sei in Home > Archeologia > News > Dettaglio News
30 Marzo 2011 ARCHEOLOGIA
http://www.alphagalileo.org
RITROVATA LA TESTA DI UN UOMO DELL'ETA' DEL FERRO UCCISO CON MACABRI RITUALI
FOTOGALLERY
tempo di lettura previsto 3 min. circa

Un uomo dell'età del ferro il cui cranio e del cervello è stato riportato alla luce durante gli scavi presso l'Università di York, è stato vittima di un omicidio rituale raccapricciante, secondo una nuova ricerca.

Gli scienziati dicono che le fratture e segni sulle ossa suggeriscono l'uomo, che era di età compresa tra i 26 ei 45 anni, è morto molto probabilmente da impiccagione, dopo di che fu accuratamente decapitato e la sua testa fu poi sepolto da sola.

Gli archeologi hanno scoperto i resti nel 2008 in uno di una serie di pozzi Età del Ferro sul sito dell'Università degli Studi di £ 750.000.000 espansione campus Heslington Oriente. materiale cerebrale era ancora nel cranio che risale a circa 2500 anni ed è uno il più antico cervello superstite in Europa.

Un team multidisciplinare di scienziati, tra cui archeologi, chimici, bio-archeologi e neurologi, è stato assemblato per tentare di stabilire come il cervello dell'uomo, avrebbe potuto sopravvivere quando tutti gli altri tessuti molli decaduta lasciando solo l'osso.

Il team sta anche studiando i dettagli della morte dell'uomo e la sepoltura che possono aver contribuito alla sopravvivenza di quello che normalmente è molto vulnerabile dei tessuti molli. La ricerca, che è stato finanziato dall'Università di York e Patrimonio inglese, è pubblicato nel Journal of Archaeological Science .

Archeologi York Archaeological Trust, commissionato dall'Università di effettuare lo scavo esplorativo prima di costruire il lavoro sull'espansione campus iniziato, ha scoperto il cranio solitario a faccia in giù nella fossa in marrone scuro organico ricco, argille sabbiose.

Dal momento della scoperta, il cervello e cranio sono stati tenuti in condizioni rigorosamente controllate, ma gli scienziati hanno esaminato campioni utilizzando una serie di sofisticate apparecchiature tra cui uno scanner TC a York Hospital e spettrometri di massa presso l'Università di York.

I campioni di materiale cerebrale aveva una sequenza di DNA che le sequenze trovati trova solo in alcuni individui provenienti dalla Toscana e del Vicino Oriente. datazione al carbonio indica i resti risalgono tra 673-482BC.

fratture peri-mortem sulle vertebre del collo secondi sono coerenti con una spondilolistesi traumatica e un gruppo di circa nove orizzontale fine cut-segna fatta da un sottile strumento a lama, come un coltello, sono visibili l'aspetto frontale del Centrum.

Studi istologici trovato resti di strutture di tessuto cerebrale e delle tecniche neuroimmunologici altamente sensibili, nonché l'analisi, hanno dimostrato la presenza di una serie di lipidi e proteine â€â€¹â€â€¹specifiche del cervello nei resti.

Il team scientifico è ora indagare come questi lipidi e le proteine â€â€¹â€â€¹possono essere combinati per formare il materiale persistente del cervello sopravvivere e che cosa può dare questa visione delle circostanze tra la morte, l'ambiente di sepoltura e la conservazione del cervello Heslington.

Il team è guidato dal Dr Sonia O'Connor, ricercatore in Scienze Archeologiche presso l'Università di Bradford e Honorary Visiting Fellow presso l'Università di York. E 'incluso gli scienziati del Dipartimento di Archeologia, Biologia e Chimica a York, Scienze Archeologiche presso l'Università di Bradford, il Biocentre e il Dipartimento di Medicina di Laboratorio presso l'Università di Manchester e l'Istituto di Neurologia UCL di Londra.

Dr O'Connor ha detto: "E 'raro essere in grado di suggerire la causa di morte per umani scheletrato resti archeologici di origine. La conservazione del cervello in caso contrario resta scheletrato è ancora più sorprendente, ma non unico. "

"Questo è l'indagine più accurata mai fatta di un cervello si trovano in uno scheletro sepolto e ci ha permesso di cominciare a capire davvero perché il cervello può sopravvivere migliaia di anni dopo tutti gli altri tessuti molli sono decaduti"..

Nonostante il luogo che 'teste trofeo' sembrano aver giocato in società Età del Ferro e prove per la conservazione dei resti umani nell'età del bronzo, i ricercatori dicono che non c'è evidenza di che in questo caso. Le analisi non hanno trovato biomarcatori indicando conservazione deliberata imbalsamazione o fumare.

Dr O'Connor ha aggiunto: "Lo stato idratato del cervello e della mancanza di prove per la putrefazione suggerisce che la sepoltura, nella grana fine, i sedimenti anossici del pozzo, si è verificato molto rapidamente dopo la morte. Questa è una sequenza particolare ed inconsueto di eventi, e potrebbe essere preso come spiegazione per la conservazione cervello eccezionale ".


Nessun evento in programma

Vai calendario eventi completo >