sei in Home > Archeologia > News > Dettaglio News
25 Agosto 2013 ARCHEOLOGIA
Liutprand.it
GLI ARCHEOLOGI DEVONO RIVEDONO L'IMMAGINE DEGLI ANTICHI CELTI
FOTOGALLERY
tempo di lettura previsto 4 min. circa

Quella dei Celti è stata a lungo considerata una società barbarica e violenta. Ma nuove scoperte da una tomba di 2600 anni fa, scoperta in Germania, suggeriscono che l'antico popolo fosse molto più sofisticato di quanto si pensasse.

Il Bettelbühl, un piccolo affluente del Danubio, era completamente sconosciuto, tranne che per i residenti locali. Ma tutto è cambiato nell'estate del 2010 quando una spettacolare scoperta è stata fatta proprio accanto al torrente.

Non lontano da Heuneburg, il sito di un insediamento celtico, i ricercatori sono incappati nell'elaborata tomba di una principessa celtica. Oltre all'oro e ambra, hanno trovato una camera sepolcrale sotterranea dotata di travi in legno massicce. Era una sensazionale scoperta archeologica perché, dopo 2600 anni, la camera era completamente intatta.

La costruzione in legno è stata conservata dal flusso costante d'acqua del torrente Bettelbühl.

"In terreno asciutto, il legno non avrebbe avuto la possibilità di resistere per tanti secoli", ha detto Nicole Ebinger-Rist, direttrice del progetto di ricerca e del ritrovamento.

Una vita di lusso?

Poiché gli anelli del legno permettono di datare gli altri elementi nella camera di sepoltura, i ricercatori ora sperano di ottenere una nuova comprensione della storia e della cultura celtica.

Il risultato potrebbe cambiare la nostra visione dei Celti. Gli scrittori romani descrissero in particolare il popolo eterogeneo come barbaro, eccellente soltanto in guerra e violenza. Ma questa è una visione distorta, secondo Dirk L. Krausse dell'ufficio dello stato di Baden-Wurttemberg per la salvaguardia del patrimonio storico.

"C'è anche un po' di propaganda in tale atteggiamento, dal momento che i Celti conquistarono Roma nell'anno 387 a.C., così non avrebbero potuto essere così primitivi", ha spiegato Krausse. I reperti nello Heuneburg vicino Hundersingen indicano anche che i Celti che vivevano nella regione del Danubio superiore erano più avanzati di quanto si pensasse.

Lo Heuneburg era un centro culturale dei Celti nella Germania sud-occidentale. Nel suo periodo di massimo splendore, le gigantesche mura di sicurezza della zona proteggevano una città di oltre 10.000 persone. I ricchi membri della società conducevano una vita di lusso: gioielli Etruschi in oro, vino greco e stoviglie spagnole, erano tutti scambiati qui. La tomba della principessa celtica supporta l'ipotesi che il suo popolo fosse interessato alla cultura e alla comodità.

Orecchini di perle elaborati, chiusura d'oro, una collana di ambra e una cintura di bronzo sono solo alcuni dei reperti dalla tomba che confonde gli archeologi.

"Troviamo qui tutti i giorni oggetti nuovi, che noi non possiamo classificare in questo momento", ha detto Krausse.

Il paradiso degli archeologi

La camera sepolcrale è non solo ben conservata - ma anche completa. Nella maggior parte dei casi, gli archeologi si trovano a scavare tombe che furono depredate da anni ladri fa. Ma qui, pile di sepoltura di oggetti in oro, ambra, e fusioni in bronzo sono state scoperte a fianco degli scheletri della principessa e di un bambino non identificato.

Fu subito chiaro, tuttavia, che sarebbe stata una sfida enorme recuperare i tesori. Così gli specialisti sono stati chiamati a mettere un telaio in acciaio intorno alla camera sepolcrale per sollevarla fuori dalla ghiaia e su un camion pesante. Il tutto è stato poi trasportato in un laboratorio vicino a Stoccarda, dove i ritrovamenti vengono ora esaminati in dettaglio scrupolosamente.Archeologi, restauratori, esperti di scavo, antropologi e botanici stanno indagando la camera sepolcrale di 3, 6 per 4, 6 metri, ha detto Nicole Ebinger-Rist. "I colleghi qui si sdraiano sulle loro pance e guardano in profondità, sospesi sopra i risultati, " ha spiegato.

Chi era lei?

Ogni singolo centimetro del ritrovamento è esaminato con pennelli, pinzette e raschietti. "Questo spazio, che era stato arredato con un sacco di oggetti diversi, si è ridotto a pochi millimetri a causa della pressione della terra", ha detto Ebinger-Rist. Laser e scanner permettono ai ricercatori di ricreare un'immagine 3D computerizzata di come la camera funeraria doveva apparire originariamente.

Oltre ai gioielli d'oro e d'ambra, i ricercatori sono anche particolarmente interessati alle piante e agli animali rimasti conservati nella camera. "Il materiale organico è in realtà altrettanto importante quanto gli artefatti perché ci dà informazioni sui loro rituali di sepoltura", ha aggiunto Ebinger-Rist.

Quando lo scavo della tomba sarà completato questa primavera, il team di sei persone comincerà due anni di ricerche dettagliate. Per Ebinger-Rist, la priorità è quella di scoprire l'identità della principessa sepolta. "Noi la chiamiamo principessa, ma in realtà sappiamo molto poco circa l'organizzazione sociale del tempo perché non abbiamo fonti scritte".

Grande mistero della storia

Tramite le ricerche si spera di saperne di più sulle guerre di dominazione dei Celti - uno dei più grandi misteri della storia dell'Europa centrale. Gli esperti ancora non sanno perché i Celti avanzavano rapidamente dal sesto secolo a.C. fino alla nascita di Cristo e poi improvvisamente scomparvero dalla scena.

Quel mistero dovrebbe essere risolto, quindi il piccolo torrente Bettelbühl nella Germania sud-occidentale passerà alla storia. Senza il suo flusso costante, la camera di sepoltura della principessa probabilmente non sarebbe sopravvissuta nel suo sonno per 2600 anni.


Nessun evento in programma

Vai calendario eventi completo >