sei in Home > Paleontologia > News > Dettaglio News
4 Settembre 2012 PALEONTOLOGIA
artdaily.com
Gli archeologi trovano resti di animali estinti datati tra 10.000 e 12.000 anni
FOTOGALLERY
tempo di lettura previsto 3 min. circa

CITTA 'DEL MESSICO -. più di un centinaio di ossa di animali, alcuni dei quali potrebbe essere ossa umane dalle fasi finali del Pleistocene, più di 10.000 anni fa, sono stati trovati in Atontonilco de Tula, Hidalgo, durante i lavori di costruzione di un impianto di trattamento blackwater, dove gli archeologi del Istituto Nazionale di Archeologia e Storia (INAH - Conaculta). fatto il salvataggio I tipi di resti ossei degli animali estinti-alcuni dei quali misurare fino a 1.60 metri (5, 3 piedi) - possono essere classificati in costole, vertebre, crani, mandibole, zanne, corna e conchiglie, di specie come il gliptodonte, mastodonti, mammut, cammello, equini, cervi, bisonti possibile e altri ancora non identificabili. nel complesso delle ossa della megafauna, due strumenti di pietra della stessa epoca sono stati scoperti, ma era rimasto sepolto per millenni varie vicino al luogo in cui il canale di drenaggio di Città del Messico porta a. Il recupero di questi resti necessari lavori meticolosi scavo archeologico che è durato cinque mesi. Questa è la più numerosa e variegata ritrovamento di resti megafauna estinta, trovati insieme, registrato fino ad oggi nella Cuenca de Mexico, ha sottolineato l'archeologo Alicia Bonfil Olivera, come lei ha rilasciato il notizia della scoperta che potrebbe aiutare ad ottenere informazioni circa la vasta varietà di specie animali che vivevano in questa parte del paese, circa 10.000 o 12.000 anni fa; provvisoriamente risalente all'ultimo periodo del Pleistocene, nella durata di cui si è verificato alle ultime glaciazioni del Ice Age. La constatazione di tale quantità di animali di quell'epoca è accaduto durante gli scavi, che in più occasioni ha raggiunto fino a 20 metri (65, 7 piedi) di profondità, per creare un impianto di trattamento blackwater, vicino a El Salto fiume. Il lavoro archeologico è stato fatto dal lavoro congiunto di INAH attraverso la Direzione di salvataggio Archeologico, la Commissione nazionale per l'acqua e la Valle de Water Company Messico Trattamento. Alicia Bonfil dettagliato che la formulazione del progetto di recupero archeologico sviluppato da INAH ha iniziato nel marzo del 2011, con lo scopo di tutelare il patrimonio storico e culturale che possono essere trovati durante la costruzione di detto impianto idraulico. Dopo sei mesi di rimanere vigile dello sviluppo dell'opera, l'archeologo Bonfil Olivera, che coordina le indagini e il progetto di recupero, ha studiato un pre insediamento storico su una collina che doveva fanno parte dell'impianto idraulico. Tuttavia, quando lo scavo del cantiere nei pressi del fiume ha raggiunto sette metri (22, 1 piedi) di profondità, e le ossa di grandi dimensioni hanno iniziato a essere visto, ha fatto l'archeologo a conoscenza della necessità di riconsiderare l'indagine a causa della scoperta. sparse in distinta distanze all'interno un'estensione approssimativa di 100 ettari, e tra 7 e 10 metri (22, 1 e 32, 9 metri) di profondità, il team diretto dallo specialista INAH ha trovato più di 100 resti ossei, tra i quali sembra esserci alcune ossa umane che sono mescolati con l'animale estinto resta, "le caratteristiche e le dimensioni di alcune ossa indicare che sono membra umane, il che non è strano dal momento che sappiamo che gli esseri umani già abituati nella regione centrale del Messico in quel tempo, tuttavia, un antropologo fisico dovrà confermare questo fatto ".


Nessun evento in programma

Vai calendario eventi completo >