sei in Home > Archeologia > News > Dettaglio News
8 Aprile 2011 ARCHEOLOGIA
Sindya N. Bhanoo http://www.southcoasttoday.com
7000 tombaroli "informatici" stan cercando la tomba di Gengis Khan
FOTOGALLERY
tempo di lettura previsto 3 min. circa

Albert Lin è a caccia di Gengis Khan.

La leggenda vuole che Khan, il conquistatore spietato che fu il primo imperatore dell'Impero mongolo, fu sepolto in una tomba anonima nel nord della Mongolia circa 800 anni fa.

Ma trovare questo sepolcro è un compito che ha eluso gli scienziati per anni. La Mongolia comprende più di 600.000 miglia quadrate di gran parte inesplorato, rurale... il che rende la missione di Lin estremamente impegnativa.

Per fortuna, lo scienziato esploratore e di ricerca presso l'Università della California a San Diego ha più di 7.000 persone in tutto il mondo, che stanno aiutando la sua missione, chiamata Valle del Progetto Khan. L'idea è di trovare la tomba di Gengis Khan e dei suoi discendenti, e di altri manufatti antichi mongoli.

L'esercito di aiutanti di Lin sono dilettanti, e lavorano comodamente da casa col loro computer.

Attraverso un sito web chiamato Field Expedition Mongolia, che Lin e i suoi colleghi hanno sviluppato in collaborazione con National Geographic, i volontari stanno aiutando a setacciare 85.000 immagini satellitari ad alta risoluzione della Mongolia.

Ogni volta che i volontari si collegano con il sito, vengono mostrate alcune di queste immagini. Un tutorial online li istruisce su come cercare oggetti particolari e riconoscere "strade", "fiumi", "strutture moderne" o "strutture antiche." Essi possono ingrandire e rimpicciolire e scorrere in tutte le direzioni.

Si possono anche segnare posti semplicemente come "altro" se vedono qualcosa di strano. Questo è il tipo di giudizio vago che l'uomo può compiere, ma che i computer non possono, ha detto Lin.

"Quello che un computer non può fare è cercare 'cose strane', ma quando si chiede un cervello umano, non è necessario indicare cosa 'strana', lo sappiamo", ha detto Lin.

Quelle strane cose potrebbero essere importanti reperti archeologici.

La scorsa estate, Lin e i suoi colleghi sono stati in Mongolia ispezionando i luoghi che erano stati contrassegnati dai volontari online. Ogni volta che c'era un gruppo di tag contrassegnati come "antica struttura" o "altro", con nota la latitudine e longitudine, afferrare la loro dispositivi GPS e si sono recati sul posto.

Progetti come questo sono una nuova svolta nella "scienza casalinga", dove la nuova tecnologia, se usata in modo efficace da grandi gruppi di persone, può contribuire ad accelerare gli sviluppi scientifici, ridurre i costi e aumentare l'efficienza.

A volte i volontari on line han portato gli esploratori a rinvenire reperti deludenti, come un gregge di pecore su una foto satellitare che sembrava una struttura antica. Ma vi erano anche alcuni tra quelli notevoli, come la scoperta di 3000 anni, tombe dell'età del bronzo, resti di grandi città e antichi monoliti nascosto nella vasta regione erbosa.

"Questi sono difficili da trovare a cavallo, ma dallo spazio e nelle immagini, è possibile distinguere queste forme", ha detto Lin.

Anche se gli scienziati professionisti hanno collaborato con i dilettanti per decenni, social networking e di Internet stanno rendendo più che mai fruttuosa la ricerca.

"Abbiamo scoperto che potevamo fare qualcosa che fosse abbastanza accattivanti per ispirare le persone a partecipare, senza dover pagare", dice Lin. "Questa è la parte della scienza cittadino che è più interessante per me: come possiamo motivare le persone a dedicare il loro tempo?"

Come? Rendendolo divertente, ci ha detto Lin.

Per chi volesse partecipare basta iscriversi su questo sito:

http://exploration.nationalgeographic.com/&ei=pCyfTZnBG8eUOovBhMEF&sa=X&oi=translate&ct=result&resnum=1&ved=0CCgQ7gEwAA&prev=/search%3Fq%3DField%2BExpedition%2BMongolia%26hl%3Dit%26client%3Dsafari%26rls%3Den%26prmd%3Divns


Nessun evento in programma

Vai calendario eventi completo >