sei in Home > Storia > News > Dettaglio News
23 Febbraio 2014 STORIA
ilfattostorico.com
SCOPERTE DUE POESIE DI SAFFO
FOTOGALLERY
tempo di lettura previsto 2 min. circa

Ad oggi, solo poche poesie della poetessa greca Saffo sono sopravvissute. Nonostante la sua fama infatti, dei suoi nove volumi solo uno è sopravvissuto completo, mentre di altri quattro ne rimangono solo frammenti.

Ora però un antico papiro consegnato a un esperto dell'Università di Oxford ha portato alla luce due poesie di Saffo precedentemente sconosciute. "Provengono chiaramente dal primo libro di Saffo", spiega Dirk Obbink, papirologo di fama mondiale a cui il proprietario, rimasto anonimo, avrebbe consegnato il papiro. "Il nuovo papiro di Saffo è quello meglio conservato, con solo alcune lettere da essere restaurate nella prima poesia, e non una singola parola che sia dubbia. Il suo contenuto è lo stesso emozionante", dice il professore.

Questo ritrovamento rinforza la speranza di poter recuperare testi antichi ritenuti perduti. Un altro frammento con una poesia di Saffo era stato recuperato nel 2004, anch'esso da un papiro.

Le due poesie condividono un metro comune, la cosiddetta strofa saffica, un tipo di strofa forse inventata da Saffo e che ancora oggi porta il suo nome. La loro scoperta delinea più chiaramente la struttura di quel libro: "Tutte le poesie del primo libro di Saffo sembrano riguardare la famiglia, la biografia e il culto, insieme alle poesie di amore/Afrodite", scrive Obbink.

Saffo, nata sull'isola di Lesbo tra il 630 e il 612 a.C., scriveva in dialetto eolico, che è molto diverso dall'attico che diventò poi lo standard. La scrittura sul papiro ha permesso a Obbink di datarlo al tardo II o III secolo d.C., quasi un millennio dopo.

Una delle poesie descrive due uomini - Carasso e Larico - che alcuni studiosi ritengono i nomi dei fratelli di Saffo. La poesia esprime la preoccupazione per la sicurezza di Carasso durante la sua ultima navigazione. L'altro frammento è una sorta di ode ad Afrodite, la divinità greca dell'amore.

Di seguito la traduzione delle due poesie. Come succede spesso, l'effetto poetico viene perso quando tradotto in un'altra lingua. Le seguenti sono state tradotte in italiano sulla base di tre versioni in inglese (The Guardian, Slate, The Telegraph).

Poesia I

Ma tu farfugli sempre che Carasso sta arrivando

con una barca piena. Queste cose, suppongo, Zeus le conosce,

e anche tutti gli altri dèi - ma tu

non devi pensare a queste cose.

Semplicemente mandami e istruiscimi

come offrire le nostre preghiere alla regina Era;

e supplica che Carasso arrivi qui, con

la sua nave intatta,

ci trovi sani e salvi. Per il resto,

affidiamoci alle stelle,

e che appaiano all'improvviso dei venti giusti

dopo le burrasche.

Quelli il cui fato il re dell'Olimpo

vuole trasformare da problemi in qualcosa di migliore

Sono molto benedetti

e fortunati senza paragoni.

Per quanto riguarda noi, se Larico alzasse mai la sua testa

e diventasse un uomo,

allora dalla sua grande afflizione

saremmo presto liberati.

Poesia II (Frammento)

Come potrebbe qualcuno non abbuffarsi sempre

dea cipriana, chiunque tu ami

e appassionatamente vuoi richiamare a te?

Tu hai...

Avendo convocatomi svogliatamente tu tagli

desiderando...

TAG: Altro

Nessun evento in programma

Vai calendario eventi completo >