sei in Home > Archeologia > News > Dettaglio News
30 Maggio 2011 ARCHEOLOGIA
http://www.pasthorizons.com/
GRAFFITI DI 4500 ANNI NEI CUNICOLI DELLA GRANDE PIRAMIDE
FOTOGALLERY
tempo di lettura previsto 6 min. circa

Un robot progettato e costruito dagli ingegneri di Università di Leeds, in collaborazione con Scoutek, Regno Unito e di Dassault Systèmes, in Francia, ha rivelato geroglifici di là di un tunnel stretto all'interno della grande piramide di Khufu, a Giza. Le marcature di 4500 anni fa, vista su immagini video raccolte dalla spedizione robot Djedi, possono dare indizi su come è stata costruita questa parte della piramide.

"La grande piramide di Khufu è nota per contenere quattro gallerie strette - due che conduce da camera del re e due dalla camera della regina

"

La grande piramide di Khufu è noto per contenere quattro gallerie strette - due che conduce da camera del re e due dalla camera della regina. Tuttavia, gli studiosi sono in grado di accordarsi su ciò che essi sono stati utilizzati per. Questo è in parte dovuto alla faccia di ricercatori di problemi sempre in questi spazi ristretti.

Dottor Hawass (Ministro per antichità nel governo egiziano), afferma, "nessuno è sicuro perché i costruttori della grande piramideincorporato i quattro alberi nel design del monumento di Khufu. Poiché gli alberi nella camera del re aprono di fuori della piramide, ritengo che l'anima di Khufu è stata pensata per viaggiare attraverso di loro. Albero di camera del re meridionale era destinato a Khufu da utilizzare come il Dio del sole ra. Si apre esattamente tra i pozzi di due barca a sud della piramide.

"Khufu sarebbe prendere le due barche e li usano come solare barche per il suo viaggio come il Dio del sole attraverso il cielo diurno e notturno - uno per la gita di un giorno, uno per il viaggio di sera. L'albero del Nord è stata fatta per l'anima di Khufu come Horus di viaggiare verso le stelle circumpolari eterne.

"Come per alberi in camera della regina, non riesco a immaginare che avevano una funzione religiosa, come non sembrano aprire verso l'esterno della piramide - gli sbocchi commerciali, se tali esistono, non sono stati trovati mai a dispetto di nostra attenta ricerca."

I ricercatori nella spedizione robot Djedi ora hanno ottenuto immagini video da una piccola camera nascosta alla fine di uno degli alberi che conduce da camera della regina. Questo tunnel è particolarmente difficile da esplorare, perché è estremamente strette (20 cm x 20 cm), si è costruito con angolo di 40 gradi e non ha exit esterno.

La squadra ha superato queste difficoltà pratiche utilizzando un esploratore di robot che potrebbe salire fino all'interno delle mura dell'albero, trasportando una fotocamera 'micro serpente' in miniatura che può vedere intorno agli angoli. La fotocamera bendy (diametro 8 mm) è stata abbastanza piccola da stare attraverso un piccolo foro in una pietra 'porta' all'estremità dell'albero, dando i ricercatori una visione chiara nella camera di là.

"La fotocamera 'micro serpente' ' consentito tutte le pareti del camber deve essere attentamente esaminato, rivelando i luoghi d'interesse non visualizzati da occhi umani, dal momento che la costruzione della piramide

"

Su precedenti spedizioni, immagini della telecamera sono state prese solo guardando dritto. La fotocamera 'micro serpente' ' consentito tutte le pareti del camber deve essere attentamente esaminato, rivelando i luoghi d'interesse non visualizzati da occhi umani, dal momento che la costruzione della piramide.

Il team di Djedi è stato selezionato in una competizione, coordinata dal dottor Hawass, per scegliere il migliore possibile robot per esplorare gli alberi. Questo processo è durato approssimate due anni e ha portato in una competizione testa a testa tra robot da Università di Leeds e Università di Singapore. Djedi fu nominato da Dottor Hawass dopo il mago che Khufu consultati quando si pianifica il layout di questa piramide.

Piano camera guardando verso la seconda pietra blocco - un'immagine composita del pavimento dietro la prima pietra blocco mostrando a figure rosse a destra di una linea di massoni. Credito: Djedi Team

"The Djedi robot è completamente unico, che è il robot d'arrampicato più leggero, più delicato, che è sempre stato distribuito all'interno della piramide, " ha detto il Dr Rob Richardson della Università di Leeds e accademico leader della squadra. "Djedi robot si arrampica pareti albero usando morbidi rilievi sui suoi piedi che afferrare, ma non lasciano alcuna traccia. Questo è in completo contrasto con altri robot arrampicata che si basano sulle tracce di spostare verso l'alto su superfici inclinate, lasciando dei graffi nella loro scia. "

Vista di figure/geroglifici rossi sul pavimento dietro la prima pietra blocco vicino. Credito: Djedi Team

Ricostruito insieme, le immagini raccolte da Djedi ha rivelato geroglifici scritti in rosso dipingono quella squadra membri suggeriscono che sono state fatte da operai. Prima di questo, i ricercatori avevano trovato solo geroglifici sul tetto della camera del re, che si trova a qualche distanza sopra la camera della regina.

"Che siamo convinti che se questi geroglifici potevano essere decifrati essi potrebbe contribuire egittologi lavorare fuori perché sono stati costruiti questi alberi misteriosi, " ha detto Dr Richardson.

Così come i simboli dipinti, i ricercatori hanno trovato linee che credono scalpellini fatti quando la camera nascosta era essere scavata. Erano anche in grado di esaminare attentamente i due perni rame incorporati nella 'porta' alla camera che era stata sempre e solo intravisto dal fronte prima. L'esistenza di questi pin - il metallo unico mai scoperto nella grande piramide - ha precedentemente perplesso studiosi. Il dettaglio ha rivelato in queste ultime immagini può aiutare a risolvere tali questioni.

Un'immagine composita della parte posteriore del primo blocco di pietra - mostra retro dei pin metallo incorporati nella prima pietra di blocca. I perni di terminare sulla faccia posteriore della pietra con piccoli loop. Credito: Djedi team

Missione manager del progetto, Shaun Whitehead, di Scoutek UK, ha dichiarato: "persone hanno domandando circa lo scopo di questi pin per oltre 20 anni. Si era ipotizzato che erano di maniglie, chiavi o anche parti di una centrale elettrica, ma nostro nuove foto da dietro i perni mettere in dubbio queste teorie.

"Ora sappiamo che questi pin finiscono piccoli, splendidamente fatto loop, che indica che erano più probabilmente ornamentale piuttosto che collegamenti elettrici o caratteristiche strutturali. Inoltre, la parte posteriore della 'porta' è lucido quindi deve essere stato importante. Non sembra come se fosse un pezzo grezzo di pietra utilizzato per interrompere i detriti sempre in albero. "

Prossima attività del team è a guardare la parete di fondo della camera per verificare se si tratta di un solido blocco di pietra o di un'altra porta.

"Noi stanno mantenendo una mente aperta ed effettuerà qualunque indagini sono necessari per capire che cosa sono questi alberi e 'porte' per. È come un detective story, stiamo usando il robot Djedi e i suoi strumenti per pezzo le prove insieme, "Shaun Whitehead ha detto.

Il fondatore del progetto, Dr TC Ng da Hong Kong, ha detto: "sono orgoglioso che il mio sogno è diventato una realtà. Effettuando un'analisi dettagliata dell'albero meridionale e lo spazio oltre la prima porta che la squadra di Djedi è andato ulteriormente di chiunque mai esistita prima in questa piramide. Ora suppongo che il mondo è in attesa di scoprire se c'è qualcosa oltre la seconda porta. "

Mehdi Tayoubi e Richard Breitner partner del progetto Dassault Systèmes in Francia, ha commentato: "questi risultati sono affascinanti. Per lungo tempo, noi abbiamo guardato il robot sta costruito e testato in realtà virtuale utilizzando software 3D della nostra società. Ora vediamo il robot reale, lavorando nella piramide, comportandosi come previsto e portando indietro questi sorprendenti immagini. "

Djedi è una missione congiunta international-egiziano essendo effettuato sotto la supervisione del dottor Zahi Hawass, che ha recentemente stato riconfermato come ministro per antichità del governo egiziano. Il team si è impegnato a completare il lavoro entro la fine del 2011.

Le immagini sono state pubblicate negli Annali del Servizio delle antichità dell'Egitto (ASAE), la pubblicazione ufficiale del Consiglio supremo delle antichità dell'Egitto.


Nessun evento in programma

Vai calendario eventi completo >