sei in Home > Archeologia > News > Dettaglio News
9 Luglio 2011 ARCHEOLOGIA
http://www.pasthorizons.com/
A OLIMPIA SI RILEVANO GLI TSUNAMI CHE DISTRUSSERO ATLANTIDE
FOTOGALLERY
tempo di lettura previsto 3 min. circa

Olimpia, il santuario di Zeus e sede dei giochi olimpici nell'antica Grecia, probabilmente fu distrutta da uno tsunami che raggiunse l'entroterra e non, come precedentemente credevano, da terremoti e inondazioni del fiume.

Questa è la teoria più recente sollevata dal Dr. Andreas Vött dall'Istituto geografico dell'Università Johannes Gutenberg di Magonza (JGU). Vött ha eseminato il sito durante le ricerche relative a paleo-tsunami, che hanno avuto luogo negli ultimi 11000 anni lungo le coste del Mediterraneo orientale. L'ipotesi dello tsunami olimpico si è presentata a causa di sedimenti trovati nelle vicinanze di Olimpia, che erano sepolti sotto una spessa coltre di 8 metri di sabbia e altri detriti, riscoperti solo circa 250 anni fa.

"La composizione e lo spessore dei sedimenti che abbiamo trovato si adattano con il flusso d'acqua del fiume Cladeo e con eventi geomorfologici quali terremoti, " ha detto Vött. In precedenza si riteneva che un terremoto nel 551 d.C. avesse distrutto i santuari e successivamente le inondazioni del fiume Cladeo avessero riempito gli antichi palazzi. Tuttavia, Vött era perplesso che il piccolo fiume Cladeo, che scorreva in passato presso il sito olimpico, avesse potuto seppellire il sito sotto diversi metri di sedimenti, a 10-12 metri di profondità sotto il suo antico livello di piena. In collaborazione con il locale Consiglio delle antichità e colleghi dalle Università di Aquisgrana, Darmstadt, Friburgo, Amburgo e Colonia, Vött e il suo team ampiamente ricercato nell'area utilizzando metodi moderni per le analisi geomorfologiche e geoarcheologiche.

I risultati suggeriscono che la regione è stata colpita più volte da gravi inondazioni catastrofiche ed era coperto da sedimenti in passato. Cozze e conchiglie di lumaca e i resti di foraminiferi (protozoi marini) indicano chiaramente un'origine marina. I sedimenti devono essere arrivati a velocità dalla costa verso Olimpia, che ha un'altitudine di circa 33 metri sul livello del mare.

"Olimpia è ora a 22 km dal mare, ma in precedenza la costa era ad 8 km di distanza, " spiega Vött. Nel suo scenario, gli tsunami si formano dal mare e poi corrono nella stretta valle di Alpheus - che comprende anche il fiume Cladeo â€" con grande forza, e poi si precipitano sulle selle delle colline che si celano dietro Olimpia. Il santuario quindi allagato e l'acqua scorre lentamente fuori, poiché la valle dell'Alpheus è ostruita dallo tsunami che arriva e dai suoi sedimenti. Questo suggerisce che, nel contesto delle sequenze di sedimenti depositati nella zona, un tale scenario si sia ripetuto più volte nel corso degli ultimi 7000 anni; con uno degli eventi più recenti che si verificano nel VI secolo D.C.. che portato con sé la distruzione finale di Olimpia.

A sostegno dell'ipotesi dello tsunami olimpico sono il fatto che sia sul mare di fronte a lato del terreno collinare nonché in Olimpia, identici ad alta energie sedimenti sono stati trovati. "i depositi a Olimpia hanno la stessa firma i depositi dello tsunami a Monte nella valle Alpheus, " detto Vött. Regnò fuori un terremoto come la causa, come i tamburi caduti colonna del tempio di Zeus in realtà "galleggiante" nei sedimenti. Tutti i reperti sedimentologica sorprendente, geochimici, geomorfologici e geo-archeologici supportano l'ipotesi dello tsunami olimpico nuova, sensazionale. Dettagliate analisi di specie faunistica, composizione, l'origine e l'età di microrganismi ed età determinazione dei sedimenti sono stati effettuati, e questi risultati saranno presto disponibili.

Gli tsunami sono un evento frequente nel Mediterraneo orientale, che è soprattutto per l'alta attività sismica lungo l'arco di Hellenic dove la placca africana spinge sotto la placca euroasiatica, innescando forti terremoti, spesso con un accompagnamento dello tsunami. Ultimo gigantesco tsunami devastò regioni costiere nel 1908 dopo il terremoto sullo stretto di Messina (Sud Italia) dove più di 100.000 persone sono morte. Tuttavia, nel mare Egeo meridionale nel 1956, è stata registrata un'onda alta 30 metri. "Un'analisi dei documenti storici ha dimostrato che in Grecia occidentale in media ogni 8-11 anni, si è verificato uno tsunami" Vött confermato.

Ulteriori informazioni

Istituto geografico dell'Università Johannes Gutenberg

Mamo, l. b.; Strotz, c. l.; Dominey-Howes, d. Tsunami sedimenti e loro assemblages foraminiferi, American Geophysical Union, Fall Meeting 2009

TAG: Altro

Nessun evento in programma

Vai calendario eventi completo >