste comunità era di fornire una sorta di colla sociale che legava i membri della comunità promuovendo la coesione sociale e la solidarietà. Le feste generano lealtà e impegno per il successo della comunità. Condividere il cibo è intimo e crea fiducia .

I rituali comuni avrebbero fornito un senso di identità condiviso in un momento in cui i circoli sociali stavano aumentando in scala e permanenza. Hanno rafforzato nuove ideologie emerse da una drammatica riorganizzazione della vita economica e sociale.

Il ruolo delle feste oggi

Il banchetto svolge lo stesso ruolo essenziale oggi. Come le prime feste, le nostre festività natalizie sono piene di azioni che si ripetono anno dopo anno.

La festa delle vacanze oggi costruisce tradizioni familiari. Cucinando e condividendo il cibo insieme, raccontando storie di vacanze passate e scambiando saggezza intergenerazionale, i rituali di vacanza legano famiglie estese e danno loro un'identità condivisa.


Nessun evento in programma

Vai calendario eventi completo >