sei in Home > Archeologia > News > Dettaglio News
11 Aprile 2014 ARCHEOLOGIA
Liutprand.it
SCOPERTA UNA CITTA' COSTRUITA 2000 ANNI FA SU UNA BARRIERA CORALLINA
FOTOGALLERY
tempo di lettura previsto 3 min. circa

La città megalitica di Nan Madol si trova sulla costa orientale dell'isola di Pohnpei in Micronesia. Essa fu un centro rituale e cerimoniale per i capi dirigenti della dinastia Saudeleur . Tuttavia, questa meraviglia architettonica non è ancora nota, anche anche se le sue rovine millenarie sono una testimonianza di antiche realizzazioni di ingegneria. Città di pietra

Gli scavi presso il sito mostrano che ci può essere stata occupazione sulla barriera corallina già nel 200 a.C.

Utilizzando la datazione col C14, la costruzione dei principali edifici megalitici risulta iniziata intorno al 1200 d.C. L'intera città monumentale è costituita da circa 100 piccole isole artificiali delimitate da canali di marea.

Il nome Nan Madol significa "spazi tra" e si riferisce ai canali che attraversano le rovine. Tuttavia, il suo nome tradizionale era Soun Nan-leng (Scogliera del Paradiso), secondo quanto scrive Gene Ashby nel suo libro Pohnpei, An Island Argosy.

La città si trova su una barriera corallina e i vari recinti e complessi sono stati costruiti prevalentemente con basalto colonnare, una roccia vulcanica che si forma in enormi blocchi a forma cilindrica allungata. La forma dei blocchi li rende un materiale da costruzione ideale che può essere impilato orizzontalmente, come se si trattasse di pali o tronchi, per formare muri alti sino a 15 metri e spessi sino a 5 metri.Il peso medio di ogni pietra è di 5 tonnellate, con alcune del peso massimo di 25 tonnellate, ed è stato stimato che il peso totale dei blocchi di basalto colonnare che compongono le costruzioni della città raggiunga le 750.000 tonnellate [1].

Sono stati identificati i probabili siti di cava intorno all'isola, ma l'origine esatta delle pietre utilizzate nella costruzione di Nan Madol è ancora da determinare. Non esistono cave nelle immediate vicinanze e quindi le pietre sono state trasportate sino alla loro posizione attuale. Si pensa che esse possano essere state portate galleggiato su zattere, poiché si trova una scia di pietre sul fondo del mare.

Un solo capo

L'ordine era mantenuto da un solo uomo, il Saudeleur, e la terra, i suoi prodotti, e i suoi abitanti erano di proprietà del sovrano, che affittava i terreni alle classi dei proprietari. Questi soprintendevano alla gente comune ed erano tenuti a rendere al sovrano frequenti omaggi di frutta e pesce.

La dinastia Saudeleur è ricordata dalla popolazione locale come profondamente religiosa, ma tirannica e crudele, e i resti dei loro templi e le piattaforme mortuarie sono spesso visti con paura e superstizione dai moderni Pohnpeiani.

Il centro d'élite era un luogo di residenza per la nobiltà e comprendeva anche aree per la preparazione dei cibi e la costruzione di canoe, nonché le attività mortuarie presiedute dai sacerdoti Saudeleur. La popolazione quasi certamente non ha mai superato i 1000 abitanti, molti dei quali erano popolani che servivano i governanti e capi provenienti da altri distretti, che erano tenuti presso la città, al fine di controllare meglio la loro gente.

Difficoltà logistiche

Il sito presenta difficoltà logistiche in quanto non c'è acqua dolce e nessun terrano capace di ospitare colture, ma i Saudelaur non avevano problema con questo perché gli abitanti dell'isola portavano loro tutto ciò di cui avevano bisogno. Quando furono finalmente rovesciati nel 1628, e cominciò il periodo dei Nahnmwarki, i nuovi governanti dapprima risiedevano a Nan Madol, ma, poiché non potevano dipendere da nessuno che li rifornisse regolarmente di cibo e acqua, alla fine ritornarono ai propri quartieri, abbandonando Nan Madol per sempre.

TAG: Altro

Nessun evento in programma

Vai calendario eventi completo >