sei in Home > Archeologia > News > Dettaglio News
11 Dicembre 2012 ARCHEOLOGIA
Science Daily
SCOPERTO IL PRIMO PORTO DI ROMA ANTICA
FOTOGALLERY
tempo di lettura previsto 4 min. circa

Gli archeologi hanno portato alla luce i grandi monumenti antichi di Ostia, ma la posizione del porto che ha fornito Roma di grano è rimasto da scoprire. Questo porto "perduto" è stato infine scoperto a nord-ovest della città di Ostia, sulla riva sinistra della foce del Tevere. Studi stratigrafici han rivelato che alla sua fondazione, tra il 4 ° secolo aC e il 2, il bacino era più profondo di 6, 5 m, la profondità di un porto di mare. Questa ricerca è stata condotta da un gruppo franco-italiana della Maison de l'Orient et de la Méditerranée (CNRS / Université Lumière Lyon 2), l'Ecole Française de Rome e Speciale per i Beni Archeologici Soprintendenza di Roma - Sede di Ostia * e sarà pubblicato nella Chroniques des Mélanges de l'Ecole Française de Rome nel mese di dicembre 2012.

Secondo i testi antichi, Ostia è stata fondata da Anco Marzio, quarto re di Roma. Il nuovo insediamento si suppone che abbia puntato a tre obiettivi: dare uno sbocco al mare a Roma, per garantire la sua fornitura di frumento e sale e, infine, per evitare che una flotta nemica potesse risalire il Tevere. Gli scavi archeologici hanno dimostrato che il nucleo urbano originario (castrum) risale alla fine del 4 ° e 3 ° aC secolo. Principali edifici antichi e le strade principali sono state progressivamente rivelati, ma la posizione del porto di Ostia foce del fiume era rimasto sconosciuto fino ad oggi. Per alcuni, era stato considerato come perso per sempre. Dal momento che nel Rinascimento, molti tentativi di individuare il porto di Ostia erano stati effettuati senza successo. Nel secolo scorso del secolo, gli archeologi hanno confermato la probabile localizzazione del bacino, in quella zona, utilizzando strumenti geomagnetici. Tuttavia si era ancora raggiunto un consenso sulla posizione esatta del porto e il dibattito era ancora vivo.

Un team franco-italiano guidato da Jean-Philippe Goiran, ricercatore CNRS, ha cercato di verificare definitivamente la posizione ipotetica del porto, utilizzando un nuovo strumento geologico. Questa tecnologia risolve il problema delle acque sotterranee, che fa di questa zona un po 'difficile per gli archeologi a scavare oltre 2 m di profondità.

Due campioni di sedimenti sono stati estratti, mostrando una stratigrafia sino a 12 m di profondità che ha indicato l'evoluzione della zona portuale in 3 fasi:

1 - Lo strato più profondo, prima della fondazione di Ostia, indica che il mare era presente in quella zona agli inizi del primo millennio aC.

2 - uno strato intermedio, ricco di sedimenti limo-argilla grigio, mostra una stratigrafia tipica di un porto. Secondo i calcoli, il bacino aveva una profondità di 6, 5 m all'inizio del suo funzionamento (datato tra il quarto e BC 2d secolo). Precedentemente considerato come un porto fluviale che può ospitare barche a bassa velocità, Ostia in realtà ha goduto di un bacino profondo in grado di ricevere navi marine molto grandi.

3 - Infine, l'ultimo strato, composto da accumuli alluvionali enormi, mostra l'abbandono del bacino durante il periodo romano imperiale. Con le date al radiocarbonio, è possibile dedurre che una successione di episodi importanti inondazioni del Tevere del Tevere hanno siggillato definitivamente il porto di Ostia tra il 2 ° secolo aC e il 1 ° trimestre del 1 ° secolo dC (e questo nonostante le possibili fasi di dragaggio ). A quel tempo, la profondità del bacino era inferiore a 1 m ed effettuare ogni navigazione era praticamente impossibile. E 'stato poi abbandonato a favore di un nuovo complesso portuale costruito 3 km a nord della foce del Tevere, chiamato Portus. Questo strato alluvionale si adatta con il testo del geografo Strabone (58 aC - 21/25 dC), che ha indicato la tenuta del bacino portuale dai sedimenti del Tevere in quel momento ( Geographica, 231-232).

La scoperta del porto fluviale di Ostia, a nord della città e ad ovest del Palazzo Imperiale, ci aiuterà a capire meglio i legami tra Ostia, il suo porto e l'ex-nihilo di sedimentazione di Portus, iniziati nel 42 dC e completato nel 64 dC sotto il regno di Nerone. Questo gigantesco complesso di 200 ettari divenne il porto di Roma e il più grande mai costruito dai Romani nel Mediterraneo.

Tra l'abbandono del porto di Ostia e la costruzione di Portus, i ricercatori stimano che siano passati quasi 25 anni.

* Questo lavoro è stato condotto in collaborazione con il Méditerranéenne Maison des Sciences de l'Homme (CNRS / Université Aix-Marseille), l'Universita Roma 3, l'Institut Universitaire de France e ha ricevuto il sostegno della (ANR Agence Nationale de la Recherche).


Nessun evento in programma

Vai calendario eventi completo >