sei in Home > Archeologia > News > Dettaglio News
24 Marzo 2011 ARCHEOLOGIA
LEONARDO SERVADIO Avvenire
ATLANTIDE - LO TSUNAMI DELL'ANTICHITÀ
FOTOGALLERY
tempo di lettura previsto 3 min. circa

A pochi metri di profondità, di fronte alle coste della Cirenaica è stata scoperta, non molto tempo fa, una città sommersa. Il sito, di origine romana tardo imperiale, risulta ben conservato malgrado il lento abbassamento del suolo che l'ha affondato in mare, ma i muri degli edifici appaiono spostati: si suppone che l'antica città sia stata investita dall'impatto di un'onda anomala, una massa liquida messa in movimento da un fenomeno sismico: uno tsunami che nel 365 d.C. scosse le coste del Mediterraneo centrale. Una regione che nell'antichità è stata interessata da sommovimenti geologici di dimensioni enormi, a fronte dei quali i terremoti pur devastanti e tragici che hanno colpito nel XX secolo città come Messina, Reggio Calabria, Avellino, apparirebbero come fenomeni minori. Sono molteplici le segnalazioni di resti archeologici sepolti nel Canale di Sicilia: la più recente delle quali venne dalla marina libica, che nel gennaio dell'anno scorso fece sapere di aver reperito indizi di un possibile insediamento urbano in una località chiamata dai pescatori Deir ash Sheytan, ovvero la 'casa di satana', perché le reti spesso lì si lacerano impigliandosi in oggetti sottomarini. È noto che sino al VII millennio avanti Cristo la superficie del Mediterraneo si trovava a una quota molto più bassa di quella attuale, sicché quelle che oggi sono isole, come le Pelagie o le Egadi, tali non erano. E che in quelle più vaste pianure baciate dal sole ma fertili (come fertili dovevano essere i territori oggi assorbiti dal deserto del Sahara: a sud di Tunisi, per esempio, c'era un vasto lago chiamato Ourgiadai) abitassero floride comunità è tanto probabile che alcuni studiosi si sono avventurati a ipotizzare che proprio in questa zona sorgesse la mitica civiltà di Atlantide. Tra questi, Alberto Arecchi, col suo 'Atlantide, un mondo scomparso, un'ipotesi per ritrovarlo' di cui parlammo su queste pagine anni addietro. Poi circa 8000 anni fa avvenne un cataclisma, o un serie di cataclismi. Si parla di un maremoto con ondate che superavano i 40 metri di altezza, eruzioni vulcaniche, sommovimenti della crosta terrestre. La civiltà o le civiltà che albergavano in quella zona furono cancellate: ne restano i ricordi tramandati nel Crizia e in altri dialoghi platonici, oltre ai ritrovamenti archeologici. Di Atlantide si parla sempre come di una civiltà avanzatissima e ricca, per quell'epoca. Ma nulla poté contro la forza degli elementi scatenati. E se la storia ci racconta di come intere civiltà possano rivelarsi fragili, quanto accaduto in Giappone non fa che confermarlo anche oggi. Certo, la tecnologia aiuta a contenere i danni - grazie alle strutture antisismiche - ma a sua volta può aggiungere nuovi pericoli: da tempo campeggia il dibattito sulla sicurezza del nucleare. Forse la differenza maggiore di cui godiamo rispetto all'epoca di Atlantide sta in qualcos'altro: nella solidarietà che possiamo mettere in campo a livello internazionale. Nel sentirsi uniti nei cinque continenti, grazie al fatto che le barriere tra razze e lingue possono essere superate. Nel concetto che 'civiltà' non sia un insieme di caratteristiche che dividono i popoli, non una bandiera da contrapporre a un'altra bandiera - a dispetto di coloro che hanno parlato di guerre tra civiltà o di fine della civiltà - ma la capacità di riconoscersi fratelli in quanto esseri umani.

TAG: Atlantide

Nessun evento in programma

Vai calendario eventi completo >