sei in Home > Archeologia > News > Dettaglio News
28 Aprile 2013 ARCHEOLOGIA
http://news.nationalgeographic.com
FORSE LA STORIA SUI MAYA VA RISCRITTA
FOTOGALLERY
tempo di lettura previsto 4 min. circa

La cultura Maya iniziò in modo diverso di quanto si pensasse.

Della civiltà Maya conosciamo l'ascesa e la caduta, spesso in modo drammatico. Le loro origini, però, sono più sottili e tendono ad essere trascurate o poco conosciute.

Nel caso dei Maya, una nuovo studio pubblicato dalla rivista Scienze getta una luce sorprendente su quel primo periodo torbido.

Il periodo classico della pianura Maya nella Mesoamerica (300-950 dC) è un argomento popolare in archeologia, ma poco si sa circa l'epoca preclassica precoce (prima del 1000 aC). Gli scienziati sono generalmente divisi tra due teorie al riguardo: o i Maya si sono sviluppati direttamente da una vecchia "cultura madre", nota come gli "Olmechi", oppure sono scaturiti indipendentemente.

Takeshi Inomata, professore di antropologia presso l'Università dell'Arizona e un National Geographic ricercatore, non è d'accordo con entrambe le teorie. Nel suo lavoro presso il sito archeologico di Ceibal in Guatemala, ha portato alla luce le prove per una storia delle origini più complessa.

I primi spazi rituali

I Maya sono di solito associati con l'architettura monumentale. Piramidi enormi e immense piazze testimoniano di una cultura complessa e affascinante. Difficilmente si può sentire la parola "Maya", senza immaginare a re e sacerdoti riccamente decorati rampicanti sulle lunghe e ripide scale di piramidi come quelle di Tikal .

Ma le piramidi non sono scaturire dalla giungla durante la notte, né una cultura così complessa ha potuto apparire senza un'origine altrettanto complessa. Inomata e il suo team hanno scavato sotto l'architettura monumentale a Ceibal per vedere come tali strutture hanno cominciato.

Inomata presume che l'architettura classica ormai iconica probabilmente sorgeva su siti precedenti utilizzati per scopi simili. La sua ipotesi si è rivelata corretta. Ha trovato le piattaforme più piccole costruite di terra sotto le piramidi di pietra, segnalando un complesso rituale formale a Ceibal risalente a circa il 1000 aC

La presenza di architettura rituale nello sviluppo iniziale dei Maya è indice di uno stile di vita costante con l'agricoltura, la religione, e di una società stratificata, tutti elementi che si sommano a una cultura unitaria e l'inizio di una grande civiltà.

Ridefinire la connessione Olmechi

Gli esperti hanno sempre creduto che quando gli Olmechi erano impegnati a costruire la loro civiltà in siti di grandi dimensioni, come La Venta, vicino alla costa del Golfo del Messico moderno, le persone che sarebbero diventati i Maya vivevano in gruppi nomadi liberamente associati nelle giungle a est e sud-est . Questa teoria sostiene che i Maya derivano la loro intera società, tra cui la loro architettura e la struttura sociale, direttamente dal Olmechi.

Ma il lavoro di Inomata ha rivelato che gli Olmechi non è una civiltà più vecchio. Infatti, Ceibal pre-data La Venta fino a due secoli. E anche se alcune città Olmechi sono infatti più vecchio di entrambi La Venta e Ceibal, anche se probabilmente non hanno interagito con i Maya.

"Questo non significa che i Maya hanno sviluppato la loro cultura in modo indipendente", dice Inomata. Invece, egli crede, l'influenza scorreva in entrambi i modi. Questo nuovo studio sostiene che La Venta e Ceibal si son sviluppati in tandem in un grande cambiamento culturale in tutta la regione. "Sembra più probabile che ci fosse una vasta storia di interazioni fra queste regioni e, attraverso queste interazioni, una nuova forma di società si sia sviluppata."

Definizioni più flessibili

A complicare ulteriormente le cose, Inomata sottolinea che le prove non mostrano una chiara distinzione tra gli Olmechi e Maya nella fase pre-classica.

Le due civiltà sono facili da differenziare nel periodo classico, dal momento che i Maya avevano ormai sviluppato una lingua e cultura diversa. Ma il periodo tra il 1000 e il 700 aC, è più transitoria. Nelle città di La Venta e Ceibal circolavano liberamente le STESSE idee di commercio, le stesse tecnologie, e gli stessi elementi culturali, e forse anche di popolazione, ad un punto tale che è difficile chiamare uno Olmechi e l'altra Maya.

Una rivoluzione agricola

Inomata e la sua squadra trascorreranno i prossimi tre anni l'analisi dei risultati di Ceibal. Successivamente hanno in animo di iniziare a scavare fuori dal centro del sito, nella speranza di acquisire una comprensione di ciò che giorno per giorno la vita era come nel periodo preclassico.

Le aree periferiche, separati dalle piazze rituali e templi, poteva contenere più chiavi alle origini dei Maya. Inomata ritiene che le aree residenziali e agricole sono particolarmente importanti.

Intorno al 1000 aC i gruppi precedentemente nomadi che divennero i Maya iniziarono a costruire aree rituali urbani. "Invece di partire con i villaggi", dice Inomata, "hanno fatto un centro cerimoniale." L'idea che può venire da persone che in seguito ha creato La Venta.

Un cambiamento radicale in agricoltura in quel momento può aver giocato un ruolo importante nel passaggio a uno stile di vita più stabile. Mais, la coltura principale dei Maya, che "è diventato molto più produttivo", dice Inomata. "E poi aveva un senso di ridurre le foreste e aumentare l'agricoltura."

Inomata crede che questa rivoluzione agricola può essere stata radicata in cambiamenti genetici nella pianta dello stesso mais. Ma questa ipotesi, come tante altre idee circa l'ascesa e la caduta della civiltà Maya, richiedono ancora molte più prove per dimostrarlo.


Nessun evento in programma

Vai calendario eventi completo >