sei in Home > Mistero > News > Dettaglio News
16 Ottobre 2011 MISTERO
Jennifer Welsh Live Science
IL RITRATTO PERDUTO DI LEONARDO
FOTOGALLERY
tempo di lettura previsto 5 min. circa

La Casa d'aste Christie potrebbe aver venduto un pezzo inestimabile d'arte di Leonardo da Vinci per un po 'più di $ 21.000, secondo i ricercatori che sostengono di aver individuato le origini del dipinto oggetto di accesi dibattiti.

Il dipinto sembra provenire da un libro di 500 anni, contenente la storia della famiglia del duca di Milano. Lo storico dell'arte Martin Kemp, dell'Università di Oxford, ritiene che il dipinto misterioso, comparso nel 1998, sia un ritratto della figlia del duca, creato da da Vinci per il suo libro di nozze.

"Sapevamo che veniva da un libro, si hanno i fori delle cuciture e si può vedere il taglio del coltello. Trovarla è stato un miracolo, in un certo senso. Sono rimasto stupito", ha detto Kemp a LiveScience. "Quando si esegue una ricerca storica su 500 anni, gli oggetti ... difficilmente si complretano con una quadratura del cerchio in questo modo."

Nel 2010, Kemp fu il primo a suggerire che Leonardo da Vinci fosse l'autore del ritratto, e da allora gli storici dell'arte hanno dibattuto sulla sua origine e sul pittore. In realtà, molti storici dell'arte contattati da LiveScience hanno detto che non volevano commentare il pezzo o non hanno risposto. Un precedente esame delle opere d'arte da una galleria di Vienna ha portato il critico a dire che non era un Da Vinci, e che occorrevano nuove prove.

Dalla conservazione alla fonte

Il ritratto è stato inviato a Christie nel 1998, con gli storici dell'arte che suggerivano che il pezzo fosse opera di quegli artisti tedeschi del XIX secolo chiamati i Nazareni, che avevano imitato lo stile rinascimentale. (Questo è stato smentito dopo la datazione al carbonio, che ha stimato la creazione del ritratto tra il 1440 e il 1650). E' stato intitolato "Testa di giovane donna di profilo verso sinistra, in abito rinascimentale."

Kemp non era convinto e iniziò a cercare nella storia del dipinto. Ha visto la prima volta il ritratto come allegato di una e-mail nel 2008, e immediatamente riconosciuto da Vinci mancino stile. È andato a vederlo a Zurigo e il suo co-autore, Pascal Cotte, ingegnere e fondatore di analisi dell'arte di start-up tecnologica Lumiere, ha esaminato a Parigi.

Kemp e Cotte poi pubblicato "La Bella Principessa: la storia del nuovo capolavoro di Leonardo da Vinci" (Hodder Hb, 2010) sostenendo il lavoro potrebbe essere un Da Vinci, una domanda che molti storici hanno rispettato in disaccordo con, alcuni con veemenza. [ Misteri più trascurati della storia ]

Il ritratto è realizzato su pergamena, una pelle appositamente preparata normalmente utilizzati per la scrittura e la stampa. Nessun lavoro di Da Vinci è stato trovato su pergamena prima, anche se era spesso utilizzato nei libri. I ricercatori ritengono che il ritratto è venuto da un libro, perché tre punti sono visibili i fori sul margine sinistro del ritratto. E 'fatta anche di gessetti e inchiostro, non vernice.

Un regalo di nozze

"La possibilità di identificare il libro pergamena proviene era piuttosto piccola, un ago nel pagliaio, si direbbe, " Kemp ha detto LiveScience. Che era, fino storico dell'arte americano David Wright, della Università di California a Berkeley, ha suggerito che guardano Kemp a una serie di bookstitled il "Sforziad".

C'erano al massimo quattro copie, ha detto Kemp. A parte la copia nella Biblioteca Nazionale di Varsavia, vi è una copia a Londra e uno a Parigi. Ogni libro è stato su misura e aveva l'arte diverse e pagine di copertina, prova che questo ritratto era stato fuori "strappato" è stato trovato solo nel libro di Varsavia. L'immagine è stata probabilmente rimossa durante il 18 ° secolo quando il libro era rimbalzo, Kemp ha detto.

Da Vinci era un artista in residenza del duca per diversi anni tra il 1481 e il 1499. Era l'unico mancino artista nella corte in quel momento, hanno detto i ricercatori.

Corrispondente pagina al libro

Segni sul Sforziad e La Bella Principessa line up DI CREDITO: Martin Kemp, Pascal Cotte e Tecnologie Lumiere

L'immagine full sizeDopo l'esame, Kemp ha visto che i fori punto dalla pagina match up con le cuciture sul libro, ma non sono l'unica prova Kemp propone. Perché pergamena è fatto da pelli lavorati, ogni foglio ha diverse qualità. Lo spessore e la composizione di questo foglio corrisponde perfettamente con la pergamena del libro, ha detto Kemp. Ci sono anche segni di taglio sul bordo del libro.

"Era evidente dalle prove che abbiamo ottenuto sulla pergamena e fogli mancanti, entro margini di ragionevole dubbio, che è da dove viene", ha detto Kemp. "A 500 anni, non devi mai conferma quanto volete, ma questo è buono come si arriva."

Kemp e Cotte hanno pubblicato una versione abbreviata del loro esame del libro e segni di taglio del ritratto e vincolante, con le loro analisi della linea pergamena. Il dipinto è stato rinominato "La Bella Principessa", anche se le sue vere origini sono ancora oggetto di discussione.

Ancora oggetto di discussione?

La galleria d'arte Albertina di Vienna ha deciso di non esporre il disegno, perché quando ha esaminato per la loro istituzione, "nessuno è convinto che si tratta di un Leonardo", galleria d'arte direttore Klaus Albrecht Schröder ha detto ARTnews .

LiveScience chiesto portavoce Verena Dahlitz ciò che il pensiero galleria dei nuovi dati, ha risposto in una e-mail: "Noi continuiamo a credere che non sia un disegno autentico di Leonardo". Quando è stato chiesto chi potrebbe averlo dipinto, se fosse uscito dal Sforziad, ha detto: "Pensiamo che il disegno è del 19 ° secolo."

Art. blogger Hasan Niyazi, sul suo blog The Three Problema tubo, aggiornato il suo articolo sulla controversia La Bella Principessa in reazione al Kemp trovare, scrivendo che, a suo avviso, "I critici del pezzo deve ora ri-orientare il loro approccio - un argomento che è da un contemporaneo di Leonardo può ancora derivare da alcuni. Sebbene una dichiarazione che è un pezzo dopo ha meno probabilità di resistere contro il corpo di accumulare prove per questo lavoro. "

Molti degli storici contattato da LiveScience ha rifiutato di commentare il pezzo. William Wallace, uno storico dell'arte presso la Washington University di St. Louis non ha voluto commentare sul pezzo, ma ha detto: "credo perché alcuni, come me, vuole pronunciare su una attribuzione improbabile, soprattutto senza aver visto l'originale, " Wallace LiveScience ha detto in una e-mail. "Ego sono facilmente lividi in un campo piccolo, e Kemp, dopo tutto, è uno stimato studioso."

Kemp pubblicherà le sue scoperte in una edizione aggiornata del suo libro, "Leonardo" (Oxford University Press, 2011). Un contributo da National Geographic finanziato la sua ricerca per il libro, e la rete sarà la produzione di un documentario sulla ricerca delle origini vero il ritratto di aria nei primi mesi del 2012.


Nessun evento in programma

Vai calendario eventi completo >