sei in Home > Archeologia > News > Dettaglio News
30 Gennaio 2012 ARCHEOLOGIA
Popular Archaeology
Legame tra i primi nativi americani e la Siberia meridionale
FOTOGALLERY
tempo di lettura previsto 3 min. circa

Gli antenati dei primi nativi americani possono infatti essere rintracciati in Asia, secondo un recente studio genetico condotto dalla University of Pennsylvania e l'Istituto di Citologia e Genetica di Novosibirsk, in Russia. I ricercatori, guidati da Theodore Schurr, professore associato nel Dipartimento di Penn di Antropologia, in collaborazione con Ludmila Osipova dell'Istituto, suggeriscono che un popolo antico che vivono in una regione montuosa nel sud della Siberia, potrebbe essere stata la fonte genetica per coloro che emigrarono verso ovest, magari attraversando il ponte di terra di Bering a diventare i primi nativi americani.

Conosciuta come la Altai regione, è situato ai quattro angoli di quello che oggi è la Cina, la Russia, la Mongolia e il Kazakistan. Dice Schurr, "è un settore fondamentale perché è un luogo che le persone sono state andare e venire per migliaia e migliaia di anni. Il nostro obiettivo di lavorare in questo settore è stato quello di definire meglio ciò che i lignaggi fondatori o lignaggi sorella sono nativi popolazioni americane . "

Il team ha analizzato la genetica degli individui che vivono in Russia Altai Repubblica per i marcatori sia DNA mitocondriale e del cromosoma Y del DNA. DNA mitocondriale traccia la linea materna, o di discendenza femminile, mentre le tracce del DNA del cromosoma Y paterno, o maschile, discesa. Hanno confrontato i campioni a quelli che erano stati precedentemente raccolti da individui in Siberia meridionale, Asia orientale, Asia Centrale, Mongolia e una serie di diversi gruppi di nativi americani.

Dopo aver analizzato il DNA del cromosoma Y, i ricercatori hanno scoperto una mutazione unico comune ad entrambi i nativi americani e Altaians meridionale in un lignaggio soprannominato come "Q".

Hanno trovato risultati simili quando si analizza il DNA mitocondriale. "Troviamo le forme di aplogruppi C e D in Altaians meridionali e D in Altaians nord che sembrano alcuni dei tipi fondatore che sorsero in Nord America, anche se il Altaians nord apparso più imparentato alla lontana con i nativi americani", dice Schurr.

Determinare quanto tempo fa le mutazioni ha avuto luogo, i ricercatori hanno concluso che il lignaggio del sud Altaian geneticamente discostato dalla linea dei nativi americani circa 13.000 a 14.000 anni fa. Ciò si correla con le attuali teorie che sostengono la migrazione dei popoli in America dalla Siberia tra circa 15.000 e 20.000 anni fa.

La natura vasta e diversificata di database assicurato un grado relativamente elevato di fiducia tra i ricercatori circa la validità e la precisione dei risultati. Dice Schurr ", a questo livello di risoluzione è possibile visualizzare le connessioni in modo più chiaro".

Oltre a Schurr e studente di dottorato Matteo Dulik, la ricerca è stata condotta da Sergey Zhadanov, Ayken Askapuli, Lydia Gau, Omer Gokcumen e Samara Rubinstein Penn del Dipartimento di Antropologia.

La ricerca è stata sostenuta dalla University of Pennsylvania, della National Science Foundation, le scienze sociali e umanistiche Research Council del Canada e del Fondo russo per la ricerca di base. La National Geographic Society inoltre fornito supporto infrastrutturale al laboratorio Schurr.

Lo studio dettagliato è stato pubblicato sulla rivista American Journal of Human Genetics .

TAG: DNA

Nessun evento in programma

Vai calendario eventi completo >