sei in Home > Storia > News > Dettaglio News
25 Maggio 2011 STORIA
Ewen Callaway Liutprand.it
I MANTELLI MAORI DI PIUME DI KIWI
FOTOGALLERY
tempo di lettura previsto 4 min. circa

Il DNA di kiwi conservato nei mantelli Maori svela le origini e la storia dei venerati mantelli.

Quando le tribù Maori della Nuova Zelanda scendevano in battaglia, i combattenti erano avvolti in mantelli di piume di kiwi per proteggersi dai loro nemici. I mantelli faticosamente predisposti, noti come kiwi Kahu, erano talmente venerati che ad alcuni sono stati dati dei nomi - uno, chiamato Karamaene, è stato scambiato con il Museo di Auckland, in cambio di una canoa gigante da guerra, di legno.

Ora, il DNA dei kiwi conservato in tali mantelli - alcuni risalenti al XIX secolo - ha rivelato indizi per l'origine e la costruzione dei kiwi Kahu, e ha indicato un commercio, prima sconosciuto, di piume attraverso le isole 1 .

David Lambert, un genetista evolutivo alla Griffith University di Nathan, Australia, autore principale dello studio, pubblicato online in Molecular Biology and Evolution 1, dice che i mantelli "hanno in se stessi una specie di gran potere. Sono cose straordinarie ".

La moda delle piume

I diari del viaggio di James Cook in Nuova Zelanda, 1769-1770, descrivono mantelli di lino intrecciato, i più prestigiosi dei quali erano ornati con pelli di cani, indossati da capi Maori. I mantelli coperti con piume di Kiwi divennero di moda nei primi anni del 1800, ma nessuna documentazione scritta attesta la loro origine o fabbricazione, dice Lambert.

Lambert si è occupato dei mantelli, quando il suo co-autore Rangi Te Kanawa, conservatore presso il Te Papa Museum Tongarewa a Wellington, Nuova Zelanda, gli ha fatto dono d'un mantello misterioso che credeva essere fatto di piume di moa. Ciò sembrava impossibile, Lambert ha detto - quegli uccelli si sono estinti dal 1500, centinaia di anni prima che i mantelli di piume fossero fatti. I test genetici hanno mostrato che il mantello era stato tessuto con piume di emù.

"Questo ci ha fatti interessare", spiega Lambert, la cui squadra poi è riuscita nel campionamento del DNA di piume di kiwi in 109 mantelli ospitati in musei in Nuova Zelanda e nel Regno Unito. Un precedente studio 2 della diversità genetica e la distribuzione geografica del paese, di cinque specie di uccelli kiwi, le cui piume si assomigliano le une alle altre, ha offerto un modo per mappare l'origine geografica delle piume presenti in un mantello.

La maggior parte delle piume provenivano dal kiwi bruno dell'Isola del Nord (Apteryx mantelli). Sorprendentemente, però, il 15% dei mantelli erano intessuti solo parzialmente con piume di kiwi provenienti da uccelli diffusi in tutta l'isola del Nord. Lambert dice che un commercio di piume tra le varie isole può essere emerso dopo le guerre intestine delle "del moschetto", nel corso del XIX secolo, che riconfigurarono i confini tribali. Come risultato, i cacciatori e commercianti maori possono avere guardato più lontano per procurarsi le piume di kiwi.

Natasha McKinney, curatrice delle collezioni Oceania Pacifico al British Museum di Londra, nota che i Maori dell'Isola del Sud scambiavano Greenstone (nefrite) con le tribù sull'Isola del Nord ben prima che gli europei arrivassero, il che stabilisce rotte commerciali secoli prima che i mantelli fossero fatti.

Diffusione verso sud

L'analisi del'antico DNA accenna anche ad una potenziale origine della tradizione dei kiwi Kahu, dice Lambert. Più di un terzo dei mantelli contengono piume di una popolazione di uccelli limitata ad un piccolo corridoio orientale dell'Isola del Nord. Lambert ritiene che questa regione sia stata la culla delle tradizioni di tali mantelli nel corso del XIX secolo, e che l'uso si sia più tardi diffuso verso ovest e sud.

Morten Allentoft, un postdoc nel laboratorio dell'antico DNA alla Murdoch University di Perth, in Australia, avverte che lo studio è basato sulla attuale distribuzione del kiwi, e che le migrazioni degli ultimi 200 anni potrebbero complicare la loro interpretazione.

Tuttavia, egli è d'accordo che i risultati forniscano la comprensione reale della storia Maori. "La capacità di tracciare l'origine geografica di queste piume ad una vecchia origine geografica è un risultato significativo, che mostra il tipo di conoscenze dettagliate che possono essere ottenute quando si lascia un biologo molecolare in una collezione museale", dice Allentoft.

Riferimenti:

1. Hartnup, K. et al. Mol. Biol. Evol. doi:10.1093/molbev/msr107 (2011).

2. Shepherd, L. D.&Lambert, D. M. Mol. Ecol. 17, 2174-2184 (2008).

Fonte: http://www.nature.com/news/2011/110523/full/news.2011.309.html

TAG: DNA, Musei

Nessun evento in programma

Vai calendario eventi completo >