sei in Home > Storia > News > Dettaglio News
28 Ottobre 2012 STORIA
Science Insider
AI ROMANI PIACEVANO LE ORCHIDEE
FOTOGALLERY
tempo di lettura previsto 3 min. circa

Recenti studi hanno dimostrato come le orchidee non solo erano note sin dai tempi dei romani ma da loro anche molto apprezzate.

Un attento studio di antichi reperti in Italia ha spinto indietro la prima apparizione documentata di questi fiori vistosi e altamente simbolici dell'arte occidentale, quindi dal Rinascimento al periodo romano. In realtà, dicono i ricercatori, la popolarità l'orchidea nell arte pubblica è cominciata a diminuire con l'arrivo del Cristianesimo, forse a causa delle sue associazioni con la sessualità.

Le forme fantasiose ed i colori brillanti di tante specie di orchidee sono state le cose che a lungo le ha resi popolari tra gli appassionati di fiori, e oggi sostiene un multimiliardario commercio globale. I fiori hanno anche un valore simbolico che abbraccia molte culture a causa della loro somiglianza con gli organi sessuali sia maschili che femminili. Il nome scientifico del fiore è Orchis e deriva da una parola greca che significa testicoli. Ma mentre la biologia e l'ecologia delle orchidee ha ottenuto molta attenzione da parte dei ricercatori, ci sono pochi studi del suo "phytoiconography", o come il fiore è stato usato simbolicamente in arte.

Qualche anno fa, il botanico Giulia Caneva dell'Università degli Studi di Roma lavorando con diversi studenti laureati, ha iniziato ad assemblare un database di manufatti italiani, tra cui dipinti, tessuti e sculture in pietra di soggetti comprendenti pezzi di vegetazione. Poi, il team ha iniziato il faticoso processo di cercare di identificare le piante vere che gli artisti avevano copiato.Una sorpresa è stata che nelle rappresentazioni vi sono circa 100 specie di orchidee italiane. Sebbene gli studiosi avevano notato i fiori nei dipinti del 1400, la squadra di Caneva ha scoperto che nella pietra erano state scolpite riproduzioni di orchidee già nel 46 aC, quando Giulio Cesare aveva eretto il tempio di Venere Genitrice, a Roma. Ed almeno tre orchidee appaiono tra le decine di altre piante nell'Ara Pacis, un altare di pietra massiccia eretto da Augusto nel 9 a. Caneva e colleghi hanno riportato la scorsa settimana nella Gazzetta dei Beni Culturali . Gli Artisti probabilmente hanno scelto i fiori per enfatizzare il tema del altare di civile rinascita, fertilità, prosperità magari dopo un lungo periodo di conflitto, Caneva dice.

Ma orchidee e altre piante cominciano a svanire dall' arte pubblica appena il cristianesimo ha cominciato a guadagnare influenza nei secoli 3 ° e 4 °, osserva. "La mia idea è che si stavano eliminando i simboli pagani, e tutto ciò che era legato alla sessualità. Con l'arrivo del Rinascimento, tuttavia, le orchidee rifioriscono in arte, ma questa volta per lo più come un simbolo di bellezza ed eleganza."

Il nuovo studio è un ricordo di "quanta storia è legata a questo fiore .... Si presenta in tutti i tipi di luoghi in un modo che non ci si immagina neppure", dice Kristin Nicole Edrington, uno specialista di gioielli in Alexandria, Virginia. Recentemente ha completato tesi di un master presso il Collegio Corcoran of Art + Design a Washington, DC, che ha esaminato l'aumento di immagini orchidea in gioielli di alta gamma realizzati tra la fine del 19 ° e 20esimo. La scoperta che gli artisti romani erano innamorati di questo fiore e conferma solo come la "mania/orchidea non è una novità ma si perde nella notte dei tempi


Nessun evento in programma

Vai calendario eventi completo >