sei in Home > Archeologia > News > Dettaglio News
29 Aprile 2012 ARCHEOLOGIA
traduzione: Redazione Antikitera Archaeology Daily
Antica mummia egiziana dimostra di aver sofferto in vita di una malattia rara e dolorosa
FOTOGALLERY
tempo di lettura previsto 2 min. circa

Circa 2.900 anni fa, un uomo egizio, probabilmente nei suoi 20 anni, è deceduto dopo aver sofferto di una malattia rara molto simile al cancro, che lo hanno lasciato con tracce di un tipo di diabete.

Quando morì fu mummificato, seguendo la procedura del tempo. Gli imbalsamatori tolto il suo cervello (attraverso il naso appare), han versato una resina liquida simile nella sua testa e il bacino. Han tirato fuori alcuni dei suoi organi e inserito bende e stoffe nel suo corpo. Ad un certo punto la mummia è stata trasferita ( dopo 2300 anni ) nel suo sarcofago nel Museo Archeologico di Zagabria, Croazia.

Il trasferimento mummia potrebbe essere stato fatto nel 19 ° secolo, quando mercanti d'antichità han venduta un sarcofago e hanno messo questa mummia al suo interno al fine di aumentare il prezzo di vendita.

Fino ad ora, gli scienziati avevano pensato che vi era una mummia di sesso femminile all'interno della bara egiziana, basandosi dalle iscrizioni sul sarcofago. La nuova ricerca rivela non solo che il corpo non appartiene a Kareset, ma all'interno la mummia era di sesso maschile, ed anche gravemente malato. Il suo corpo ha mostrato segni rivelatori che soffriva di una malattia rara dal nome Hand-Schuller-Christian, una condizione particolare in cui le cellule di Langerhans, un tipo di cellule immunitarie che si trovano nella pelle, si moltiplicano rapidamente.

"Essi tendono a sostituire il normale struttura delle ossa e gli altri tessuti molli, " ha dichiarato il Dr. Mislav Cavka, un medico presso l'Università di Zagabria, che è uno dei leader dello studio. "Potremmo dire che è un tipo di cancro".

Gli scienziati ancora non sono sicuri che questa sia la vera causa della malattia, ma è in ogni caso una malattia molto rara, che colpisce circa uno su 560.000 di giovani adulti, più spesso maschi. "In tempi antichi era letale, sempre", ha detto Cavka, che ha aggiunto che oggi può essere trattata.


Nessun evento in programma

Vai calendario eventi completo >