sei in Home > Archeologia > News > Dettaglio News
5 Settembre 2011 ARCHEOLOGIA
Larry O'Hanlon Phys Org
MARINAI DELL'ERA GLACIALE NELL'ANTICA GRECIA
FOTOGALLERY
tempo di lettura previsto 3 min. circa

Naviganti possono aver viaggiato sul Mar Egeo anche prima della fine dell'ultima era glaciale, secondo la nuova prova fornita da ricercatori, che hanno estratto strumenti di rocce vulcaniche di età pre-Bronzo e armi.

Una nuova tecnica che data l'ossidiana - vetro vulcanico che può essere modellato in strumenti - suggerisce che esistessero miniere di ossidiana nelle acque del Mediterraneo e le rocce all'epoca preziose fossero inviate dall'isola di Melos nell'odierna Grecia circa 15.000 anni fa.

"L'ossidiana è un prezioso vetro roccioso naturale che si trova solo sulle isole di Melos, Antiparos e Yali, " ha spiegato Nicolaos Lascaris dell'Università dell'Egeo in Grecia. "Da lì si era diffuso nel Mar Egeo e nel continente troppo attraverso contatti di commercio."

Se si voleva avere strumenti taglienti e armi nei giorni prima di bronzo, avevi bisogno di luoghi come Melos. Ma è necessario anche una barca per arrivarci. Le prove che le persone erano crossing over a Melos anche prima della fine dell'ultima era glaciale proviene da manufatti di ossidiana trovate nella grotta Franchthi sulla penisola del Peloponneso in Grecia - meridionale continentale lungi dall'isola di Milo. Lavoro geochimica precedente aveva già stabilito gli artefatti sono stati da Melos, ma capire quando furono portati dall'isola è un problema più complicato.

"Erano i marinai, certamente, in particolare nella regione dell'Egeo che seguirono isolotti saltando come una rana raggiungendo anche in Asia minore e la Grecia continentale, " ha detto Lascaris, che con i suoi colleghi ha pubblicato un documento sulla scoperta nel numero di settembre 2011 di Journal of Archaeological Science. "Fino ad ora solo in Franchthi obsidians grotta era stato trovato a circa 8.500 a.c. Ora dimostrare precedente contatto con costiere siti era un fatto."

Lascaris e i suoi colleghi si rivolse a un metodo denominato idratazione ossidiana che datazione (OHD) combinata con una tecnica più recente nota come spettrometria di massa di ioni secondari di superficie saturazione (SIMS-SS) per determinare quanto acqua era penetrate le superfici di ossidiana che sono stati esposti all'aria dagli umani preistorici che erano scheggiature le rocce di rendere utensili e armi.

"Una superficie di appena esposte ossidiana contiene crepe microscopiche, in cui l'acqua assorbe nel tempo, " ha spiegato ricercatore Ellery Frahm, della University of Minnesota Twin Cities e il Presidente eletto dell'associazione internazionale per gli studi di ossidiana. Il metodo OHD da solo non è molto affidabile a datare le fratture sulle rocce, perché ha un paio di gravi limitazioni, ha detto.

Il primo è il fatto che è difficile, quando guardando la superficie della roccia attraverso un microscopio, per vedere e misurare quanto in profondità la zona di diffusione fuzzy acqua penetra in una roccia.

"Dove 'si misura lungo questa linea fuzzy? In secondo luogo, il fronte di diffusione non è davvero dove sembra essere. Una cannuccia sembra piegarsi in un bicchiere d'acqua a causa della differenza di indice di rifrazione dell'aria e acqua, quindi il fronte di diffusione in ossidiana non è davvero dove sembra essere sia per lo stesso motivo, "ha spiegato Frahm.

Ma quando SIMS-SS, la nuova tecnica di spettrometria di massa, viene aggiunto all'immagine, gli scienziati possono effettivamente quantificare l'acqua che penetra in una roccia.

"The SIMS possono misurare direttamente l'acqua in ossidiana sopra una profondità, " ha detto Frahm. "Un fascio di particelle rimuove gli ioni dall'ossidiana in strati molto sottili, è come misurare individualmente la composizione di ogni strato di buccia di cipolla". In questo modo il cambiamento nel contenuto di acqua può essere tracciato con profondità, rivelando esattamente come cambia.

Utilizzando il nuovo metodo di SIM-SS, Lascaris e i suoi colleghi erano in grado di determinare che gli artefatti di ossidiana Melos sono state rendendo alla terraferma prima di quanto in precedenza creduto. Naturalmente, ciò implica che le persone stavano attraversando tra isole molto presto in alcuni tipi di barche sconosciuti.

Fornito da Science News Service

TAG: Altro

Nessun evento in programma

Vai calendario eventi completo >