sei in Home > Paleontologia > News > Dettaglio News
23 Maggio 2013 PALEONTOLOGIA
Becky Wragg Sykes The Guardian
CHI HA INVENTATO I VESTITI ?
FOTOGALLERY
tempo di lettura previsto 5 min. circa

"Chi ha inventato i vestiti?" E 'una di quelle domande brillanti che i bambini chiedono, prima di imparare che le cose che chiediamo ai "grandi" raramente hanno risposte semplici. E 'il genere di cosa che agli archeologi come me vengono chieste quando si chiacchiera con i bambini, e ci piacerebbe avere un modo per rispondere.

Eppure c'è un bel po' di cose che sappiamo circa l'invenzione dell' abbigliamento. Molte ricostruzioni televisive e illustrazioni per libri del periodo paleolitico ci mostrano persone vestiti di pelli che non rendono giustizia alla realtà. La gente di quel periodo stava già facendo aghi in osso finemente lavorati già prima di 20.000 anni fa, probabilmente per il ricamo, per quanto cucire pelli di animali, come le migliaia di perline avorio e denti di volpe che coprivano i corpi di una ragazza e un ragazzo sepolto a Sunghir, Russia, circa 28 mila anni fa.

E - a parte gli stereotipi cavernicolo - vestiti età della pietra non erano solo pelli di animali. Gia' dal 1990 si sa che le persone di allora erano in grado di produrre tessuti con la tecnica della tessitura. Questo particolare lo troviamo inciso su terracotte provenienti dai siti di Pavlov e Dolni Vestonice nella Repubblica ceca. Noi in realtà non sappiamo per certo che questi sono stati utilizzati per i vestiti, ma i materiali non erano pesanti, e la varietà di stili di tessitura suggerisce una lunga tradizione. A Dzudzuana Cave in Georgia, so state rinvenute 30.000 vecchie fibre vegetali filate che era state successivamente tinte nei colori: rosa, blu nero e turchese!

Ma per quanto riguarda le cose più vecchie (perché 30.000 anni fa non è veramente vecchio nell'evoluzione umana)? Ma chi furono i primi "modaioli"? La gente sta ancora discutendo se e che cosa, i nostri parenti stretti, i Neanderthal, indossavano.

I Neanderthal han vissuto in Europa per molto più tempo di quanto la nostra stessa specie abbia vissuto sino ad adesso, e per alcuni di quel tempo, era davvero un mondo di ghiaccio sabbiato. Ricerca su come i mammiferi - compreso l'uomo - mantengono la loro temperatura corporea a livelli sani suggerisce che anche durante le parti più calde dell'ultima era glaciale, avrebbero avuto bisogno di rivestimenti del corpo decenti. Skins gettati sulle spalle - paleo-pashmine? - Non si può dire con certezza.

Un altro studio ha osservato che di giorno i moderni cacciatori-raccoglitori indossavano dei vestiti che dipendevano dal clima locale, e ha costruito un modello per predire quello che i Neanderthal avrebbero avuto bisogno di indossare per stare al caldo. I Neanderthal sono stati molto bravi nell' affrontare il freddo ed i risultati hanno indicato che hanno avuto bisogno di coprire almeno l' 80% del loro corpo durante i periodi freddi, soprattutto mani e piedi.

Abbastanza sorprendentemente, ci sono prove fisiche che i Neanderthal più di 100.000 anni fa erano esperti nella concia di pelli di animali - uno strumento di pietra dal sito di Neumark-Nord in Germania ha conservato frammenti di materiale organico attaccato ad esso che sono stati impregnati di tannino, la sostanza tratta dalla corteccia di rovere che è ancora oggi usata per fare il cuoio. La pietra probabilmente faceva parte del manico di uno strumento che è stato bagnato mentre le pelli venivano lavorate.

Anche se mancavano aghi sottili ( che son stati trovato molto più tardi ), gli uomini di Neanderthal non avevano bisogno di questi per cucire le loro pelli. La loro grande capacità di modellare gli strumenti in pietra e legno sono stati sufficienti per produrre un oggetto penetrante forte per i loro scopi.

Più indietro nel tempo le cose si fanno più sfocate, ma anche molto interessanti. Dobbiamo a questo punto della nostra ricerca rivolgerci ai "pidocchi". I Pidocchi del corpo dell'uomo si sono adattati nei secoli a vivere nei vestiti, e così devono essersi evoluti una volta l'uomo ha iniziato a indossarli.Ricerche compiute utilizzando la tecnica del DNA suggerisce che questo è accaduto almeno 170 mila anni fa e così la gente deve aver indossato i vestiti, anche prima della più antica evidenza archeologica.

Ed ecco la cosa interessante: quando torniamo a quegli anni, centinaia di migliaia di anni fa, stiamo parlando di più tipi di esseri umani. Anche 40.000 anni fa, c'erano ancora tre "specie" che conosciamo: i primi membri della nostra stirpe, l'uomo di Neanderthal e le misteriose Denisova, una specie rappresentata da pochi resti frammentari di tre individui da una caverna in Siberia. Dato che l'analisi molto recenti (e in corso) genetiche stanno mostrando che vi è stata un'evoluzione genetica dei pidocchi fra tutti e tre i gruppi, molto probabilmente in tempi e luoghi diversi. E quindi molto probabile che i pidocchi si sono spostati saltato da un gruppo a un altro, anche se non erano tutti vestiti con gli stessi vestiti e nello stesso tempo.

Ma le certezza che vi erano tendenze a vestire alla "moda" ci viene anche dallo studio dei gioielli, i primi esempi che ci son pervenuti (sinora) ci riportano a circa 75.000 anni fa, e forse fino a 100.000 anni fa. In un sito in Sud Africa, abbiamo anche la prima prova di stile così come la conosciamo oggi, con un cambiamento nel modo con cui perle tratte dalle conchiglie sono state messe insieme nel corso del tempo. Perle non sono vestiti in senso stretto, ma sono una sorta di moda, quindi anche se non possiamo essere sicuri esattamente chi portava i primi vestiti o quando, è chiaro che per capire la storia dell' ornamento umano occorre tornare indietro "molto, molto, molto tempo fa".


Nessun evento in programma

Vai calendario eventi completo >