sei in Home > Archeologia > News > Dettaglio News
11 Aprile 2014 ARCHEOLOGIA
di Owen Jarus, Collaboratore di LiveScience Liutprand.it
TUTANKHAMON FU MUMMIFICATO COL PENE ERETTO
FOTOGALLERY
tempo di lettura previsto 5 min. circa

Tutankhamon fu imbalsamato in un modo insolito, e il suo pene fu mummificato, in erezione, con un angolo di 90 gradi, nel tentativo di combattere una rivoluzione religiosa scatenata da suo padre, secondo quanto un nuovo studio suggerisce.

Il faraone fu sepolto nella Valle dei Re senza il cuore (o di un artefatto in sua sostituzione, conosciuto come "scarabeo del cuore"), il suo pene è stato mummificato in erezione, e la sua mamma e le bare erano coperte da uno spesso strato di liquido nero, che le facevano sembrare bruciate nel fuoco.

Queste anomalie hanno ricevuto l'attenzione sia degli eruditi sia dei media negli ultimi anni, e ora, in un nuovo articolo sulla rivista Études et Travaux, l'egittologa Salima Ikram, professoressa presso l'Università americana del Cairo, propone una propria interpretazione per spiegare le anomalie della sepoltura di Tutankhamon.

Il pene eretto mummificato e altre anomalie di sepoltura non sono stati incidenti durante l'imbalsamazione, Ikram suggerisce, ma piuttosto tentativi deliberati per far apparire il re come Osiride, il dio degli inferi, nel modo più letterale possibile. Il pene eretto evoca i poteri rigenerativi di Osiride, il liquido nero ha reso il colore della pelle di Tutankhamon simile a quella di Osiride, e il cuore perduto ricorda la storia del dio tagliato a pezzi dal fratello Seth e del suo cuore sepolto.

Far apparire il re come Osiride può aver contribuito ad annullare la rivoluzione religiosa avviata da Akhenaton, faraone generalmente ritenuto essere il padre di Tutankhamon, Ikram ha detto.

Akhenaton aveva cercato di fissare tutta la religione egizia intorno al culto di Aton, il disco solare, arrivando a distruggere le immagini degli altri dèi. Tutankhamon stava cercando di annullare le modifiche e far tornare l'Egitto alla sua religione tradizionale con il suo mix di dei.

Ikram avverte che la sua idea è speculativa, ma, se corretta, potrebbe aiutare a spiegare alcuni dei misteri che circondano la mummificazione e la sepoltura di Tutankhamon.

Il pene eretto di Tutankhamon

Il pene mummificato di Tutankhamon finalmente si staccò dal suo corpo dopo che la mummia fu scoperta, tanto da provocare la speculazioni dei media che fosse stato rubato.

Ikram deve ancora incontrare un'altra mummia egizia sepolta con un'erezione. "Per quanto ne so, nessun'altra mummia è stata trovata finora con un pene eretto", ha detto a LiveScience in una e-mail.

L'immaginario del pene eretto del re Tutankhamon propone una connessione al dio Osiride, Ikram ha detto. "Il pene eretto evoca Osiride nel suo momento di maggior potenza rigenerativa, ed è una caratteristica delle 'mummie di cereali', i simboli per eccellenza della rinascita e resurrezione, scrive nel suo documento. Le 'mummie di cereali' erano mummie artificiali non umane, create in periodi successivi in onore di Osiride. Erano fatte di una miscela di materiali, tra cui grano.

Tut sul fuoco

Le prove rivelate in un recente documentario suggeriscono che la mummia di Tutankhamon sia letteralmente andata in fiamme, qualcosa causato apparentemente dalla grande quantità di oli e resine nere applicata al suo corpo.

Gli imbalsamatori hanno applicato sul corpo di Tutankhamon di questo materiale che annerisce una quantità anormalmente grande per il periodo di tempo in cui visse, e anche alle bare del faraone. Nel mese di ottobre 1925, Howard Carter, l'archeologo che guidava il team che ha scoperto la tomba nel 1922, ha scritto: "la maggior parte dei dettagli è nascosto da un rivestimento lucido nero a causa del versamento sopra la bara una libagione di grande quantità".

L'utilizzo di grandi quantità di questo liquido nero, tanto che la pelle del Re Tut diventò di un colore nerastro, potrebbe essere stato un deliberato tentativo di rappresentare il faraone, più letteralmente possibile, come Osiride.

"La massa di oli e resine applicati al corpo di Tutankhamon potrebbe anche alludere al colore nero associato a Osiride come signore della terra d'Egitto, scura per il ricco suolo portato dalle inondazioni, la fonte di fertilità e rigenerazione", Ikram scrive.

Un cuore mancante

Un'altra anomalia misteriosa è l'assenza del cuore del faraone e la mancanza anche di uno scarabeo per servire come un sostituto del cuore. "Questo organo era un elemento chiave per il successo resurrezione del corpo", ha scritto Ikram, rilevando che nella mitologia egizia il cuore doveva essere pesato contro la piuma che rappresenta il dio Maat per determinare se il defunto fosse degno di resurrezione.

L'assenza del cuore o cuore-scarabeo in Tutankhamon non sembra essere il risultato di un furto, ha notato, ma, invece, potrebbe essere un'allusione a una famosa storia nella leggenda di Osiride, quando il suo corpo è stato tagliato a pezzi dal fratello Seth e il Il cuore del Dio è stato sepolto.

Un taglio tipicamente usato per rimuovere gli organi interni di una mummia era insolitamente "brutale" e grande sul Re Tut, Ikram ha osservato, un'altra allusione, forse, all'opera di macelleria praticata da Seth su Osiride.

Altri elementi di prova indicano ancora Osiride. Ad esempio, la parete nord della camera funeraria mostra il Re Tut come Osiride, attraverso la sua decorazione.

"Tutankhamon è mostrato come un vero e proprio Osiride - non semplicemente una mummia avvolta", ha osservato Ikram. "Questa rappresentazione del re come Osiride è unica nella Valle dei Re : Altre tombe mostrano il re abbracciato da Osiride, o mentre si offre a lui"...

Il cerchio si chiude

In un certo senso, l'idea di Ikram, se è corretta (Ikram è attenta a notare che la sua idea è speculativa), porta a chiudere il cerchio nella ricerca sulla mummia di Tutankhamon. Fu Carter che notò per primo che il faraone veniva raffigurato come Osiride.

"Forse l'enfasi di Carter nei suoi appunti durante la liberazione e l'esame della mummia è più corretta di quanto lui stesso pensasse: il re è stato effettivamente mostrato come Osiride, più di quanto fosse solito nelle sepolture reali, "Ikram scrive nel suo documento.

Tutankhamon, e / o coloro che lo hanno imbalsamato, potrebbero essere stati spinti a farlo in reazione al fallito tentativo di rivoluzione religiosa attuato da suo padre.

"Si può ipotizzare che, in quel momento storico / religioso delicato, si pensasse che le consuete modalità per la trasformazione del re non erano sufficienti, e così i sacerdoti imbalsamatori prepararono il corpo in modo tale da enfatizzare letteralmente divinità del re e la sua identificazione con Osiride ", scrive Ikram.


Nessun evento in programma

Vai calendario eventi completo >